• Cassandra_Gibbs

    Grifondoro Insegnante

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 693
       
       

    NASCITA DEL CINEMA ED I SUOI PRIMI ANNI DI VITA

    Le ore erano diventi giorni, i giorni settimane e le settimane infine si erano tramutate in mesi. Mesi in cui Cassandra si era dedicata anima e corpo al suo ruolo di insegnante. I primi tempi non erano stati per nulla semplici, il più delle volte si era sentita fuori posto dietro quella cattedra, ma ora con il trascorrere delle giornate aveva imparato che nulla era impossibile e che se avesse voluto e si fosse impegnata anche il ruolo che ora ricopriva poteva aiutarla a crescere, esattamente come sperava di fare lei con i suoi studenti.
    Negli ultimi tempi le veniva quasi naturale trovare un nuovo argomento per le sue lezioni. Per diversi mesi si era dedicata alle ricerche, fino a quando non aveva trovato quello che riteneva l’argomento perfetto per l’imminente lezione, il tutto accompagnato da una piccola diapositiva già pronta per l’uso.
    Cinque minuti prima dell’inizio della lezione, fissato per le dieci, senti il suono ormai famigliare dei ragazzi che si avvicinavano alla sua aula. Come di consueto i ragazzi l’avrebbero trovata appoggiata alla cattedra con le braccia conserte ed una gamba appoggiata all’altra nell’attesa che tutti prendessero posto prima di dare inizio alle due ore di reciproca compagnia.

    ”Buongiorno ragazzi e benvenuti.”

    Salutò la Gibbs fissando i ragazzi che uno ad uno facevano il loro ingresso in aula.
    Quel giorno la ragazza aveva deciso di abbandonare i soliti pouf colorati per tornare ai classici banchi e sedie, ovviamente modificati secondo i gusti estetici della ragazza e questo significava banchi colorati e sedie super comode e coloratissime.

    ”"Buongiorno professoressa.

    Rispose la classe all’unisono, una volta che si fu ripresa da quel nuovo cambiamento.

    ”Quest’oggi parleremo di una tra le invenzioni babbane che da sempre affascina il genere umano sin dai tempi antichi. Il cinema.”



    ” L’immagine che vedete è tratto dal primo cortometraggio intitolato l’Uscita dalle officine Lumiére. Film proiettato per la prima volta il 28 dicembre 1895, data che convenzionalmente è conosciuta come quella della nascita del cinema.
    Non vi mostrerò tutto il film in questione anche perché consiste in una sola inquadratura e riproduce degli operai che escono dal luogo di lavoro.
    Ma facciamo un passo indietro come siamo arrivati alla proiezione del film dei fratelli Lumière?”
    – domandò l’insegnante cercando di attirare l’attenzione dei ragazzi – ”Con la sperimentazione partita dal mondo antico sino ad arrivare ai giorni nostri. Le Ombre cinesi conosciute in oriente, mentre in Europa abbiamo la camera oscura leonardiana che risale anno più anno meno al 1490 e che mostra lo studio ottico sulle proiezioni tramite lenti. Ma fu proprio dal XVIII secolo che nacque l’antenato più vicino al cinema, la lanterna magica, che proiettava su una parete di una stanza rigorosamente buia delle immagini contenute in una scatola chiusa, dipinte su vetro ed illuminate da una candela.”

    ”Questa è la lanterna magica di cui vi parlavo poco fa. ”

    Disse la Gibbs sorridendo mentre fissava i faccini sbalorditi dei suoi studenti.

    ”La prima regola che dovrete conoscere per riuscire a far nascere un mezzo di comunicazione complesso come il cinema è quello delle immagini in movimento. Dovete sapere che noi percepiamo le immagini in movimento ad una velocità di almeno 16 fotogrammi al secondo. Lo so sono molti. Scoperta la velocità con la quale si vedevano le immagini in movimento vennero creati e messi in commercio diversi dispositivi che permettevano di simulare il movimento una tra queste è il fenachistoscopio.”



    ” Di cui ora potete vedere un’immagine e la sua simulazione nello specchio inferiore. Dispositivo inventato nel 1832 da Joseph Plateau e Simon Stampfer.
    Qualche anno dopo nel 1877 Emile Raynaud consegnò al mondo il prassinoscopio. Strumento che permetteva la ripetizione di un solo movimento all’infinito.”


    Concluso con quell’interminabile primo punto la giovanissima docente decise di riprendere un po’ fiato e lasciare il tempo ai suoi studenti prima di passare al passaggio successivo della sua lunga spiegazione.

    ”Il secondo requisito che bisogna affrontare è il più importante, anche perché è l’essenza stessa che sta dietro l’esistenza del cinema, il proiettore di immagini su una superficie. Certo ci sono le lanterne magiche, ma non sono abbastanza. Infatti non permettono una riproduzione così veloce da creare quella che in gergo si chiama illusione di movimento. Il terzo requisito riguarda la possibilità di riprendere le immagini in rapida successione, prima di proiettarla. Cosa che non ci è permessa per molto tempo. La quarta condizione richiede che le immagini siano impresse su una base flessibile, le odierne pellicole, e che possano scorrere velocemente in una macchina da presa e un proiettore. Ma facciamo un passo indietro, nel 1888 fu George Eastman ad inventare un apparecchio in grado di imprimere delle immagini su un rullo di carta sensibile, in grado di semplificare la fotografia allora conosciuta, permettendone la diffusione su larga scala. A cosa mi riferisco? Alla macchina fotografica della Kodak.
    A questo punto ci troviamo di fronte ad un ulteriore ostacolo, l’ultimo per l’esattezza, bisognava escogitare qualcosa che permettesse alla pellicola di scorrere a scatti, così da impedire alle immagini di venire proiettate senza interruzione ed in maniera confusa.
    Per arrivare alle attuali pellicole però dobbiamo aspettare nuove invenzioni americane e nello specifico il kinetoscopio. ”




    ”Questo che avete di fronte è il kinetoscopio. Un apparecchio all’interno del quale scorrere una pellicola flessibile su dei cilibri. Questa invenzione di W.K.L. Dickson è molto importante per la storia del cinema perché ha appena inventato il formato 35 mm. Insomma le attuali pellicole che tutti conosciamo. In pratica quello che ha fatto Dickson è stato prendere le precedenti strisce kodak, tagliarli in nastri di 35mm con quattro fori ai lati per ogni fotogramma, così che una ruota dentata potesse trascinare la pellicola attraverso la macchina da presa e il kinetoscopio, con una velocità che supera decisamente quella del cinema muto infatti inizialmente le immagini furono impresse con una velocità che si aggirava intorno ai 46 fotogrammi al secondo.”

    Cassandra per qualche minuto rimase in silenzio dando modo ai ragazzi presenti di finire di prendere i loro appunti ed in caso di porle qualche domanda.

    “Professoressa ma quando arriviamo al cinematografo? “

    Chiese una ragazzina della casa di Corvonero.

    ”In questo momento" - rispose Cassandra fissando prima la ragazzina e dopo il resto della classe, assicurandosi che fossero tutti svegli, visto che fino a quel momento nessuno aveva aperto bocca - Il cinematofrago è un apparecchio inventato dai fratelli Lumière che consiste nel far passare una pellicola da 35mm davanti ad una lanterna magica che permette di vedere di vedere in movimento 16 fotogrammi al secondo. Cosa che è rimasta invariata per ben venticinque anni. Un ulteriore passo in avanti avviene nel 1896 quando Casler e Dickson fondano l’American Mutoscope Company e sviluppano macchine da presa e proiettori che permettono di utilizzare pellicole da 70mm.”

    Ancora una volta la ragazza si zittì permettendo alla classe di concludere i loro appunti e fissando l’orologio si accorse che la lezione era ormai prossima alla sua conclusione.

    ”Bene ragazzi la lezione finisce qui, la settimana prossima continueremo da dove ci siamo interrotti.
    Questi sono i compiti per la prossima settimana. Se nel svolgerli doveste incontrare dei problemi, sapete dove trovarmi.”


    Disse la Gibbs consegnando ai ragazzi la pergamena con i loro compiti.

    ”Arrivederci.”

    Salutò la ragazza sorridendo alla classe che ordinata usciva dall’aula.
    Rimasta sola sistemò le diapositive usate a lezione e si avvicinò ad una delle finestre per contemplare il paesaggio.



    Citazione:
    Compiti di Babbanologia:

    MODULO A
    (Max 15 punti)

    Rispondete alle domande che sono presenti nel QUIZ


    MODULO B
    (Max 15 punti)

    B1. Svolgi una ricerca approfondita scegliendo tra uno degli oggetti o in alternativa su uno dei tanti inventori legati al cinema menzionati a lezione.

    B2. Narra, in linguaggio gdr, la tua presenza a lezione. Non dimenticare di menzionare i tuoi stati d’animo e cosa pensi della lezione, se ti è piaciuta o se l’hai trovata noiosa.




    Gli elaborati vanno consegnati tramite questo MODULO entro e non oltre le 23:59 del giorno 26.04.2020.

    N.B.: Per qualsiasi dubbio, domanda o chiarimento, compresa la conferma della ricezione dei vostri elaborati potrete: inviarmi un Gufo o se preferite passare in ufficio



    Ultima modifica di Cassandra_Gibbs circa 4 mesi fa, modificato 2 volte in totale


  • Cassandra_Gibbs

    Grifondoro Insegnante

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 693
       
       

    Ho corretto gli elaborati che mi sono stati recapitati ed ecco a voi i risultati, se volete spiegazioni contattatemi senza problemi ;)
    Ovviamente vi riporterò qui sotto solo i risultati del modulo B

    Citazione:
    @ Damian_Saps (Grifondoro)
    MODULO A: se svolto è stato accreditato automaticamente nel profilo.
    MODULO B: Caspita hai fatto un lavorone rispondendo ad entrambe le domande
    B1: Hai svolto una buona ricerca anche se potevi approfondire meglio l’argomento scelto 6/15
    B2: Nel complesso un discreto GdR, in futuro fai attenzione alle ripetizioni 6/15
    TOTALE+GIUDIZIO: 12/15 Oltre Ogni Previsione


    @Vera_Grace (Corvonero)
    MODULO A: se svolto è stato accreditato automaticamente nel profilo.
    MODULO B: 15/15
    Ottima ricerca bravissima!
    TOTALE+GIUDIZIO: 15/15 Eccellente


    @Jade_Urquhart (Corvonero)
    MODULO A: se svolto è stato accreditato automaticamente nel profilo.
    MODULO B: 15/15
    Nel complesso un ottimo GdR, scorrevole e con tutti i requisiti che mi aspettavo di trovare. Solo un piccolissimo appunto, fai attenzione ai piccoli errori di battitura.
    TOTALE+GIUDIZIO: 15/15 Eccellente


    @Leah_Smith Corvonero
    MODULO A: se svolto è stato accreditato automaticamente nel profilo.
    MODULO B: 15/15
    Ottima ricerca bravissima!
    TOTALE+GIUDIZIO: 15/15 Eccellente







    GRIFONDORO = 12 pt
    TASSOROSSO = // pt
    CORVONERO = 45 pt
    SERPEVERDE = // pt