Hogwarts - Piano Terra
Hogwarts - Piano Terra


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Charlotte_Mills




    Ultima modifica di Charlotte_Mills oltre 6 mesi fa, modificato 3 volte in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 260498
       
       

    [LONDRA]

    *Una donna si stava osservando allo specchio.. quella era Charlotte Mills, Preside di Hogwarts.
    Si trovava a casa sua a Londra e nell'osservare la propria figura nel vetro riflettente era rimasta sorpresa da quanto potesse assomigliare a Brienne LeFevre che, altro non era, che la donna che l'aveva messa al mondo. Tra Charlotte e i suoi genitori non era mai corso buon sangue, in particolare con la madre che fino agli undici anni l'aveva istruita a casa come era stato fatto con lei e sua madre prima. Imparare l'arte del pianoforte, dell'equitazione e molto altro non erano mai stati i desideri della piccola Charlotte. Aveva sempre odiato la donna che doveva chiamare madre fin dalla giovane età. Lei voleva correre per i prati e magari sbucciarsi le ginocchia, ma ovviamente l'educazione che le era stata impartita era totalmente l'opposto di ciò che una bambina potesse desiderare. “Diventerai una grande strega, e senza queste conoscenze nessun mago vorrà mai sposarti!” erano le continue parole di Brienne sostenuta ovviamente da Richard Mills, marito e padre di Luke e Charlotte Mills.
    Un sorriso ironico comparve sul volto della donna allo specchio nel ricordare quelle parole della madre; si era sorbita lezioni di piano ed equitazione per un futuro roseo, ma il suo futuro, ormai passato, era stato tutto furchè rosa e fiori.
    Charlotte Mills anche se non lo dava a vedere era una donna complicata, fin troppo complicata. Cercava di tenere i propri problemi per sé e non esternarli sul luogo di lavoro o con amici in situazioni informali.
    Tutti oramai sapevano che la Preside di Hogwarts era una ex Mangiamorte, era stata lei stessa a rivelarlo anni prima durane un banchetto di inizio anno a Hogwarts, ma nessuno poteva immaginare cos'altro potesse nascondere quella strega dai capelli corvini.
    Nell'osservarsi allo specchio la ex Serpeverde, notando la straordinaria e involontaria somiglianza con la madre, decise di cambiare l'abito che aveva scelto per quella sera. L'abito rosso scuro e forse fin troppo pomposo, che seguiva la “moda magica” - cioè quella che tutte le streghe seguivano con smaniosità – non faceva per lei anche se era assai adatto all'occasione alla quale la donna doveva presenziare.
    Si avvicinò all'armadio e ne estrasse un abito totalmente diverso dal precedente.*

    ”Non corro il rischio di assomigliare a lei così.”


    *Pensò osservandosi soddisfatta.
    Doveva ammetterlo: il nero era in assoluto il suo colore preferito. Finito di sistemarsi scese in salotto dove suo figlio Kyle, mago che da li a qualche giorno avrebbe compiuto ben sei anni. Il tempo sembrava esser passato in un battito di ciglia, infatti tenere Kyle tra le braccia ancora neonato le sembrava il giorno precedente. Kyle Mills non era figlio biologico della ex Serpeverde, ma era stato adottato nel “lontano” gennaio duemilaquattordici quando il pargoletto aveva solamente qualche settimana di vita.
    Per quella volta la donna avrebbe portato con sé il figlio a Hogwarts. Era molto tempo che il maghetto non salutava i suoi amici Elfi Domestici, o che non ridesse agli scherzi di Pix e, proprio per quello il bambino per l'occasione indossava un mini completo elegante con, ai piedi, delle scarpette da ginnastica comode e per niente fastidiose.
    Charlotte sorrise al figlio davvero felice di pote rivedere il suo amico Pix, e quindi presa la mano e stretta forte si smaterializzarono ai confini del castello di Hogwarts.*

    [HOGWARTS]

    *Charlotte Mills era l'unica persona presente a Hogwarts che potesse spostarsi dal castello all'esterno con la Metropolvere o Passaporte, ma quella sera aveva deciso di fare un eccezione. Adorava passeggiare per gli esterni del castello, lo aveva sempre amato anche da adolescente. Giunta davanti al grande portone, senza un vero e proprio motivo, fu avvolta da una piacevole sensazione calore.
    Hogwarts era la sua seconda casa (proprio come era per molte/i altre/i streghe/maghi. Senza indugi però si diresse verso la sala che era stata addobbata per l'occasione.



    Statue di ghiaccio erano presenti sui numerosi tavoli rotondi, tavoli dove gli studenti del castello quella sera avrebbero cenato. Al centro della sala era presente una pista da ballo, luogo dove ci si sarebbe potuti divertire una volta terminato di degustare i dolci preparati dagli abili Elfi Domestici delle Cucine del castello.
    La donna non rimase sorpresa nel notare di essere una delle prime persone ad arrivare alla festa di Natale, o meglio conosciuto tra quelle mura come Yule Ball. Sorrise ai vari professori presenti e, dopo aver lasciato il piccolo Kyle al tavolo dei docenti a disegnare su pergamene con i suoi inseparabili pastelli, rivolse la sua attenzione alla sala che piano piano si stava riempiendo. Quell'occasione era assai amata dagli studenti di Hogwarts perché, per una volta, potevano smettere di indossare le lor divise per sbizzarrirsi con abiti eleganti, colorati ed in alcuni casi anche strambi.*

    SONORUS!

    *Deglutì, tirando un respiro profondo e iniziò a parlare con voce ferma e pacata. Troppe volte aveva organizzato degli eventi, troppe volte era stata su quel palco eppure ogni volta sembrava la prima.
    Da semplice professoressa di Arti Oscure era passata e responsabile della propria casata e poi a Preside... Doveva ancora abituarsi a tutto quello, nonostante fosse a capo di quella scuola di magia da anni non si sarebbe mai abituata totalmente a tutto quello.
    Non si sarebbe mai abituata a tutta la gioia che il suo lavoro le trasmetteva.
    Non si sarebbe mai abituata all'essere Preside di Hogwarts.*

    Salve a tutti, vi tratterrò solo pochi minuti per spiegare come si svolgerà lo Yule Ball o Ballo del Ceppo. Il programma è già stato affisso sia all'ingresso sia nelle varie sale comuni, tuttavia, dato che so che molto studenti tendono a non leggere e hanno la memoria molto corta, su quel tavolo troverete dei volantini che illustrano dettagliatamente la serata.

    *Così dicendo sfiorò con la bacchetta il foglio di pergamena che aveva in mano e, ciò che era scritto su di esso, si staccò dalla pagina e si ingrandì a dismisura, iniziando ad aleggiare a mezz'aria, neppure il più miope dei presenti avrebbe potuto non vederlo.
    Attorno a sé gli studenti e i vari adulti del castello si erano radunati per ascoltarla meglio. Da quella prospettiva “privilegiata” era possibile avere la visuale completa della sala.
    Riconosceva i volti allegri e festosi di amici, colleghi e studenti che parevano divertirsi, ognuno intento a voler vivere il proprio momento speciale, alcuni in compagnia dei compagni di Casata, altri insieme alla persona amata.
    Quanti amori erano nati proprio durante le occasioni mondane organizzate al castello.
    Detto quello la donna si congedò e lasciò i presenti alle loro chiacchiere, dopotutto da li a poco sarebbe iniziato l'abbondante banchetto.
    Era un occasione per divertirsi e non per essere, come dicevano gli studenti adolescenti, tropo “bacchettoni”.*





    Citazione:
    Orari e Location Yule Ball

    20 Dicembre- ora festa 18:15 - Arrivi e Saluti
    21 Dicembre
    22 Dicembre - ora festa 19:00 - Aperitivo a Buffet
    23 Dicembre
    24 Dicembre - ora festa 20:00 - Grande Banchetto
    25 Dicembre
    26 Dicembre
    27 Dicembre - ora festa 21:30 - Dolci a Buffet
    28 Dicembre
    29 Dicembre - ore festa 22.00 - Gran Ballo
    30 Dicembre
    31 Dicembre - ora festa 24:00 - Fuochi d'artificio e Conclusione Yule Ball

    *Ogni giorno può apparire un rametto di vischio (consultare i giochi indicati nel programma).
    **Tutta la festa verrà tenuta in un unico Topic, con riserva in caso di elevata partecipazione di dividere in corso d'opera




    Importantissimo!
    Ragazzi, vi ricordiamo che la festa si svolge in SI (Linguaggio GDR).


    Bisogna, quindi, scrivere correttamente:
    - in terza persona
    - usando il passato ( esempio: *andai a prendere una burrobirra, mentre i miei compagni chiacchieravano* )
    - discorso diretto senza nulla o tra " " (virgolette)
    - le azioni, ossia il discorso indiretto, tra * * (asterischi)
    - usare un italiano corretto (no stile sms e attenzione agli errori ortografici)
    - scrivere a inizio post dove e con chi vi trovate: (per esempio: [al banchetto con ..] [al tavolo con ..] )
    - Per la NARRAZIONE : usare la fantasia, narrare le proprie emozioni, quello che vi circonda (persone, ambiente, atmosfera, etc...)

    Solo osservando tali regole, la festa assumerà quel tocco di "magica realtà"!!!

    PS: durante questa role gli utenti che ricoprono il ruolo di professore, ma che non hanno ancora raggiunto il livello 8 del GdR, straordinariamente in questa festa saranno considerati come semplici studenti.


    Se avete dubbi o domande da fare, vi consiglio di contattare un membro dello staff. L'elenco completo lo trovate QUI


    POTETE INIZIARE A POSTARE FIN DA SUBITO.
    BUON DIVERTIMENTO Smile


    @Nuria_Mordhane, @Kate_Robinson, @Jack_Parker, @Miriana_Canon, @Emily_Walker, @Arianne_Godson, @Raffaella_Saxon, @Viola_Colombo, @Breydan_Mccurtis, @Roxanne_Plagesombre, @Miles_Halter, @Terry_Mangala, @Luke_Farach, @Alyce_Gray, @Alexis_Arden, @Emma_Herondale, @Seldszar_Duskryn, @Noemi_Lack, @Andres_Munoz, @Rhys_Silverkin, @Marshall_Gallagher, @Alice_Latorre, @Leila_Clarke, @Valerio_Mulee, @Talia_Rosewige, @Iris_Dolphin, @Loren_Grey, @Martha_Hemingway, @Dionne_Moore, @Chloe_Hills, @Sarah_Darcy, @Andrew_Oldea, @Isabelle_Lightness, @Elena_Canniel, @Celia_Lavender, @Cristine_Cullen, @Sarah_Khan, @Zack_Plans, @Lucretia_Holland, @Rachel_Watson, @Aliark_Paddlemere, @Penny_Hotter, @Riccardo_Colapietro, @Meri_Dipi, @Licia_Jackson, @Jade_Mcmeids, @Sacha_Mullett, @Josephine_Elves, @Sara_Taverna, @Giovanni_Pische, @Kristel_Hardit, @Lucy_Luvilus, @Elena_Anderson, @Lissa_Hayward, @Alberico_Percoco, @Isotta_Ferrari, @Margareth_Davies, @Fely_Crisalli, @Eirwen_Quinn, @Natuk_Denatura, @Jennyfer_Hastings, @Alessandra_Puntel, @Niki_Valdez, @Valeria_Bologna, @Valeria_Bologna, @Alice_Sophien, @Sveva_Divina, @Helena_Jonson, @Tris_Eaton, @Costanza_Styles, @Cody_Barlocco, @Jane_Casterwill, @Gianna_Fields, @Cassandra_Gibbs, @Raven_Lovely, @Tsukiko_Hayashi, @Alex_Regers, @Victoria_Anderson, @Dragonya_Goldwand, @Emeliya_Jenkins, @Vera_Grace, @Sansa_Stark, @Phoebe_Wolfshard, @Kahina_Iaquinto, @Alyson_Chalamet, @Jeanjery_Vergne, @Colin_Densaugeo, @Jade_Hailen, @Margot_Donuter, @Dorcas_Moore, @Haytham_Price, @Serendipity_Pollux, @Oscar_Thrill, @Kara_Wolf, @Manuel_Maiuolo, @Simax_Albi, @Andrea_Lewis, @Sarah_Jonson, @Aurora_Quinzel, @Salvo_Rusmor, @Emma_Williams, @Futura_Heron, @Antonia_Burns, @Simona_Blake, @Icarus_Flamvell, @Karis_Tenebris, @Maximum_Pitter, @Polaris_Mcright, @Katrin_Hopkirk, @Serenity_Hunter, @Ailea_Fuentes, @Antonio_Goldstain, @Down_Foster, @Alessia_Negriolli, @Marissa_White, @Sprotte_Smerald, @Gaia_Lazzari, @Lucrezia_Always, @Giacomo_Lois, @Chiara_Queen, @Mercy_Nevaeh, @Madeline_Williams, @Gulliver_Kwikspell, @Stellagiulia_Clarke, @Sara_Freak, @Kathrine_Winchester, @Samantha_Mitchell, @Opal_Saphirblue, @Fire_Demon, @Damian_Hammers, @Margherita_Uchiha, @Luisa_Welch, @Andrea_Braga, @Hope_White, @Esperanza_Fuentes, @Annalisa_Ziliani, @Debby_Seghezzi, @Valentina_Zanelli, @Amanda_Gomes, @Hattori_Uchiha, @Emily_Parks, @Emanuele_Santella, @Rosaline_Barnes, @Esperanza_Fuentes, @Kevin_Mitchell, @Marcus_Largh, @Mihos_Renny, @Kristal_Thratchet, @Daenerys_Martin, @Percy_Smith, @Alexander_Morgenstern, @Sylvia_Turner, @Audrey_Joplin, @Andrew_Mist, @Bellator_Rosier, @Elizabeth_Cavendish, @Shana_Sakai, @Selene_Corvin, @Elbeth_Queen, @Gwenevere_Mckenzie, @Mintaka_Poulie, @Fernando_Cipriano, @Nadal_Skett, @Frederick_Nott, @Kylesa_Mueller, @Ariel_Vanies, @Lavinia_Grent, @Juliet_Ewans, @Juliet_Ewans, @Sinfo_Arfen, @Phoebe_Hamilton, @Sibilla_Strangedreams, @Gabriel_Master, @Dragonis_Witch, @Noemi_Sanders, @Kassandra_Undomiel, @Mavero_Abraxas, @Sheevarhas_Flamel, @Grifondora_Whiterose, @Cosetto_Silverwing, @Mery_Wazlib, @Abraxas_Yaxley, @Matthew_Dibba, @Elisabeth_Stevens, @Victoria_Lagerfeld, @Steve_Stifler, @Daiana_Miller, @Kirsten_Thomson, @Mirco_Mcqueen, @Todd_Todd, @Cietta_Zietta, @Stefano_Draems,


  • Sansa_Stark

    Corvonero Responsabile di Casa

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 197
        Sansa_Stark
    Corvonero Responsabile di Casa
       
       

    [Sala Comune di Corvonero-Dormitorio]

    *Il grande giorno era arrivato: presto si sarebbe tenuto lo Yule Ball e Sansa era nervosa. Aveva paura che qualcosa potesse andare storta, ad esempio il suo cavaliere avrebbe potuto non presentarsi e la cosa sarebbe stata terribile e imbarazzante. Ripensava a quello che Zack le aveva detto quando l'aveva invitata: lo faceva affinché cambiasse opinione su di lui, per dimostrarle che poteva cambiare opinione sui Babbani, Nati-Babbani e Mezzosangue.*

    Sarà meglio che questa sera si comporti bene o giuro che me la pagherà cara

    *Pensò la Corvonero, guardando il suo riflesso nello specchio. Si stese un velo rosa di lucidalabbra. Aveva scelto un trucco leggero. Aveva spolverato anche le palpebre di rosa e a valorizzarle lo sguardo solo una linea di matita nera, un tocco legero di fard per vivacizzarle le guance. Controllò che i capelli fossero in ordine: li aveva raccolti in un alto chignon che lasciava sfuggite alcune lunghe ciocce, mettendo in evidenza il collo delicato. Indossava un lungo vestito di seta nera con un corto strascico. Le maniche, corte e scese, le lasciavano scoperte le spalle. Impreziosito da un leggero scialle di tulle nero, dal bordo delicatamente ricamato che, avvolgendola, rendeva la sua figura ancora più aggraziata di quanto già non fosse.*

    Sei bellissima Sansa



    *Non ne era del tutto, malgrado si fosse impegnata al massimo per fare bella figura, e aveva bisogno di rassicurazioni.
    Abbassò lo sguardo sui suoi piedi: indossava delle scarpe dal tacco alto, non eccessivo, ma il fatto di aver incominciato a indossare calzature di quel tipo solo di recente aumentò in lei il timore di apparire goffa e imbranata. Controllò l'ora sull'orologio che portava al polso: era il momento di andare. Un profondo respiro le scosse il petto, ma le diede quel briciolo di coraggio in più che le serviva. Poche goccie di profumo e, sì, finalmente era pronta.*

    [Sala Grande]

    *Quando varcò la soglia della Sala Grande non riuscì a credere a suoi occhi. I professori e i loro aiutanti si erano superati: le decorazioni natalizie erano meravigliose! Dal soffitto magico cadeva della neve leggera, finta probabilmente, ma non meno incantevole. Sparsi qua e là, degli abeti erano addobbati con luci colorate e festoni. Ogni cosa era adornata con nastri e decori natalizi. La ragazza si guardò attorno meravigliata. Alcuni studenti erano già arrivati: ragazzi della sua stessa età, o poco più giovani o poco più grandi. Le facevano uno strano effetto con indossi gli abitini eleganti invece delle solite divise. Notò suo fratello Robb e il suo amico Jon seduti a uno dei tavolini sparsi ordinatamente per la sala. Entrambi erano vestiti a festa e bellissimi. Ora non la vedeva, ma sapeva che Jon era venuto alla festa con la sua fidanzata. Non le piaceva quella ragazza, sebbene non avrebbe saputo spiegarne il perché.*

    Salve a tutti, vi tratterrò solo pochi minuti per spiegare come si svolgerà lo Yule Ball o Ballo del Ceppo. Il programma è già stato affisso sia all'ingresso sia nelle varie sale comuni, tuttavia, dato che so che molto studenti tendono a non leggere e hanno la memoria molto corta, su quel tavolo troverete dei volantini che illustrano dettagliatamente la serata.

    *Sentire la preside pronunciare quelle parole aumentò in Sansa l'emozione. Ancora cercò la calma, accennando un saluto verso Robb e Jon. Risposero sorridendole. Suo fratello come al solito si distrasse velocemente spostando lo sguardo altrove, mentre Jon si soffermò a fissarla. Sansa non riuscì a capire se quello sguardo fosse compiaciuto o meno per il suo abbigliamento. L'imbarazzo la costrinse però a distogliere lo sguardo. Cercò il suo cavaliere chiedendosi se non fosse già arrivato e non l'avesse visto. Forse la stava cercando. Suo fratello non sarebbe stato entusiasta nello scoprire che il suo accompagnatore per il ballo era niente di meno che un Serpeverde. Non osava immaginare la sua reazione quando sarebbe venuto a conoscenza che, per giunta, era un Purosangue.*

    @Zack_Plans, @Charlotte_Mills




    Ultima modifica di Sansa_Stark oltre 6 mesi fa, modificato 3 volte in totale


  • Kevin_Mitchell

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 4
    Galeoni: 108
       
       

    *Kevin era un ragazzo assai introverso e solitario e, proprio per quello, non aveva invitato nessuna ragazza allo Yule ball.. Anche se poteva averne adocchiata una in particolare.
    Proprio per il suo carattere aveva optato per non presenziare alla festa di fine anno ma colto dalla curiosità aveva indossato l'abito delle feste inviatogli come pacco da casa e, sfidando il suo carattere, si era diretto verso la sala addobbata per l'occasione.



    Osservandosi attorno vide alcune facce conosciute. Era davvero strano vedere i propri compagni di scuola senza le divise e con abiti elegantissimi.
    Kevin, proprio per quell'ultimo fattore, si distingueva dalla massa. Era sempre stato così anche da piccolo, solo da quando era giunto a Hogwarts e costretto alla divisa si era uniformato alla massa.
    La mancina si avvicinò agli occhiali da vista che non indossava spesso che, piano piano, sembravano cadergli da naso.
    La sala era davvero magnifica. I lunghi e tradizionali tavoli rettangolari erano scomparsi per lasciare posto a tavoli circolari con al centro delle meravigliose statue di ghiaccio. Un piccolo sorriso comparve sul volto del quattordicenne.*

    Che meraviglia.

    *Sussurrò a mezza voce mentre lo sguardo si muoveva tra la folla alla ricerca di facce conosciute.
    Sapeva che molti dei Tassorosso si erano diretti alla festa dato che la Sala Comune, luogo dalla quale lui proveniva, era rimasta deserta.
    Fu proprio in quel momento che la Preside Mills prese la parola. Mentre si poteva incontrare la donna per i corridoi del castello abitudinarmente, non era solito sentire da lei discorsi formali ma le situazioni come quelle non erano molte in quel castello immenso.*

    @Jane_Casterwill, @Raven_Lovely, @Ronald_Canard, @Helen_Benlor, @Esperanza_Fuentes, @Vera_Grace, @Sansa_Stark, @Sarah_Jonson, @Eirwen_Quinn, @Robert_Dippett, @Nuria_Mordhane, @Tsukiko_Hayashi, @Mihos_Renny, @Viola_Colombo,




    Ultima modifica di Kevin_Mitchell oltre 6 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Rosaline_Barnes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 6
    Galeoni: 560
       
       

    *Con il passare del tempo e degli anni Rosaline Barnse aveva accettato se stessa.
    Per anni e anni, sia dell'infanzia che dell'adolescenza, era stata nel mirino di molti scherni da parte dei suoi coetanei per via del colore della sua pelle sia per il suo corpo e le forme abbondanti. Ci aveva impiegato forse troppo ma alla fine aveva capito che non doveva ripudiare se stessa ma amarsi.
    L'abito che la sedicenne aveva scelto per quella serata ne era una dimostrazione. Se l'abito dell'anno precedente nascondeva le sue curve prosperose quello di quell'anno era totalmente l'opposto.
    Appariscente, luminoso, attillato.. di certo non sarebbe passato inosservato. Probabilmente molte ragazze della sua stessa età l'avrebbero derisa ma a lei piaceva.*



    E se provano a dirmi qualcosa quelle sciacquette si gusteranno il mio destro come plus del banchetto

    *Pensò tra sé e sé la ragazza varcando la porta della sala.
    Tutto era cambiato, ed in meglio. Ad attirare la sua attenzione furono però in particolare le statue di ghiacchio presenti sui tavoli che per l'occorrenza erano di forma rotonda. Si avvicinò ad una di quelle statue; era una statua che rappresentava un drago. I dettagli erano meravigliosi come l'atmosfera di quella serata.
    Quella sarebbe la sesta festa di natale per Rosaline ma nonostante fosse passato così tanto tempo ancora non si era abituata alla grandiosità di Hogwarts.
    Quell'anno, diversamente dal precedente, Rosaline sarebbe tornata a casa per le vacanze di Natale di conseguenza quella la sua ultima sera al castello prima di tornare a Londra per le settimane successive.
    Lo sguardo che si era posato sulla statua di ghiaccio si posò poi sui volti dei presenti. Non cercava nessuno in particolare dato che di veri amici, in sei anni, non se ne era fatti ma era interessante osservar ei loro volti e ipotizzare cosa potessero pensare.*


    @Sansa_Stark, @Kevin_Mitchell, @Cassandra_Gibbs, @Tsukiko_Hayashi, @Eirwen_Quinn, @Sarah_Jonson, @Charlotte_Mills,




    Ultima modifica di Rosaline_Barnes oltre 6 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Zack_Plans

    Serpeverde Responsabile di Casa
    MANGIAMORTE

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 7
    Galeoni: 223
        Zack_Plans
    Serpeverde Responsabile di Casa
       
       

    [DORITORI DI SERPEVERDE]


    *L'unico specchio a figura intera presente nella stanza di tre Serpeverde era diventato di dominio di Zack Plans, quattordicenne che si stava preparando per la festa di Natale di quella sera.
    Il ragazzo non si sarebbe recato da solo alla festa, come sicuramente sarebbe capitato ai più imbranati o timidi studenti ma aveva avuto il coraggio ( la fortuna?) di invitare Sansa Stark allo Yule Ball.
    Sansa era una Corvonero di un anno più grande di lui dai lunghi capelli rossi. Quando aveva raccontato ai suoi amici chi era riuscito a portare al ballo tutti ne erano rimasti sorpresi congratulandosi con lui. La Corvonero era una bella ragazza, nessuno poteva metterlo in dubbio ma una cosa forse poteva risultare un difetto... per Zack si trattava dello “stato di sangue”. Il Serpeverde era stato cresciuto in una famiglia interamente Purosangue e certi ideali erano stati tramandati al ragazzo che era l'unico figlio dei coniugi Plans. Gli era sempre stato detto che i Babbani non dovevano essere considerati, che erano come all'ultimo gradino di una scala gerarchica.. e pensare che le origini di Sansa ricadevano tra i non maghi faceva storcere leggermente il naso al Serpeverde.
    Nonostante quello Sansa Stark sarebbe stata la sua dama per quella sera.
    Finito di osservarsi nello specchio si sistemò un ultima volta il suo ciuffo ribelle, segno distintivo e si avviò verso la sua destinazione.



    [SALA GRANDE]


    *Come ogni anno la sala era stata stravolta e decorata per l'occasione. Alti alberi di Natale erano stati addobbati in modo magnifico, mentre al centro della sala si trovava la pista da ballo che a sua volta era circondata da numerosi tavoli.
    Numerosi erano gli studenti presenti e, di conseguenza, si mise subito alla ricerca della sua accompagnatrice.. non fu difficile trovarla, anche perché la sua chioma color del fuoco spiccava tra la folla.
    Indossava un abito scuro molto, molto elegante e che allo stesso tempo le donava moltissimo. Sembrava quasi più bella della altre volte.
    Camminando e abbottonandosi la giacca si avvicinò con fare sicuro verso la ragazza.*

    Buona sera Sansa.
    Sei davvero molto carina stasera, complimenti. Ancor più delle altre volte-


    *Affermò il ragazzo quattordicenne, cercando di sembrare il più naturale possibile.
    Tutta quella situazione era nuova per il Serpeverde, inoltre sapeva che Sansa aveva due fratelli assai protettivi di conseguenza si sentiva ancora di più in soggezione nonostante il sorriso spavaldo continuo sul suo volto.*


    @Sansa_Stark, @Rosaline_Barnes, @Kevin_Mitchell, @Charlotte_Mills, @Sarah_Khan,


  • Eirwen_Quinn

    Grifondoro Insegnante Giornalista Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 343
        Eirwen_Quinn
    Grifondoro Insegnante Giornalista Moderatore Web Certificato
       
       

    [DORMITORIO FEMMINILE - TORRE DI GRIFONDORO]


    Lo so, lo so, è solo uno stupido ballo e io sto impazzendo per nulla, ma quest’anno mi sono fatta degli amici e per una volta mi interessa anche il mio aspetto!

    *Eirwen Quinn si muoveva frenetica intorno al proprio letto, dove aveva ammucchiato tutto il necessario per prepararsi per lo Yule Ball, mentre il suo siberiano rosso se ne stava sdraiato sul cuscino. Chiunque fosse passato davanti alla porta del suo dormitorio l’avrebbe presa per pazza, dopotutto parlava ad alta voce ma con lei non c’era nessuno, le sue compagne di stanza non sapeva proprio dove fossero finite. Il suo interlocutore era il felino, che, da quando era tornata in stanza dopo la doccia, la fissava perplesso, infatti non l’aveva mai vista affannarsi per prepararsi per un evento sociale. Quello sarebbe stato il suo terzo ballo e nei due precedenti si era preparata senza mai prestare troppa attenzione a come appariva, quell’anno qualcosa era cambiato però. Non si sarebbe agghindata in maniera troppo appariscente e non aveva nemmeno intenzione di fare la smorfiosa davanti allo specchio, passando minuti a pensare a quanto era bella, semplicemente era un po’ più interessata al risultato finale. Ci aveva messo più di due anni ma aveva trovato degli amici e non voleva ritrovarsi in mezzo a loro a sentirsi a disagio, per una volta non voleva essere la ragazza anonima e silenziosa, ma divertirsi ed essere almeno un po’ notata.
    Il vestito scelto per il ballo era adagiato con cura sul letto a baldacchino, non era niente di speciale, ma le piaceva come le stava addosso e la faceva sentire a proprio agio. Era stata fortunata, lo aveva notato quell’estate in una bottega di abiti eleganti a Galway, così pochi giorni prima aveva spedito un gufo al padre sperando che fosse ancora disponibile; il giorno prima, giusto in tempo per l’evento, due gufi le avevano recapitato un grosso pacco contente l’abito e le scarpe adatte. Ciò che preferiva erano le due comode tasche nascoste tra le piume che decoravano la gonna, quando si trovava a parlare con le persone non sapeva mai come muovere con le mani; a volte si sentiva proprio impacciata e avere un posto dove posarle poteva rivelarsi molto utile quella sera.
    Tante emozioni si dibattevano dentro di lei: l’emozione per quel primo ballo forse trascorso in compagnia e l’ansia per l’imminente ritorno a Galway; quelle vacanze erano particolari per molti motivi e la tredicenne aveva bisogno di ogni cosa l’aiutasse a sentirsi più sicura. Un abito in cui per una volta sentirsi almeno carina era il primo passo, un leggero trucco avrebbe poi aiutato a completare l’outfit e a renderla pronta per l’occasione.
    Fece un bel respiro, cercando di calmare le emozioni che sentiva agitarsi nello stomaco e iniziò a prepararsi. L’abito la fasciava nel modo giusto, facendola sentire più femminile di quanto fosse mai successo; essendo l’abito piuttosto accollato decise di raccogliere i capelli in un semplice chignon, arricchito da una treccia che fermava il resto dei capelli. Soddisfatta del risultato completò la sua preparazione indossando le scarpe nere con un tacco basso, evidenziò gli occhi con del mascara e le labbra con del rossetto chiaro, mentre si avvicinava allo specchio recuperò dal portagioie gli orecchini di rubini e diamanti della madre e li indossò.*



    *Un sorriso si aprì sul suo volto, mentre osservava nello specchio il risultato. Stava meglio di quanto avrebbe mai potuto immaginare, ma soprattutto si sentiva a suo agio vestita a quel modo. Sperava che la serata sarebbe stata bella, aveva bisogno di trascorrere una serata spensierata prima di tornare a Galway, prima di affrontare il padre e probabilmente di discutere con lui nuovamente.
    Era pronta, si voltò verso il fedele felino e lo salutò con una carezza prima di dirigersi verso la Sala Grande.*

    [SALA GRANDE]


    *Eirwen varcò la grande porta, che dava accesso alla sala in cui si sarebbe tenuta la festa, e un sorriso si aprì sul suo volto. L’imponente stanza in cui solitamente si tenevano i pasti principali era irriconoscibile, agli addobbi natalizi presenti già da alcune settimane si erano uniti quelli per il ballo. I lunghi tavoli erano stati sostituiti da piccoli tavoli rotondi, su cui grandi statue di ghiaccio richiamavano l’attenzione dei partecipanti; dal soffitto incantato scendevano leggeri fiocchi di neve, che svanivano prima di raggiungere i ragazzi e i professori già radunati nella sala.
    La giovane Grifondoro aveva sempre amato l’atmosfera natalizia e quelle decorazioni la riempirono di gioia, guardandosi attorno notò che anche le altre persone presenti avevano lo stesso sorriso stampato in faccia. Quella sera non ci sarebbero state distinzioni tra case, ognuno avrebbe potuto sedersi con chi preferiva e le divise tutte uguali erano state sostituite da vestiti di ogni colore, i partecipanti avrebbero potuto esprimere sè stessi nel modo preferito.
    Con qualche timido passo entrò nella stanza quando la voce della Preside Mills attirò la sua attenzione, dando inizio alla festa. Eirwen si guardò intorno, sperando di notare qualche volto noto, riconobbe solo Rosaline, Tassorosso del sesto anno con cui aveva condiviso un’avventura notturna. Non la conosceva molto bene, non avevano mai parlato molto, ma le sembrava giusto salutarla.*

    Ciao Rosaline!

    *Disse con un sorriso, dopo essersi avvicinata. Le mane immerse nelle tasche, mentre si guardava intorno sperando di riconoscere qualcun’altro.*

    @Ronald_Canard, @Eirwen_Quinn, @Jane_Casterwill, @Sansa_Stark, @Vera_Grace, @Sarah_Jonson, @Raven_Lovely, @Annie_Motter, @Charlotte_Mills, @Chiara_Brevi, @Penny_Hotter, @Sylvia_Turner, @Robert_Dippett, @Esperanza_Fuentes, @Helen_Benlor, @Nuria_Mordhane, @Mihos_Renny, @Kevin_Mitchell, @Zack_Plans, @Rosaline_Barnes, @Cassandra_Gibbs, @Tsukiko_Hayashi, @Viola_Colombo, @Lucretia_Holland, @Dorcas_Moore, @Michel_Margherita, @Gianna_Fields, @Sophia_Hale, @Heidi_Lovely, @Kristal_Thratchet, @Sarah_Darcy, @Livia_Kira, @Ellen_Fleur, @Alessandra_Phaedra, @Selene_Cullen, @Serenity_Hunter, @Nicole_Tello, @Raffaella_Saxon, @Barbara_Kegan, @Megan_Torres, @Percy_Smith, @Loreline_Gilthoniel, @Alex_Pierri, @Axel_Buster, @Stefano_Draems, @Alex_Regers, @Jazmine_Vera, @Pix_Poltergeist, @Marcus_Largh, @Eleonora_Harrington, @Sprotte_Smerald, @Millennium_Falcon, @Axelle_Alexis, @Stellagiulia_Clarke, @Faith_Williams, @Charles_Mckain, @Camilla_Malfoi, @Philips_Xrati, @Morgana_Halliwell, @Philius_Mcwood, @Gabriel_Master, @Heleonor_Corsi, @Alexandra_Duval, @Alexandra_Sterling, @Joey_Puma, @Icah_Morrison, @Ailea_Fuentes, @Frate_Grasso, @Lulli_Pann, @Agata_Spellman, @Alice_Brainlights, @Katrin_Hopkirk, @Sarah_Khan, @Michael_Thompson, @Rose_Weasley, @Ailea_Fuentes, @Antonio_Goldstain, @Down_Foster, @Alessia_Negriolli, @Marissa_White, @Sprotte_Smerald, @Gaia_Lazzari, @Lucrezia_Always, @Giacomo_Lois, @Chiara_Queen, @Mercy_Nevaeh, @Madeline_Williams, @Gulliver_Kwikspell, @Stellagiulia_Clarke, @Sara_Freak, @Kathrine_Winchester, @Samantha_Mitchell, @Opal_Saphirblue, @Fire_Demon, @Damian_Hammers, @Margherita_Uchiha, @Luisa_Welch, @Andrea_Braga, @Hope_White, @Esperanza_Fuentes, @Annalisa_Ziliani, @Debby_Seghezzi, @Valentina_Zanelli, @Amanda_Gomes, @Hattori_Uchiha, @Emily_Parks, @Emanuele_Santella, @Raven_Lovely, @Tsukiko_Hayashi, @Alex_Regers, @Victoria_Anderson, @Dragonya_Goldwand, @Emeliya_Jenkins, @Vera_Grace, @Sansa_Stark, @Phoebe_Wolfshard, @Kahina_Iaquinto, @Alyson_Chalamet, @Jeanjery_Vergne, @Colin_Densaugeo, @Jade_Hailen, @Margot_Donuter, @Dorcas_Moore, @Haytham_Price, @Serendipity_Pollux, @Oscar_Thrill, @Kara_Wolf, @Manuel_Maiuolo, @Simax_Albi, @Andrea_Lewis, @Sarah_Jonson, @Aurora_Quinzel, @Salvo_Rusmor, @Emma_Williams, @Futura_Heron, @Antonia_Burns, @Simona_Blake, @Icarus_Flamvell, @Karis_Tenebris, @Maximum_Pitter, @Polaris_Mcright, @Lucretia_Holland, @Rachel_Watson, @Aliark_Paddlemere, @Penny_Hotter, @Riccardo_Colapietro, @Meri_Dipi, @Licia_Jackson, @Jade_Mcmeids, @Sacha_Mullett, @Josephine_Elves, @Sara_Taverna, @Giovanni_Pische, @Kristel_Hardit, @Lucy_Luvilus, @Elena_Anderson, @Lissa_Hayward, @Alberico_Percoco, @Isotta_Ferrari, @Margareth_Davies, @Fely_Crisalli, @Eirwen_Quinn, @Natuk_Denatura, @Jennyfer_Hastings, @Alessandra_Puntel, @Niki_Valdez, @Valeria_Bologna, @Valeria_Bologna, @Alice_Sophien, @Sveva_Divina, @Helena_Jonson, @Tris_Eaton, @Costanza_Styles, @Cody_Barlocco, @Nuria_Mordhane, @Kate_Robinson, @Jack_Parker, @Miriana_Canon, @Emily_Walker, @Arianne_Godson, @Raffaella_Saxon, @Viola_Colombo, @Breydan_Mccurtis, @Roxanne_Plagesombre, @Miles_Halter, @Terry_Mangala, @Luke_Farach, @Alyce_Gray, @Alexis_Arden, @Emma_Herondale, @Seldszar_Duskryn, @Noemi_Lack, @Andres_Munoz, @Rhys_Silverkin, @Marshall_Gallagher, @Alice_Latorre, @Leila_Clarke, @Valerio_Mulee, @Talia_Rosewige, @Iris_Dolphin, @Loren_Grey, @Martha_Hemingway, @Dionne_Moore, @Chloe_Hills, @Sarah_Darcy, @Andrew_Oldea, @Isabelle_Lightness, @Elena_Canniel, @Celia_Lavender,


  • Raven_Lovely

    Corvonero Insegnante

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 636
        Raven_Lovely
    Corvonero Insegnante
       
       

    [DORMITORIO CORVONERO - STANZA VIRGINIA WOOLF ORE 17]

    *Erano già alcuni giorni che Raven non riusciva a smettere di pensarci: quella sera avrebbe partecipato al suo primo Yule Ball. L’anno prima non era riuscita a partecipare, quindi non sapeva esattamente cosa aspettarsi, sapeva solo che sarebbe stato magnifico. Molte domande si stavano formulano nella sua mente, ma nessuna di queste riusciva a distoglierla dalla sua gioia nel partecipare al famosissimo ballo organizzato in onore del torneo Tremaghi.*

    [INIZIO FLASHBACK]

    *La mattina precedente era andata a fare una passeggiata ad Hogsmeade, amava quella città, ma c’era andata soprattutto per comprare l’abito. C’erano davvero molte opzioni esposte nelle vetrine: un vestito blu corto davanti e lungo dietro con la gonna di tulle, un mini dress nero (ma data la sua età non era decisamente adatto), un abito lungo bianco che sarebbe quasi andato bene per una sposa, ma niente di tutto ciò la soddisfava. Stava per perdere le speranze e tornarsene nella sua stanza, quando vide l’abito perfetto. Era rosa cipria, la parte sopra era decorata da pizzo con decori floreali, aveva una scollatura ampia lateralmente e le maniche che le arrivavano al gomito. Una piccola cintura sulla vita era posta sotto la parte inferiore del vestito, fatta di tulle e lunga fino a coprirle i piedi.*



    *Lo comprò subito, non le importava dei galeoni, lei si era innamorata del vestito ed era praticamente impossibile farle cambiare idea in quel momento ma anche il generale.*

    [FINE FLASHBACK]

    *Aprì l’armadio e lo vide, era entusiasta di aver scelto l’abito perfetto. Purtroppo nessuno l’aveva invitata, e lei stessa non aveva avuto il coraggio di invitare qualcuno, ma non avrebbe passato la serata da sola. Avrebbe sicuramente incontrato le sue amiche alla festa.*

    “In effetti non ho amici maschi”

    *Si ritrovò a pensare la Corvonero, stupita da quell’affermazione che lei stessa aveva pensato. Prima di arrivare ad Hogwarts, i suoi pochi amici erano tutti maschi, dato che le ragazze della città la prendevano costantemente in giro. I suoi genitori non avevano mai ripudiato i babbani quindi, dato che nella loro città non c’erano altri maghi, le fecero fare amicizia con alcuni non maghi del quartiere. La prendevano in giro perché non andava a scuola come tutti gli altri, perché si vestiva in modo diverso e perché la sua famiglia aveva tradizioni diverse. In quel momento si rese conto che una lacrima era caduta dalla sua guancia, sfiorando il pavimento. Decise di non pensarci più, quei tempi erano andati ormai. Indossò l’abito: si sentiva una delle principesse delle fiabe babbane che sua zia le raccontava quando era piccola. Era pronta per andare.*

    [SALA GRANDE ORE 18:15]

    *Raven era appena entrata in sala grande, restando a bocca aperta per l’enorme quantità di decorazioni, tutte magnifiche ovviamente. Se era possibile, era ancora più felice di prima. Non vedeva l’ora che iniziasse la cena e successivamente il ballo. I suoi pensieri vennero interrotti dalla voce della preside Mills, che ricordò agli studenti il programma della serata. Era tutto perfetto. La Corvonero intravide nella sala una sua concasata e, anche se non la conosceva molto bene, decise di andare a salutarla.*

    Sansa! Che piacere vederti!

    *Disse, per poi rendersi conto che l’amica aveva un accompagnatore. Non si sarebbe mai aspettata di vederla con un Serpeverde, anche dato il suo stato di sangue.*

    Zack, giusto?

    *Chiese sorridente. Quella serata sembrava poter diventare la migliore dell’anno, se non la migliore della vita della giovane Corvonero. La cena stava per iniziare, le decorazioni erano magnifiche, lei era magnifica e lo ammetteva, nonostante avesse poca autostima, e la maggior parte dei suoi amici stava per arrivare: la serata non poteva iniziare meglio.*


    @Esperanza_Fuentes, @Vera_Grace, @Ronald_Canard, @Sarah_Jonson, @Eirwen_Quinn, @Sansa_Stark, @Zack_Plans


  • Jane_Casterwill

    Grifondoro Insegnante Responsabile di Casa Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 2368
       
       

    [CASA DELLA GIOVENTÙ, ore 17.40]


    *Il giorno di cui tanto si parlava tra le mura del castello di Hogwarts era finalmente arrivato. Tutti, anche gli ex studenti, avevano provato la splendida sensazione dell’attesa del ballo. Le ragazze che speravano in un invito, anche all’ultimo minuto, gli addobbi nella Sala Grande, gli elfi sempre indaffarati a preparare mille leccornie, gli abiti da scegliere. Nei sette anni passati a scuola quello era sempre stato il periodo dell’anno preferito della ragazza e quell’anno, per la prima volta, Jane avrebbe partecipato come docente.
    Per la giovane era strano ritrovarsi nella sua camera alla Casa della Gioventù e non in quella della Torre dei Grifondoro che condivideva con le amiche. Ogni anno era abituata a mettere a soqquadro la stanza, lanciando vestiti ovunque, correndo da una parte all’altra, il tutto sotto lo sguardo di Gianna e Marina, disperate. Invece la casa che la ospitava al villaggio di Hogsmeade era deserta, solo lei si trovava in quella abitazione spesso troppo grande per una persona sola. E una volpe bianca che correva qua e là con qualche vestito in testa, facendo sorridere divertita la padrona. Quell’anno, tralasciando quella maglietta che usava per stare in casa con la quale Anyrah si stava divertendo, la stanza era troppo in ordine per essere la sua. Eppure la figura lì presente era quella di Jane. Nella stanza al secondo piano, visibile dalle scale, con la porta lasciata aperta, era ferma davanti allo specchio. Le forme coperte da un lungo vestito rosso, con delle parti in pizzo su maniche e fianchi, che lasciava scoperta la pelle candida della schiena.*



    *I capelli castani, stranamente del loro colore naturale, erano sottoposti più volte alla magia. La ex Grifondoro, con veloci colpi di bacchetta, stava cercando l'acconciatura più adatta per la serata, ma non si era accorta dell’ora. Non aveva impiegato molto tempo a applicare sul viso un po’ di trucco, specialmente intorno agli occhi per accentuare le iridi verdi, ne per indossare l’abito scelto giorni prima. Ma come sempre qualcosa doveva prendere più tempo del previsto. Davanti alla superficie riflettente, posta davanti alla porta della camera, si stava specchiando dopo aver raccolto i capelli in uno chignon, l’ennesima prova. Le lancette dell’orologio da taschino della sua famiglia, posato sul comodino poco distante, segnavano ormai le 17.40, orario nel quale la sua accompagnatrice sarebbe dovuta arrivare.
    Jane continuò a osservare la propria figura riflessa nello specchio, c’era ancora qualcosa che non la convinceva. Le iridi verdi in contrasto con il trucco scuro, ma non troppo marcato, un leggero lucidalabbra, l’abito rosso che delineava le sue forme. Fu in quel momento che si rese conto di essere osservata. Alzò lo sguardo, scorrendo lungo lo specchio, finché non incontrò un’altra figura, ben visibile grazie alla porta aperta della stanza. Sentiva il suo sguardo puntato sulla schiena e rimase a fissarla, per poi voltarsi e incontrare direttamente il suo volto.*

    [SALA GRANDE, ore 18.15]


    *Alla fine la chioma castana era stata sistemata su una spalla, sciolta con dei boccoli.
    Puntualmente Jane era arrivata al castello, varcando la soglia della Sala Grande, perfettamente addobbata come ogni anno, insieme alla persona che la stava accompagnando. Aveva fatto solo pochi passi all’interno della grande stanza, per poi fermarsi a osservare tutto quanto con un grande sorriso sulle labbra. I classici tavoli rotondi circondavano la pista da ballo, finemente decorati dalle statue di ghiaccio che non potevano mai mancare. Tre grandi alberi di Natale si trovavano in fondo alla sala, perfettamente visibili e decorati. Infine la neve che scendeva dal soffitto magico, che rendeva sempre l’atmosfera ancora più piacevole. Qua e là poteva vedere già qualche studente e al tavolo degli insegnanti i suoi colleghi. Camminando sui tacchi, che non potevano mancare a un ballo secondo lei, si diresse verso quest’ultimo, salutando con dei cenni del capo i ragazzi che incrociava durante il tragitto. La professoressa trovava molto divertente e interessante osservare gli abiti scelti dai giovani maghi e streghe per l’occasione, c’era sempre chi preferiva andare sul classico e chi, invece, optava per qualcosa di più appariscente. Una vera sfilata di moda praticamente, a partire dalla Preside che sfoggiava vestiti alla moda dei maghi, impossibili da non notare. La giovane stava appunto per raggiungere la donna, posizionata vicino al tavolo dei professori, quando notò la presenza di un’altra persona con lei. Un piccolo maghetto, seduto al tavolo, intento a disegnare. Era da molto che non vedeva il figlio adottivo della donna al quale era parecchio affezionata e vederlo così cresciuto la lasciò senza parole.*

    Buonasera Preside Mills! Chi è il suo cavaliere? Mi sembra di averlo già visto!

    *Disse alla donna, ormai arrivata anche lei al tavolo, con un sorriso, per poi osservare Kyle intento a disegnare.
    Dopo aver salutato anche gli altri presenti si mise seduta al tavolo, portando nuovamente l’attenzione alla professoressa di Arti Oscure che, come ogni volta a inizio serata, prendeva la parola. Mentre Charlotte pronunciava le solite frasi di rito, Jane spostò lo sguardo per la sala, trovandosi a osservare i volti felici dei presenti. La sala stava iniziando man mano a riempirsi di giovani maghi e streghe, chi in compagnia, chi invece in attesa degli amici. Inevitabilmente si ritrovò a pensare ai suoi di amici, specialmente quelli che non vedeva ormai da tempo.

    Le lancette del piccolo orologio che non lasciava mai incustodito, in quel momento al sicuro nella piccola borsa che aveva portato con sé, segnavano ormai le 19.00. Allo scoccare dell’ora, puntuali come sempre, su qualcuno dei tavoli rotondi con le statue di ghiaccio fecero la loro comparsa le prime prelibatezze. Insieme al chiacchiericcio generale nella stanza si propagò un piacevole profumo di cibo, emanato dal buffet di aperitivi appena comparso.*





    Finalmente!

    *Esclamò allegramente la Casterwill che sentiva lo stomaco brontolare da qualche minuto. In previsione della serata, conoscendo molto bene l’abbondanza del cibo preparato dagli elfi, aveva praticamente digiunato per tutto il giorno per godersi a pieno tutte le portate. Per questo motivo, spinta dalla fame crescente, si alzò dalla sedia sulla quale si era accomodata pronta a dirigersi verso uno dei tavoli.*

    Scusatemi io mi butto sul cibo, vi unite a me?

    *Chiese osservando i colleghi.*

    @Charlotte_Mills, @Sansa_Stark, @Kevin_Mitchell, @Rosaline_Barnes, @Zack_Plans, @Eirwen_Quinn, @Raven_Lovely, @Gianna_Fields, @Mihos_Renny, @Serenity_Hunter, @Marcus_Largh, @Eirwen_Quinn, @Jane_Casterwill, @Oliver_Zambini, @Sansa_Stark, @Allison_Yale, @Raven_Lovely, @Gianna_Fields, @Magic_Joker, @Chiara_Brevi, @Sarah_Jonson, @Helen_Benlor, @Ronald_Canard, @Vera_Grace, @Annie_Motter, @Charlotte_Mills, @Penny_Hotter, @Sylvia_Turner, @Robert_Dippett, @Esperanza_Fuentes, @Nuria_Mordhane, @Mihos_Renny, @Kevin_Mitchell, @Zack_Plans, @Rosaline_Barnes, @Cassandra_Gibbs, @Tsukiko_Hayashi, @Viola_Colombo, @Lucretia_Holland, @Dorcas_Moore, @Michel_Margherita, @Sophia_Hale, @Heidi_Lovely, @Kristal_Thratchet, @Sarah_Darcy, @Livia_Kira, @Ellen_Fleur, @Alessandra_Phaedra, @Selene_Cullen, @Serenity_Hunter, @Nicole_Tello, @Raffaella_Saxon, @Barbara_Kegan, @Megan_Torres, @Percy_Smith, @Loreline_Gilthoniel, @Alex_Pierri, @Axel_Buster, @Stefano_Draems, @Alex_Regers, @Jazmine_Vera, @Pix_Poltergeist, @Marcus_Largh, @Eleonora_Harrington, @Sprotte_Smerald, @Millennium_Falcon, @Axelle_Alexis, @Stellagiulia_Clarke, @Faith_Williams, @Charles_Mckain, @Camilla_Malfoi, @Philips_Xrati, @Morgana_Halliwell, @Philius_Mcwood, @Gabriel_Master, @Heleonor_Corsi, @Alexandra_Duval, @Alexandra_Sterling, @Joey_Puma, @Icah_Morrison, @Ailea_Fuentes, @Frate_Grasso, @Lulli_Pann, @Agata_Spellman, @Alice_Brainlights, @Katrin_Hopkirk, @Sarah_Khan, @Michael_Thompson,


  • Sansa_Stark

    Corvonero Responsabile di Casa

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 197
        Sansa_Stark
    Corvonero Responsabile di Casa
       
       

    *Il cavaliere di Sansa non la fece attendere molto. Zack arrivò poco dopo di lei e, quando lo vide, la ragazza tirò un sospiro di sollievo. Non le sembrava il tipo da dare buca a una ragazza dopo averla invitata a un ballo o da qualche altra parte, ma mai dire mai. Se c'era una cosa che la tragica morte del padre le aveva insegnato, era che non bisognava fidarsi di nessuno.*

    Buona sera Sansa.
    Sei davvero molto carina stasera, complimenti. Ancor più delle altre volte.


    *Il suo complimento sembrava sincero, tuttavia la giovane non poté fare a meno di guardare il suo cavaliere con diffidenza per un istante, poi le sue labbra si curvarono in un sorriso.*

    Buonasera a te. Grazie per il complimento anche tu stai bene. Mi piace il vestito che indossi.

    *Affermò fissando il completo elegante da uomo che Zack aveva deciso di indossare per quella sera. Sansa non aveva detto a nessuno cosa avrebbe indossato. Solo la sua migliore amica lo sapeva: Anastasia, una Corvonero come lei, ma a differenza della rossa era una Nata Babbana.*

    Vorrei presentarti mio fratello e il suo amico Jon, ma non sono sicura che sia una buona idea. Comunque se Robb o Jon ti dovessero rivolgere la parola non devi assolutamente dirgli che sei un Purosangue.

    *Lo avvertì. Non si vergognava di lui, però voleva evitare di metterlo in una situazione spiacevole. Aveva intenzione di rivelare a suo fratello le origini del suo accompagnatore, però solo dopo che si sarebbero conosciuti un po', magari non sarebbero mai diventati amici, ma sperava che per lo meno si sarebbero sopportati avvicenda.*

    Sansa! Che piacere vederti!

    *Di colpo una voce femminile fece girare Sansa. A salutarla era stata una sua concasata che aveva alcuni anni in meno di lei e che indossava un vestito meraviglioso. La rossa le sorrise.*

    Ciao, sono contenta di vederti. Sei bellissima con quel vestito.

    *Si complimentò la quindicenne sistemandosi lo scialle che era scivolato scoprendole le spalle. La nuova arrivata salutò Zack e Sansa percepì dell'incertezza nella sua voce quando pronunciò il nome del Serpeverde. La giovane cercò di prendere il suo cavaliere a braccetto e sorrise alla dodicenne.*

    Si, si chiama Zack.
    La cena sta per incominciare, forse è il caso che andiamo ha sederci. Potresti unirti a noi.


    *Propose, lanciando un'occhiata al Serpeverde e augurandosi che lui non avesse niente in contrario. Non conosceva bene Raven e il Ballo del Ceppo poteva essere l'occasione giusta per farlo.*

    @Zack_Plans, @Raven_Lovely




    Ultima modifica di Sansa_Stark oltre 6 mesi fa, modificato 2 volte in totale


  • Sarah_Khan

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 2
    Galeoni: 240
        Sarah_Khan
    Serpeverde
       
       

    *Quello sarebbe stato il secondo Yule Ball per Sarah Khan, studentessa appartenente alla casa fondata da Salazar Serpeverde.
    Reduce da una punizione al quanto dura e, a suo dire, assai ingiusta, la ragazza quella sera era pronta per partecipare alla grande festa che anticipava le vacanze natalizie. Quell'anno Sarah a differenza del precedente avrebbe passato le sue vacanze a Hogwarts. I genitori infatti avevano organizzato un viaggio per andare a trovare i vari parenti sparsi qua e la per l'Inghilterra e lei, di andare a trovare gente che a malapena si ricordava non ne aveva proprio voglia.
    Osservandosi allo specchio si sistemò il vistoso fiocco presente sul lato sinistro del vestito giallo canarino che aveva per l'occasione.



    Sarah era ancora solamente una studentessa dodicenne, di conseguenza non era il tipo da abiti troppo “pomposi” ed eleganti.
    Un ultima controllata allo specchio e si diresse verso la Sala Grande. Dalla sala comune di Serpeverde alla sua destinazione il tragitto era straordinariamente corto. Giunta nella sala si guardò attorno estasiata. Tutto era cambiato!*

    Che belli gli alberi addobbati.

    *Pensò Sarah osservando gli alti alberi di Natale. Nell'osservarsi attorno notò che alcune pietanze, probabilmente semplicemente l'antipasto del grande buffet, erano presenti sui tavoli. Prima di dirigersi con eleganza al tavolo decise però di salutare un suo grande amico: Zack.
    Aveva conosciuto Zack Plans al suo primo anno scolastico e, da quel giorno, aveva scoperto in lui un amico con le sue stesse vedute ed ideali, cose impartite dai loro genitori.
    Si avvicinò all'amico ben vestito.*

    Ciao Z!
    Non sapevo avessi un'accompagnatrice, non me l'hai raccontato!
    Piacere io sono Sarah, secondo anno di Serpeverde.


    *Affermò salutando educatamente la ragazza al fianco del Serpeverde.*

    @Sansa_Stark, @Jane_Casterwill, @Raven_Lovely, @Eirwen_Quinn, @Zack_Plans, @Rosaline_Barnes, @Kevin_Mitchell, @Vera_Grace, @Sylvia_Turner, @Alex_Regers, @Charlotte_Mills,


  • Vera_Grace

    Corvonero Responsabile di Casa

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 1076
        Vera_Grace
    Corvonero Responsabile di Casa
       
       

    [DORMITORIO FEMMINILE DI CORVONERO - STANZA R.L.MONTALCINI]


    *Vera era sdraiata sul letto, i capelli sparsi sulla coperta blu-bronzo. Quella sera ci sarebbe stato uno degli eventi più attesi dell'anno, il Ballo del Ceppo. Era occasione di divertimento, nuove amicizie e fidanzamenti, senza togliere niente al mitico banchetto. Tutti potevano partecipare, di solito le ragazze venivano accompagnate da un cavaliere oppure si recavano allo Yule Ball con le amiche. La corva si era messa d'accordo con Sarah, la sua migliore amica anche lei della casata di Corvonero. Era bello sapere che qualcuno teneva a te e ciò accadeva con lei, uno dei tanti motivi per cui erano così legate. Si erano sempre aiutate a vicenda, in ogni momento, tenendosi compagnia anche grazie alle loro età, simili se non uguali. Lei e Sarah erano in dormitorio ed entrambe si stavano preparando per il ballo, per questo che Vera era disperata sul letto, cercando di trovare la tranquillità che aveva perso cercando l'abbigliamento adatto. Ai suoi piedi, due o tre capi giacevano scomposti dopo essere stati provati e riprovati mentre nel grosso baule di legno scuro regnava sovrano il disordine. Respirando profondamente la ragazza si rialzò e si diresse stancamente di fronte allo specchio e riprese a indossare diversi abiti nel tentativo di avere un aspetto decente. Non era brutta e non si considerava tale ma a volte la sua autostima crollava anche se ciò non veniva mai mostrato in pubblico. Rovistando in quella sorta di armadio, molto diverso da quello presente in casa sua, trovò ancora ben ripiegato e ordinato un bellissimo vestito nero, abbastanza leggero ma adatto che sicuramente sarebbe andato bene. Meravigliata e soddisfatta, lo afferrò e se lo provò un po’ titubante. Le stava d’incanto, l’unico problema erano le scarpe: tacco o no? Alla fine pensò che, data l’età un minimo di tacco non sarebbe stato un problema. Osservò le uniche che aveva, per fortuna erano nere e con l’abito centravano perfettamente. Si guardò sollevata allo specchio e decise che sarebbe andata così al ballo. *



    Sarah, io inizio ad andare, così se succede qualcosa…!

    *Disse all'amica. Uscì dal dormitorio per dirigersi verso la Sala Grande dove aveva luogo lo Yule Ball. Si sistemò un secondo I capelli.*

    Speriamo in bene! Andrà tutto liscio, è solo un ballo dopotutto

    *Pensò mentre oltrepassava I tavolini attorniati da poltroncine della sala comune. Finì nel freddo corridoio che senza il calore del camino risultava un po’ cupo. *

    [SALA GRANDE – YULE BALL]


    *Arrivo dopo poco nel grande salone. Si guardò attorno e non riuscì a trattenere un “Ooh!” di meraviglia e sorpresa. La sala per l’occasione era stata addobbata in maniera spettacolare, statue e sculture dall’aspetto magico dominavano la stanza e le conferivano un’aria incantata. Stupefatta rivolse lo sguardò alle persone presenti. Nonostante fosse presto molti studenti erano già arrivati e chiacchieravano a gruppetti. Vera scorse anche la preside di Hogwarts, Charlotte_Mills, una donna un tempo appartenuta alla casa di serpeverde dai capelli corvini. Mentre aspettava l’amica, si avvicinò a Eirwen, una ragazza simpaticissima di grifondoro. Lei stava a sua volta parlando con Rosaline così Vera si avvicinò piano cercando di non dare fastidio.*

    Ciao Eirwen! Ciao Rosaline! Come state?... è da un po’ che non ci vediamo...

    *Salutò allegramente mentre un sorriso si faceva spazio sul volto solare e grazioso. Prese un volantino da un tavolo lì affianco e gli diede una veloce occhiata: il programma era ricco ed entusiasmante, sarebbe stata una serata molto piacevole, aggiunta anche alla compagnia delle sue amiche!*

    @Sarah_Jonson, @Sansa_Stark, @Jane_Casterwill, @Raven_Lovely, @Eirwen_Quinn, @Zack_Plans, @Rosaline_Barnes, @Kevin_Mitchell, @Alex_Regers, @Charlotte_Mills, @Tsukiko_Hayashi




    Ultima modifica di Vera_Grace oltre 6 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Raven_Lovely

    Corvonero Insegnante

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 636
        Raven_Lovely
    Corvonero Insegnante
       
       

    *Sansa si girò di scatto, per poi sfoggiare un sorriso evidentemente contenta dell'intervento di Raven. La salutò mantenendo il sorriso per poi complimentarsi del suo vestito, in fondo la studentessa sapeva che avrebbe fatto colpo.*

    Grazie del complimento, anche tu sei una favola!

    *La ringraziò, per poi farlo di nuovo mentalmente quando la introdusse al suo accompagnatore, vedendo la sua insicurezza. Dopo quelle parole la più grande pronunciò una frase che la lasciò leggermente di stucco.*

    La cena sta per incominciare, forse è il caso che andiamo ha sederci. Potresti unirti a noi.

    *Raven rimase per un secondo stupita, non si sarebbe mai aspettata una proposta del genere. Gli occhi si spalancarono per un secondo, per poi tornare normali anche se in ogni caso trasparivano stupore e indecisione. Non aveva la più pallida idea di cosa fare dato che, essendo la sua prima vera festa, non aveva mai avuto a che fare con una situazione simile. Continuava senza sosta a chiedersi nella sua mente se accettare o meno: se avesse accettato avrebbe probabilmente fatto da terza incomoda e certamente non era una situazione piacevole per tutti e tre, ma se avesse rifiutato probabilmente Sansa ci sarebbe rimasta leggermente delusa e la dodicenne odiava vedere persone a lei care infelici. Come per miracolo, arrivò una ragazza ad interrompere la conversazione. Se Raven aveva capito bene era la migliore amica di Zack Plans, esattamente come lui appartenente alla casata dei Serpeverde. Decise di presentarsi, sarebbe stato abbastanza scortese non farlo, e la giovane Corvonero odiava non essere gentile. Le apparenze ingannano come dicevano spesso i babbani, ma quella ragazza sembrava decisamente simpatica.*

    Ciao! Piacere, Raven Lovely, Corvonero al secondo anno.

    *Disse, per poi spostare l’argomento dei suoi pensieri ad una persona con la quale aveva molto legato negli ultimi mesi, una ragazza solare e gentile alla quale la corvetta teneva molto: Eirwen Quinn. La cercò attentamente con lo sguardo, osservando da cima a fondo la Sala Grande incantevolmente addobbata per il ballo. Anche quella mattina aveva pensato al fatto che quasi certamente si sarebbero incontrate. La trovò dall’altra parte della sala a parlare con Vera Grace, una Corvonero che aveva avuto il piacere di conoscere qualche settimana prima, e una ragazza dalla pelle scura con un vestito meraviglioso a parer suo, che non conosceva affatto.*

    Direi di salutarla più tardi, non vorrei interrompere la sua conversazione.

    *Dopo qualche secondo, prese coraggio e rispose alla domanda alla quale qualche minuto prima aveva reagito in un modo non esattamente calmo, anche se non ne aveva dato prova essendo fortunatamente, e sfortunatamente, lei una persona che non dimostra molto apertamente ciò che prova.*

    Comunque mi farebbe molto piacere unirmi a voi. L’unica cosa è che non vorrei risultare come terza incomoda.

    *Disse, pensando che non avrebbe potuto scegliere parole migliori per esprimersi. A quel punto c’era solo da aspettare la risposta della sua concasata e del suo accompagnatore.*


    @Sansa_Stark, @Zack_Plans, @Sarah_Khan, @Eirwen_Quinn


  • Eirwen_Quinn

    Grifondoro Insegnante Giornalista Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 343
        Eirwen_Quinn
    Grifondoro Insegnante Giornalista Moderatore Web Certificato
       
       

    *Il momento più atteso dell'anno era arrivato, anche quell'anno lo Yule Ball aveva portato gioia e divertimento al castello. La Sala Grande era gremita di studenti e professori, tutti con abiti da sera più o meno eleganti di svariati colori. In mezzo a tutti quei volti Eirwen Quinn nel suo abito lungo se ne stava in piedi accanto ad una conoscente, appartenente alla casa di Tassorosso.
    Una mano si sollevò a cercare una ciocca di capelli da arrotolare con fare nervoso, ma ancora prima di portare a termine il movimento si rese conto che sarebbe stato impossibile farlo; i lunghi capelli quella sera erano raccolti in un alto chignon, avrebbe dovuto tenere le mani immerse nelle tasche. Le occasioni sociali la mettevano sempre a disagio, ma quell'anno si era ripromessa di non starsene sola in un angolo. Il primo passo nella giusta direzione l'aveva fatto andando a salutare Rosaline, dopotutto non avevano molta confidenza, avevano solo condiviso una serata a trasgredire il coprifuoco.
    Pochi istanti dopo una voce familiare pronunciò il suo nome, era Vera un'amica appartenente alla casa di Corvonero, era curioso come tutti i legami che aveva instaurato in quei mesi fossero con ragazze della casa blu bronzo.*

    Vera! Sono felice di vederti, è da molto che non ci incontriamo! Come stai?

    *Era felice di incontrare qualcuno con cui aveva confidenza e un sorriso si aprì sul suo volto.
    A quel punto lo stomaco iniziò a brontolare; conoscendo le spettacolari doti culinarie degli elfi quel giorno si era tenuta leggera, non voleva essere costretta a rinunciare a qualche prelibatezza. La sua mente iniziò a pensare a quali leccornie avrebbero riempito i tavoli da lì a poco, quando attorno alle statue di ghiaccio apparvero i vassoi degli antipasti.*

    Siii, finalmente si mangia!

    *Le parole le erano uscite a voce più alta di quanto fosse nelle sue intenzioni e, a giudicare dai sorrisi delle persone intorno, era stata udita. Le guance si tinsero di rosso, mentre Eirwen con un sorriso imbarazzato stampato in viso si rivolse alle ragazze accanto a lei.*

    Ehm...che ne dite se andiamo a prendere qualcosa da mangiare? Se non si è capito ho fame.

    *A quel punto si avvicinò ai tavoli imbanditi, per placare il suo stomaco affamato.
    Con il piatto pieno di invitanti antipasti stretto tra le mani si diresse verso i tavoli liberi dai vassoi, sperando che Vera la stesse seguendo, quando un abito rosa cipria e dei lunghi capelli biondi attirarono la sua attenzione.*

    Raven! Che bello vederti, ti stavo cercando.

    *Esclamò una volta raggiunta l'amica, alcune settimane prima le due ragazze avevano condiviso un interessante pomeriggio in biblioteca e avevano avuto occasione di conoscersi meglio. Eirwen era felice di potere condividere quell'esperienza con la giovane Corvonero.*

    Possiamo unirci a voi? Io sono Eirwen Quinn!

    *Aggiunse poi, avendo notato la presenza di altre persone. Due dei presenti li aveva conosciuti settimane prima, erano i due Serpeverde puniti dalla professoressa Casterwill e lei era stata presente durante la loro punizione nel laboratorio di Pozioni.
    Quella era davvero una bella serata, diversa da quella dell'anno precedente, trascorsa praticamente sola. In quel momento era invece circondata da persone e si sentiva felice. Per la prima volta capì cosa voleva dire "il tempo vola quando ci si diverte", in un batter d'occhio erano arrivate le 20.00, era l'ora del Grande Banchetto.
    A differenza dell'antipasto, le portate principali sarebbero state servite ai tavoli, accanto alle sculture di ghiaccio erano stati sistemati dei menù con elencate le pietanze che ognuno avrebbe potuto scegliere. Bastava pronunciare ad alta voce il piatto desiderato e quello sarebbe apparso.*

    Citazione:

    Cock-a-leekie soup (zuppa di pollo e porri)



    Leek and tattie soup (zuppa di porri e patate)



    Bangers and mash (salsicce con purè)



    Salmone scozzese con salsa al dragoncello



    Patate arrosto



    Carote arrosto




    *Gli Elfi Domestici quell'anno si erano superati, l'idea di servire un tipico pasto scozzese piacque molto ad Eirwen, che non sapeva cosa scegliere.*

    Wow c'è l'imbarazzo della scelta!

    Mmm vediamo...zuppa di porri e patate per iniziare!


    *Pochi istanti dopo il piatto desiderato apparve davanti a lei, un sorriso si aprì sul suo volto; cibo e compagnia ottimi stavano rendendo quella serata perfetta per la tredicenne.*

    @Charlotte_Mills, @Sansa_Stark, @Kevin_Mitchell, @Rosaline_Barnes, @Zack_Plans, @Eirwen_Quinn, @Raven_Lovely, @Gianna_Fields, @Mihos_Renny, @Serenity_Hunter, @Marcus_Largh, @Eirwen_Quinn, @Jane_Casterwill, @Oliver_Zambini, @Sansa_Stark, @Allison_Yale, @Raven_Lovely, @Gianna_Fields, @Magic_Joker, @Chiara_Brevi, @Sarah_Jonson, @Helen_Benlor, @Ronald_Canard, @Vera_Grace, @Annie_Motter, @Charlotte_Mills, @Penny_Hotter, @Sylvia_Turner, @Robert_Dippett, @Esperanza_Fuentes, @Nuria_Mordhane, @Mihos_Renny, @Kevin_Mitchell, @Zack_Plans, @Rosaline_Barnes, @Cassandra_Gibbs, @Tsukiko_Hayashi, @Viola_Colombo, @Lucretia_Holland, @Dorcas_Moore, @Michel_Margherita, @Sophia_Hale, @Heidi_Lovely, @Kristal_Thratchet, @Sarah_Darcy, @Livia_Kira, @Ellen_Fleur, @Alessandra_Phaedra, @Selene_Cullen, @Serenity_Hunter, @Nicole_Tello, @Raffaella_Saxon, @Barbara_Kegan, @Megan_Torres, @Percy_Smith, @Loreline_Gilthoniel, @Alex_Pierri, @Axel_Buster, @Stefano_Draems, @Alex_Regers, @Jazmine_Vera, @Pix_Poltergeist, @Marcus_Largh, @Eleonora_Harrington, @Sprotte_Smerald, @Millennium_Falcon, @Axelle_Alexis, @Stellagiulia_Clarke, @Faith_Williams, @Charles_Mckain, @Camilla_Malfoi, @Philips_Xrati, @Morgana_Halliwell, @Philius_Mcwood, @Gabriel_Master, @Heleonor_Corsi, @Alexandra_Duval, @Alexandra_Sterling, @Joey_Puma, @Icah_Morrison, @Ailea_Fuentes, @Frate_Grasso, @Lulli_Pann, @Agata_Spellman, @Alice_Brainlights, @Katrin_Hopkirk, @Sarah_Khan, @Michael_Thompson,


  • Lucretia_Holland

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 2
    Galeoni: 322
       
       

    [DORMITORIO GRIFONDORO]


    *La piccola Grifondoro si stava ancor dimenando con fare nervoso per la stanza. Oggi era il grande giorno, per lei era il primo Yule Ball e di certo non voleva iniziare questa bella tradizione con il piede sbagliato. Aveva scelto un bel vestito blu scuro ricamato in pizzo, forse suo padre non sarebbe stato contento, era sempre la sua "bambina" per lui. Lucretia era disperata sul fattore capelli, i suoi ricci ribelli non volevano saperne di sistemarsi, non trovava un modo per acconciarli. Sciolti erano troppo gonfi, aveva fatto la doccia prima, li aveva asciugati come sempre, ma si sa che i capelli ricci vengono ogni volta in modo diverso, e quella sera avevano deciso di farla sembrare un leone. La stanza era un caos totale, come suo solito il disordine regnava sovrano, ogni volta che si preparava, lanciava tutto per l'aria, e lasciava le cose dove capitava: se per un attimo un occhio esterno osservasse la stanza, poteva vedere un gran ordine sfociare, nell'area di Lucretia, in disastro puro, anche i trucchi erano sparsi vicino lo specchio. Quando finalmente arrivò ad una decisione per i capelli, pensò al trucco, una leggera linea di eyeliner, un pò di rimmel e un tocco di terra per marcarle i zigomi. All'improvviso si ricordò di uno dei regali che suo padre le aveva fatto prima di partire, un lucida labbra rosato, leggermente luminoso, aveva detto che adesso che andava a scuola ed era diventata grande le serviva qualcosa da vera donna. Non che la pensasse proprio così, ma aveva provato, per una volta, a non trattarla come una bambina. Se lo mise ed infine si guardò allo specchio sorridendo, per vedere l'effetto che quel rosa dava, nel complesso, al suo outfit. Presto quel sorriso cessò, aveva molta ansia, non sapeva cosa aspettarsi da quella sera: conosceva molte persone, ma la maggior parte di vista, al massimo qualche parola scambiata in alcune circostanze; non poteva dire di avere dei veri e propri amici, e questo le fece venire un mal di stomaco terribile. Guardò Myra, che ricambiò il suo sguardo triste con uno molto rilassato, quasi felice. Lucretia si disse che se avesse potuto sorridere, probabilmente lo avrebbe fatto.*

    Piccola Myra

    *L'accarezzò sulla testa facendo scorrere la mano sul piumato liscio e candido. Doveva farsi forza, non poteva rimanere chiusa li dentro, perciò fece un passo deciso in direzione della Sala Grande. In fondo doveva mangiare, forse poteva andarsene dopo, comunque nessuno se ne sarebbe accorto. La ragazza sbuffò.*

    "Così non va bene Lucretia..."




    [SALA GRANDE-YULE BALL]


    *Se non fosse uscita se ne sarebbe davvero pentita. La Sala era bellissima, statue di ghiaccio sui lunghi tavoli, una leggera neve che scendeva dal soffitto, magnifica! Lucretia ampliò lo sguardo e vide i professori seduti in fondo, vestiti in modo vario, la loro lunga tavolata dava sulla pista da ballo, posizionata al centro. La preside Mills aveva appena finito di parlare, Luretia non si era accorta di essersi fermata proprio all'entrata, talmente stupita dalle bellissime decorazioni. Si guardò attorno nervosa: alcuni studenti erano già arrivati, ne notò alcuni che aveva già visto ma di cui non ricordava il nome, altri tra cui Rosaline ed Erwein che conosceva. La Grifondoro dopo poco notò i banchetti riempirsi di leccornie, immaginò gli elfi muoversi con grande fermento nelle cucine, cercando di preparare una cena degna di essere mangiata, del resto il loro cibo era sempre buono, adorava i banchetti di Hogwarts, sarebbe quasi voluta scendere nelle cucine e stringere loro la mano, facendoli inoltre gli auguri. Si avventò sulle patate al forno, uno dei suoi piatti preferiti e prese qualcos'altro velocemente cercando di tornare al più presto al tavolo, si sentiva a disagio.*

    "Speriamo che la serata passi in fretta"

    *Disse inforchettando un patata e avvicinandola lentamente alla bocca, mentre osservava alcuni studenti della festa con i propri accompagnatori; Lucretia non lo aveva e una parte di lei era contenta: meno aspettative da soddisfare.*


Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo