Hogwarts - Dintorni
Hogwarts - Dintorni


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Lucifer_Morningstar


  • Lucifer_Morningstar

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 3
    Galeoni: 397
       
       

    [DORMITORIO DI SERPEVERDE]



    *Lucifer aveva finalmente finito le lezioni per quella giornata. Dopo un po' di meritato riposo, decise di andare in riva al lago a respirare un po' di aria fresca e a godersi il fascino della natura. Magari ne avrebbe anche approfittato per indagare un po' più a fondo sui suoi fratelli, pertanto decise di portare il suo fidato taccuino con lui.*


    [IN RIVA AL LAGO]



    *Dopo una bella camminata, Lucifer raggiunse la riva del lago. Era proprio una splendida giornata, tirava una leggera brezza e il sole illuminava la pallida pelle del giovane ragazzo. Fortunatamente per lui, non c'era nessuno. Essendo Veela per metà, sperava vivamente che la sua bellezza ereditata dalla madre non avesse attirato l'attenzione di nessuno, ragazza o ragazzo che fosse. Voleva solo godersi il momento senza interruzioni. Trovò un posto particolarmente piacevole e si mise sdraiato, gli occhi rivolti al cielo. Per un po' rimase così, ammirando l'intensità dell'azzurro del cielo e qualche creatura che di tanto in tanto solcava l'aria. Dopo una buona mezz'oretta passata così, decise che era ora di mettersi a lavoro. Prese quindi il taccuino e la piuma d'oca, si mise a pancia in giù e cominciò a pensare alla sua ricerca.*

    In che altro modo potrei cercare i miei fratelli? Ho appurato che cercandoli negli elenchi richiederebbe troppo tempo e non è neanche detto che riesca a trovarli. Com'è possibile trovare qualcuno partendo soltanto da tre lettere del cognome??

    *Mille pensieri gli frullavano in testa, la sua mano cominciò a disegnare vari ghirigori sul taccuino. Gli succedeva spesso, specialmente quando era stressato. Lucifer non era certo qualcuno che si arrendeva e reagiva malissimo se qualcosa non gli riusciva, ma soprattutto se non gli riusciva come avrebbe voluto lui. Se solo sua madre gli avesse scritto il cognome per intero...*

    Procediamo per ordine... Secondo la lettera di mamma, quando sono nato William aveva 9 anni, mentre Richard e Josh ne avevano 10, quindi se i calcoli non mi ingannano, ora dovrebbero avere 21 anni, il che significa che se sono andati a scuola, si sono già diplomati...

    *Lucifer cominciò ad appuntare questi dettagli nel taccuino. Certo, avrebbe potuto cercarli negli annuari scolastici, ma non sapeva neanche se tali annuari esistessero! Inoltre, avrebbero potuto benissimo frequentare un'altra scuola e non Hogwarts per forza. No, le informazioni a sua disposizione erano ancora poche. Il Municipio di Hogsmeade poteva essere un'idea, ma non c'era un ufficio persone scomparse. Mise da parte il taccuino e si girò nuovamente per portare gli occhi al cielo, sperando che in quel lasso di tempo che si era concesso gli fosse venuta qualche altra idea.*




  • Zack_Plans

    Serpeverde Responsabile di Casa

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 697
        Zack_Plans
    Serpeverde Responsabile di Casa
       
       

    [RIVA DEL LAGO NERO]


    *Con una precisa canzone in mente un ragazzo stava camminando per la riva del lago quel pomeriggio di fine gennaio.
    Erano da poco passate le tre del pomeriggio e di studiare, Zack Plans, ne aveva avuto abbastanza. Dopo la mattinata passata nelle aule scolastiche aveva deciso di passare il suo primo pomeriggio in Biblioteca per ripassare le materie del giorno dopo. Quello per il Serpeverde era un anno particolare infatti, finalmente, avrebbe sostenuto a fine anno i famigerati G.U.F.O., esami che segnavano la carriera scolastica e poi lavorativa di ogni singolo studente.
    Sapeva che prima o poi sarebbe capitato anche a lui sostenere quegli esami della quale i suoi genitori, in particolare suo padre, gli avevano raccontato
    Il Prefetto di Serepverde, con la propria spilla appuntata al petto, da qualche settimana però sembrava leggermente cambiato. Era decisamente più solitario di prima e soprattutto irritabile con chi lo interrompeva in qualsiasi cosa stesse facendo.
    Quelle reazioni erano frutto di un grave lutto da lui molto sentito. Qualche settimana prima infatti era deceduto proprio suo padre, l'uomo con cui era cresciuto e con cui aveva scoperto la magia e la bellezza in sé contenuta.*

    E' impensabile.
    Ma come ha potuto solo pensarlo..


    *Pensò il ragazzo tra sé e sé pensando a come si era comportata sua madre. La donna infatti gli aveva “vietato” di recarsi a casa per prendere parte al funerale del padre e lo aveva costretto a rimanere li per studiare, ma studiare con quel pensiero in testa era stato davvero difficile. Aveva addirittura cercato di convincere la preside Mills a lasciarlo andare, ma ovviamente avendo lei la tutela degli studenti non potè lasciarlo andare. Da quel giorno si era chiuso ancor di più in sé stesso.
    Camminare per la riva del lago sembrava l'unica cosa che riuscisse a calmarlo, ed era proprio per quello che in quei giorni si poteva incontrare Zack proprio in quella location.


    Passo dopo passo il leggero venticello freddo ed invernale accarezzava il suo volto roseo e sotto i suoi piedi invece la ghiaia e i piccoli sassolini si muovevano disordinati.
    Si fermò solo quando notò una figura a lui conosciuta. Era Lucifer, un ragazzo che conosceva ma che con la quale non aveva mai intrapreso una vera e propria conversazione, di lui però giravano voci su i suoi genitori e il motivo per cui numerose ragazze si voltavano ogni volta che lui passava.*

    Ehy Lucifer.

    *Disse salutandolo.
    Sembrava un tipo curioso, così come era curioso il suo nome e le voci che giravano su di lui.*

    Anche tu qua?


    @Lucifer_Morningstar,


  • Lucifer_Morningstar

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 3
    Galeoni: 397
       
       

    *Lucifer ormai aveva perso la cognizione del tempo. Quando si immergeva nella natura, era così. Niente e nessuno aveva importanza. Ma, ahimè, quella pace era finita. Sentì qualcuno camminare sulla ghiaia e sperava vivamente che non si trattasse di un Grifondoro. Non l'avrebbe potuto tollerare...*

    Ehy Lucifer.
    Anche tu qua?


    *Riconobbe subito quella voce e fu sollevato. Si trattava di Zack Plans, suo compagno Serpeverde nonché Prefetto. Nei 5 mesi di appartenenza a Hogwarts, Zack era l'unica persona che Lucifer riuscisse a sopportare. Forse perché erano particolarmente simili. I loro caratteri erano pressoché identici e, se non fosse stato per l'aspetto completamente diverso, potevano essere scambiati per fratelli. Inoltre, Lucifer aveva scoperto che Zack aveva perso il padre da poco, ma non ebbero avuto ancora modo di parlarne. Certo, era un tasto molto dolente per il ragazzo, ma sfortunatamente era un altro punto che li accomunava.*

    Ehy Zack, come va?
    Sì, ho finito le lezioni per oggi e ne ho approfittato per fare quattro passi fuori dalle mura e godermi la giornata.
    Tu? Preso a studiare per i G.U.F.O.?


    *Già, Zack era al suo quinto anno e tra due anni Lucifer si sarebbe ritrovato di nuovo da solo. Comunque, al momento Lucifer non se la sentiva di tirare in ballo il padre del ragazzo. Se veramente fossero stati uguali, avrebbe preferito stare in lutto da solo e parlarne solo se era lui a volerlo. Quindi, decise di continuare a parlargli come se nulla fosse.*

    Sai? Stavo pensando che nonostante non abbiamo mai parlato troppo, tra una cosa e l'altra, sei praticamente l'unica persona che sopporto e tra due anni te ne andrai. Credo che anche tu non ti sia fatto molti amici a Hogwarts. Come hai resistito per cinque anni?

    *Lucifer era interessato a scoprire di più sul ragazzo e magari Zack aveva qualche buon suggerimento per lui essendo più grande. Poteva essere il fratello che non aveva mai trovato in William, non potendo fare un confronto con Josh e Richard visto che non li aveva mai conosciuti.*




    @Zack_Plans




    Ultima modifica di Lucifer_Morningstar circa 3 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Zack_Plans

    Serpeverde Responsabile di Casa

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 697
        Zack_Plans
    Serpeverde Responsabile di Casa
       
       

    *Doveva ammetterlo: Lucifer era un ragazzo dall'aspetto davvero gradevole, e lo diceva lui che non aveva mai osservato ragazzi o ragazze in “certi sensi”. Chissà se ciò che si diceva in giro su di lui era vero, lo conosceva da qualche mese oramai ma non aveva mai chiacchierato veramente con lui, era purtroppo un aspetto negativo del suo carattere.*

    [..]Sì, ho finito le lezioni per oggi e ne ho approfittato per fare quattro passi fuori dalle mura e godermi la giornata.
    Tu? Preso a studiare per i G.U.F.O.?


    *Gli domandò il compagno di casata, sapendo bene che Zack era appunto uno studente del quinto anno oltre che il Prefetto della loro casata.*

    Da quando sono tornato dalle vacanze ho fatto un po' fatica a tornare sullo studio, ma piano piano sto riprendendo il ritmo.

    *Affermò il serpino più grande tra i due, non spiegando il perchè al compagno verde-argento. Non voleva essere compianto o altre cose da femminucce.. non ne era il tipo. Pensando ai G.U.F.O. Però si rese conto di quanto tempo era passato dal giorno del suo smistamento e, sopratutto, da quanto tempo lo divideva dalla vera vita adulta. Aveva passato cinque anni li dentro a studiare nozioni su nozioni e ne mancavano ancora due per potersi definire veramente un mago.*

    Sai? Stavo pensando che nonostante non abbiamo mai parlato troppo, tra una cosa e l'altra, sei praticamente l'unica persona che sopporto e tra due anni te ne andrai. Credo che anche tu non ti sia fatto molti amici a Hogwarts. Come hai resistito per cinque anni?

    *Una leggera risatina uscì dalle labbra di Zack. Come era sopravvissuto? Lui era sempre stato solo, fin da bambino. Da bambino l'essere figlio unico lo aveva aiutato con il giocare in tranquillità e da solo, sopratutto per le “amicizie” che i genitori cercavano di non fargli frequentare. Ecco come era sopravvissuto: l'abitudine.*

    Per me non è stato difficile. Mi ha aiutato l'abitudine.

    *Disse il Prefetto raccontando qualcosa della sua famiglia a Lucifer.
    Raccontò di essere figlio unico e che i suoi genitori erano di provenienza Purosangue e che, sopratutto, le loro idee “puriste” li avevano quasi isolati dal resto del mondo magico che per loro era oramai contaminato dai sangue marcio e dal peggio che poteva esserci.*

    Conosco però una ragazza, Serpeverde, che potrebbe essere una buona amica anche per te, è stata una delle poche persone con la quale ho legato. Quando l'ho conosciuta ho rivisto molto di me in lei per via delle varie idee in comune.. non so se intendi.


    *Affermò, osservandolo curioso.
    Sapeva molto poco su Lucifer, di conseguenza captare qualsiasi tipo di espressione sul suo volto e di parola uscire dalla sua bocca in quel momento era la sua priorità.*

    @Lucifer_Morningstar,


  • Lucifer_Morningstar

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 3
    Galeoni: 397
       
       

    *Zack sembrava proprio un bravo ragazzo. Nonostante Lucifer lo avesse bombardato di domande, il Prefetto aveva risposto a tutto. Mentre ascoltava le varie risposte e spiegazioni di Zack, Lucifer notò che lo studente del quinto anno non si era messo né sdraiato né seduto. Decise quindi di mettersi seduto. Non amava stare in quella posizione quando qualcuno lo sovrastava, probabilmente a causa degli innumerevoli soprusi di suo fratello. Continuando ad ascoltare, prese qualche ciottolo e lo fece rimbalzare sullo specchio scuro e immobile del lago. I ciottoli rimbalzarono prontamente, distruggendo per un attimo quella calma, per poi sprofondare chissà dove.*

    Da quando sono tornato dalle vacanze ho fatto un po' fatica a tornare sullo studio, ma piano piano sto riprendendo il ritmo.

    *Gli rispose alla prima domanda. Come sospettava, Zack non aveva alcuna intenzione di parlare del dolore che provava per la scomparsa del padre, anche se Lucifer aveva effettivamente notato un cambiamento in lui. Era… come dire… più oscuro.*

    Ti invidio Zack. Tra qualche anno non dovrai più pensare a nulla e potrai finalmente fare ciò che hai sempre desiderato. Hogwarts sarà solo un ricordo lontano. Per me invece la strada è ancora lunga. Devo stare qui a imparare degli sciocchi incantesimi quando potrei starmene a casa a studiare quelli che veramente voglio imparare.

    *Ovviamente Lucifer non specificò cosa volesse veramente imparare. Non voleva di certo che qualche orecchio indiscreto avesse sentito tutto per poi andarlo a riferire a qualcuno. Ma si fidava di Zack ed era convinto che il ragazzo avesse capito esattamente cosa Lucifer volesse dire. Alla seconda domanda di Lucifer, Zack rise leggermente. Quindi era possibile per un Serpeverde e per elementi oscuri come Zack e Lucifer ridere? L’undicenne non ci riusciva più dalla morte dei suoi genitori. Il suo sguardo era impassibile. I suoi compagni non avrebbero mai capito se fosse stato felice o arrabbiato e questa poteva essere un’arma a suo vantaggio. Zack spiegò a Lucifer di essere figlio unico e delle idee “puriste” dei suoi genitori.*

    Io invece sono solo da circa due annetti. Suppongo che mi serva qualche altro annetto per sviluppare una vera e propria abitudine.

    *Gli rispose il giovane Serpeverde e decise anche lui di aprirsi un po’, magari il loro legame sarebbe diventato più forte. Spiegò quindi a Zack che da due anni Lucifer si trovava a vivere con i nonni e il fratello che lo odiavano. Fu anche la prima persona a cui Lucifer disse che la madre gli aveva confessato che c’erano in giro altri due Morningstar, ma che fino a quel momento Lucifer non era riuscito a trovare.*

    Sai? Spero vivamente di trovarli un giorno. Potrebbe essere un cambio significativo per me e, penso sarai d’accordo con me, ogni tanto ce lo meritiamo anche noi Serpentelli, no?

    *Continuò Lucifer. Alla sua ultima domanda, Zack gli disse che aveva stretto una buona amicizia con un’altra Serpeverde e che condividevano varie idee in comune.*

    […] non so se intendi.

    *Quella frase era molto vaga per il giovane Lucifer. A cosa si riferiva Zack? Era deciso a scoprire qualcosa di più, ma non opprimendo il suo interlocutore.*

    Penso che anche io e te abbiamo qualche idea in comune. Per esempio, deduco che anche tu odi i Nati-Babbani. Ti riferisci a cose simili?

    *Gli chiese infine Lucifer. Forse Zack si riferiva anche a qualcosa di più di una semplice idea condivisa, ma non poteva certo chiederglielo direttamente. No, era Zack che doveva aprirsi se voleva e Lucifer ci sperava anche. D'altronde, non aveva avuto una conversazione così intensa da due anni.*




    @Zack_Plans




    Ultima modifica di Lucifer_Morningstar circa 3 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Zack_Plans

    Serpeverde Responsabile di Casa

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 697
        Zack_Plans
    Serpeverde Responsabile di Casa
       
       

    *Zack aveva lanciato una bomba.. chissà come avrebbe risposto Lucifer, ragazzo che il prefetto non conosceva molto bene.
    Le sue parole però fecero comparire un piccolo sorriso suo volto del Serpeverde più grande.*

    Penso che anche io e te abbiamo qualche idea in comune. Per esempio, deduco che anche tu odi i Nati-Babbani. Ti riferisci a cose simili?



    Si... penso proprio che ce la intendiremo assai molto bene noi due.

    *Affermò Zack Plans rivolgendosi al nuovo amico al suo fianco. Aveva altre cose da domandargli, ma la prima cosa che gli venne in mente era la diceria che girava per i corridoi del castello.*

    Posso farti una domanda: girano voci sulla tua.. ehm, “discendenza” assai caratteristica. E' così?

    *Domandò, curioso di scoprire qualcosa di più sul Serpeverde che conosceva già, ma non così bene come si poteva immaginare.
    Zack non era un ragazzo che chiacchierava spesso con gli altri, anche se questi erano Serpeverde. Era un ragazzo particolare e lo si poteva ben vedere. Ovviamente non avrebbe voluto mettere in imbarazzo il nuovo amico quindi se lui non voleva rispondergli non c'erano problemi.. infondo iniziava a vedere un po' di se stesso nel ragazzino difronte a lui.
    Chissà.. magari più avanti negli anni sarebbe potuto diventare anche lui Prefetto della loro amata casata.*



    @Lucifer_Morningstar,