Hogsmeade
Hogsmeade


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Robin_Peach


  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 400
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    [SALA COMUNE DI GRIFONDORO]

    *Era una bella giornata di sole: il cielo era senza una nuvola, il sole risplendeva e Robin Peach, studente di Grifondoro, decise di fare un giro per Hogsmeade; detto fatto! Robin si alzò dalla sedia in sala comune ed uscì*

    [CASTELLO DI HOGWARTS]

    *Robin si buttò a rotta di collo per le scale senza incontrare anima viva, tranne Pix, che gli fece perdere un bel po' di tempo bersagliandolo di oggetti vari*

    Maledetto Poltergeist! Te la farò pagare un giorno!

    *disse il tredicenne, e gli scagliò una fattura che lo mancò di poco: per paura di venire scoperto da un professore si affrettò a scendere la rampa, e si trovò fuori, nella fresca aria pomeridiana*

    [VILLAGGIO DI HOGSMEADE]

    *Il mago si avviò nella via principale, e osservò tutti i posti*

    Com'è bello! Non mi ero mai accorto di quanto fosse affascinante questo villaggio!

    *pensò il maghetto; prima di andare al pub entrò da Zonko e da Mielandia, dove fece il pieno di scherzi e dolci; uscì dai due negozi con le tasche decisamente alleggerite, ma con i soldi sufficienti per una burrobirra grande e uno spuntino. Felice dei suoi acquisti, il maghetto spinse la porta ed entrò*

    [AI TRE MANICI DI SCOPA]

    *Il tredicenne entrò nel locale*

    Ciao a tutti!

    *disse con voce allegra: era veramente contento di essere lì, quel pub gli piaceva più di ogni altra cosa al villaggio. Il Grifondoro si sedette ad un tavolo libero ed aspettò che arrivasse le cameriere: erano Sarah Johnson e Jade Urquhart, che Robin conosceva bene*

    Magari dopo di loro arriva anche qualche altro mio amico e possiamo fare una chiacchierata tutti insieme!

    *pensò il maghetto, e rimase lì seduto a rimuginare nei suoi pensieri*



    @Sarah_Johnson, @Jade_Urquhart, @Damian_Saps, @Eirwen_Quinn, @Jane_Casterwill, @Penny_Hotter, @Harley_Sundwall, @Jessamine_Carstairs, @Ronald_Canard, @Jack_Turbin, @Amelia_Smith, @Dorcas_Moore, @Zack_Plans, @Vera_Grace




    Ultima modifica di Robin_Peach circa 4 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Amelia_Smith

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 482
        Amelia_Smith
    Grifondoro
       
       

    [VILLAGGIO DI HOGSMEADE]
    *Amelia era in giro da un po', e aveva camminato non poco: decise di dissetarsi con una bella Burrobirra al suo pub preferito: i Tre Manici di Scopa. Cambiò strada, per dirigersi verso il locale.*
    [AI TRE MANICI DI SCOPA]
    *Una volta arrivata, la giovane riconobbe un suo caro amico: Robin, studente di Grifondoro, tredicenne come lei.*
    Ciao, Robin! Come va? Spero che non ti dispiaccia se mi siedo qui.
    *Salutò la strega, indicando il posto accanto al mago. Che bello... niente di meglio di una bevanda squisita in buona compagnia. Felice di averlo trovato lì, aspettò una risposta dal suo coetaneo; intanto si guardò in giro, ed il locale era allegro d accogliente come sempre. Era proprio per questo che adorava quel posto: calore, compagnia, bevande squisite... quando era giù di tono, era solita recarsi lì. E ne usciva quasi sempre tutta sorridente e giuliva, contenta di essere al mondo.*
    @Jade_Urquhart,@Sarah_Johnson,@Eirwen_Quinn,@Esperanza_Fuentes,@Dorcas_Moore,@Elisa_Renierv,
    @Zack_Plans


  • Vera_Grace

    Corvonero Responsabile di Casa

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 1101
        Vera_Grace
    Corvonero Responsabile di Casa
       
       

    [BIBLIOTECA]


    *Quel giorno le lezioni erano finite stranamente presto e Vera aveva colto ovviamente l'occasione per studiare. Aveva mangiato qualcosina in Sala Grande dal banchetto preparato dagli elfi ma la fame era poca così si era diretta subito in uno dei suoi posti preferiti, la biblioteca. Aveva tantissimi ricordi legati a quella stanza, dai pomeriggi con Esperanza, Ron e Alex ai giorni solitari passati a leggere sulle comode poltrone. La grande quantità di libri la rendeva a dir poco ideale per fare i compiti, qualsiasi dubbio veniva soddisfatto dopo una breve ricerca. Lei aveva sempre amato i libri, la carta che frusciava quando si girava pagina, l'odore dell'inchiostro che le riempiva le narici, i mondi fantastici in cui la trasportavano o il sapere che vi era contenuto. Era seduta vicino ad un tavolino, la ricerca di Babbanologia stava richiedendo meno tempo di quello che aveva pensato e ormai dopo mezz'ora la pergamena era strapiena di scritte con una calligrafia stretta e un po' disordinata. Non era niente di pazzesco ma andava molto bene e aveva riportato tutte le informazioni, se non un eccezionale avrebbe preso almeno un oltre ogni previsione. Aveva voti alti in tutte le materie e, per quanto fosse portata studiava molto. Rilesse velocemente il tema assegnato e sorrise soddisfatta guardando gli altri studenti che intorno a lei continuavano a svolgere in silenzio le loro attività. Raccolse l'inchiostro e la piuma che aveva usato, arrotolò la pergamena e rimise tutto nella borsa a tracolla insieme ai libri usati quel giorno che non aveva ancora posato. Voleva andare a prendere un po' d'aria ma dove?*

    è da un po' che non vado ai Tre Manici...

    *Riflettè e decise che sarebbe andata proprio al suo pub preferito dove spesso si facevano incontri piacevoli e due chiacchiere con le bariste e i frequentatori. La borsa non era pesante, avrebbe potuto evitare di tornare alla torre dove gli indovinelli facevano sempre perdere un po' di tempo. Vera uscì velocemente dalla biblioteca silenziosamente per non disturbare gli altri presenti e si diresse dalle scale, preparandosi a percorrere i quattro piani che la separavano dall'uscita. Le scale non la disturbarono stranamente e dopo dieci minuti fu fuori in giardino. Si accorse che nonostante avesse mangiato da poco lo stomaco brontolava, probabilmente a causa delle pochissime cose che aveva preso a pranzo. Prese la strada per il magico villaggio e rallentò il passo per godersi la splendida giornata di maggio.*

    [TRE MANICI DI SCOPA - 13.50]


    *Vera gettò un'occhiata all'insegna del pub che le era ormai più che familiare prima di entrare spingendo la porta all'interno del locale sempre accogliente. Una volta entrata fece per dirigersi nel solito posto affianco al bancone ma notò due amici entrambi di Grifondoro con cui aveva parlato qualche volta, entrambi molto simpatici nonostante fossero più piccoli di lei. Si avvicinò al tavolo che avevano occupato e lì salutò con un sorriso.*

    Ciao ragazzi! Posso sedermi qui con voi?

    *Chiese educatamente. Magari i due volevano stare da soli a chiacchierare, nel caso avrebbe tranquillamente potuto andare al bancone che amava tanto dietro al quale stavano i baristi. Quel mese erano sicuramente Sarah, la sua migliore amica oltre che compagna di stanza e forse Jade, una corva davvero simpatica ed energica. Aspettò una risposta, non c'era nessun'altro nel locale ma essendo ancora presto probabilmente sarebbero arrivati altri dopo.*

    @Amelia_Smith, @Robin_Peach, @Sarah_Johnson, @Jade_Urquhart, @Damian_Saps, @Eirwen_Quinn, @Esperanza_Fuentes, @Elisa_Renierv, @Raven_Lovely, @Ronald_Canard,@Vincent_Pilots


  • Amelia_Smith

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 482
        Amelia_Smith
    Grifondoro
       
       

    *Amelia non aveva ancora ricevuto risposta dal suo amico, quando arrivò Vera, studentessa Corvonero che conosceva abbastanza poco.*
    Ma certo, vieni. Robin, ti va bene?
    *Chiese. Poi gettò uno sguardo alla ragazza e le sorrise.*
    Comunque mi fa piacere vederti
    *Le disse gentilmente, anche se non sapeva perché: non aveva mai potuto considerarla una vera amica, solo una conoscente decisamente simpatica, ma forse le cose sarebbero cambiate, quel giorno. La tredicenne guardò il Grifondoro, e poi di nuovo la quindicenne. Ora non avrebbe dovuto far altro che aspettare, e poi, in attesa di una qualunque reazione, si perse nei suoi pensieri, come ormai faceva sempre, anche contro la sua volontà a volte. Pensò al vero motivo per cui era venuta lì, una Burrobirra cioè. Non restava altro da fare che ordinarla*
    @Vera_Grace,@Robin_Peach


  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 262
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Gli altri due mesi di lavoro ai Tre Manici di Scopa erano volati via piuttosto velocemente, anche se a Sarah avrebbe fatto ugualmente piacere lavorare ancora, anche se poi non voleva stancarsi troppo. Barista di un locale era stato il suo primo vero e proprio lavoro, senza contare i lavoretti che aveva fatto a Londra durante le precedenti estati. Oltre a lavorare in quel locale, lavorava anche alla Testa di Porco, un altro locale, piuttosto noto per le frequentazioni poco raccomandabili, per questo le capitava di rado di chiacchierare in quel luogo con degli studenti. Hogsmeade infatti non era molto lontano dal Castello di Hogwarts, scuola di magia e stregoneria che frequentava la giovane rossa da ben quattro anni, anche se nel mese successivo avrebbe finito l'anno scolastico e a Settembre avrebbe iniziato il quinto, cosa che la metteva in ansia per i G.U.F.O, ma aveva ancora un anno intero per studiare e prepararsi. Quel giorno la Jonson stava finendo di pulire i tavoli dei clienti che si erano fermati lì per pranzare, mentre guardava con aria sognante fuori dalla finestra, era una bellissima giornata di sole e lei se ne stava chiusa all'interno senza nessuno con cui parlare. Ritornò alla realtà quando un cliente dall'aria frettolosa le appoggiò sul bancone i soldi e se ne andò senza salutare, ella mise via i galeoni e sparì dietro al bancone per finire di preparare una Burrobirra a una vecchia strega che era appena arrivata. Mentre canticchiava fra sè sentì la porta aprirsi più volte e delle voci familiari arrivarono alle sue orecchie. Ricomparì potando la Burrobirra a colei che l'aveva richiesta avvicinandosi al trio che si era formato, si trattava di due Grifondoro e Vera, la sua compagna di stanza nel dormitorio dei Corvonero, nonchè prefetta della casata e negli ultimi giorni la quattordicenne si divertiva a punzecchiarla sull'argomento. Jade, la sua collega, non era nei paraggi così fu lei ad accogliere con il solito sorriso i tre clienti.*

    Ciao ragazzi! Io sono Sarah, una barista del locale, è un piacere conoscervi!



    *Disse con il solito sorriso stampato sulle labbra rosa, allungando una mano verso uno dei due e poi verso l'altro, anche se probabilmente sapevano già chi fosse, poichè le voci giravano in fretta fra le mura del Castello. Si rivolse poi alla sua migliore amica, chiedendole.*

    Ciao Vera, come va oggi?

    *Chiese, dato che durante la giornata non avevano avuto molto tempo per parlare fra loro. Prese poi la bacchetta facendo comparire il solito menù davanti ai loro occhi.*



    Scegliete pure con calma, io torno subito

    *Disse con la solita tranquillità, andando velocemente verso un altro tavolo per finire di pulirlo, per poi tornare al loro tavolo attendendo le ordinazioni dei ragazzi.*

    @Amelia_Smith, @Vera_Grace, @Robin_Peach


  • Amelia_Smith

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 482
        Amelia_Smith
    Grifondoro
       
       

    *Amelia vide una delle due bariste dirigersi al loro tavolo e salutarli cordialmente, per poi chiedere l'ordinazione.*
    Buongiorno! Anche per me è un piacere, sono Amelia Smith. Gradirei una Burrobirra, grazie.
    Chiese senza pensarci su. Poi si rivolse all'altra Corvonero, che non conosceva bene.*
    Volevo farti una proposta: ti andrebbe di fare i compiti insieme una volta? Così, per conoscerci un po'meglio. Sempre se ti va bene.
    *Propose la giovane, sperando in un assenso. Un'ottima occasione andava presa al volo, come quella, così la tredicenne aveva subito colto la palla al balzo. Sorseggiando una bevanda, avrebbero potuto organizzarsi per, che so, un pomeriggio in Biblioteca, oppure in Sala grande.
    Le venne in mente una domanda da porre al suo amico, ma lasciò perdere: sarebbe stato piuttosto maleducato cominciare a parlare con qualcuno dopo aver fatto una domanda ad un'altra persona, e questa era l'ultima cosa che voleva.*
    [spoil] @Sarah_Jonson,@Vera_Grace,@Robin_Peach[/color]

  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 400
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    Ciao, Robin! Come va? Spero che non ti dispiaccia se mi siedo qui.

    *gli disse Amelia*

    Figurati, siediti pure! Nessun fastidio!

    *disse Robin all'amica; erano ai tre manici di scopa; a Robin piaceva quel luogo, si era sempre in compagnia! Quel giorno il tempo era bello e Robin aveva caldissimo: ci voleva qualcosa di rinfrescante!*

    Ciao ragazzi! Posso sedermi qui con voi?

    *chiese educatamente Vera, di Corvonero; Robin non la conosceva bene, ma le poche volte che si erano incontrati gli era sembrata gentile ed educata*

    Ma certo, vieni. Robin, ti va bene?

    Certo! Più siamo, meglio è!

    *rispose subito Robin*

    Ciao ragazzi! Io sono Sarah, una barista del locale, è un piacere conoscervi!

    Ciao Sarah! Piacere mio! Robin Peach, quarto anno a Grifondoro!

    *disse Robin, tendendole la mano; poi Sarah agitò la bacchetta e il menu comparve davanti a loro*



    Scegliete pure con calma, io torno subito

    *Robin ci pensò un po' su: era tutto invitante, ma non poteva svuotare il bar; anche se, con un incantesimo di ingozzamento, sarebbe cresciuto, e...*

    Lasciamo perdere che è meglio, va!

    *Pensò il Grifondoro, e continuò a rimuginare sul menu*

    Buongiorno! Anche per me è un piacere, sono Amelia Smith. Gradirei una Burrobirra, grazie.

    Allora.. A me una Burrobirra ghiacciata, un boccale di succo di zucca, e... una coppa di gelato alla... uhm... fragola!

    *disse Robin; sapeva che sarebbe sembrato un mangione, però era tutto così buono...*

    Speriamo che non mi serva per davvero l'incantesimo di ingozzamento!

    *disse Robin, e aspettò che Sarah passasse per prendere le ordinazioni*

    @Amelia_Smith, @Vera_Grace, @Sarah_Johnson


  • Vera_Grace

    Corvonero Responsabile di Casa

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 1101
        Vera_Grace
    Corvonero Responsabile di Casa
       
       

    *Amelia, la ragazza di Corvonero che a Vera era sempre sembrata molto simpatica nonostante non ci avesse mai molto parlato le aveva risposto gentilmente e così anche Robin, l'altro amico. Poi la grifona aveva aggiunto che era felice di vederla, cosa che lasciò stupita la corva. Era davvero gentilissimo da parte sua dire una cosa simile, soprattutto dato che non si conoscevano molto. Un po' spiazzata sorrise sinceramente provando un motto di simpatia e affetto verso quella ragazza che l'aveva fatta subito sentire a suo agio.*

    Oh beh, grazie davvero anche io sono felice di averti.. avervi incontrato!

    *Disse sorridendo e prendendo posto vicino ai due quando arrivò Sarah, la sua migliore amica nonchè barista "del momento". Era un'abitudine ormai per lei andare ai Tre Manici per chiacchierare con la compagna che sempre più spesso rivestiva quel ruolo e entrambe amavano per altro incontrare persone nuove o parlare con vecchi amici. Si presentò ai due porgendogli il solito menù che iniziarono a consultare con interesse, soprattutto Robin dopo che ebbe stretto la mano con Sarah presentandosi a sua volta. Poi l'altra corvetta le chiese come stesse, quel giorno si erano viste solo di sfuggita in camera.*

    Tutto bene Sarah, grazie! Te come stai? Lavori tutto il tempo, sarai a pezzi!

    *Le disse con un sorriso a metà fra il divertito e il preoccupato. Entrambe stavano per affrontare i G.U.F.O., gli esami per passare al sesto anno per cui avevano dovuto studiare alla grande.

    Volevo farti una proposta: ti andrebbe di fare i compiti insieme una volta? Così, per conoscerci un po'meglio. Sempre se ti va bene.

    *Le chiese poi Amelia. *

    Ma certo! Anche a me piacerebbe conoscerti meglio, ci siamo beccate tante volte in giro ma non abbiamo mai avuto occasione di parlare bene... possiamo metterci d'accordo!

    *Le disse sorridendo allegramente. Quell'incontro si stava rivelando davvero fortunato, era bello incontrare qualcuno di nuovo e di così amichevole. Avevano qualche anno di differenza ma non era per niente importante, anzi. Gli altri due avevano ormai già ordinato, lei una semplice burrobirra, lui un sacco di squisitezze che Vera aveva provato qualche volta. Con una scorsa veloce al menù cercò qualcosa di buono ma non troppo pesante, dopotutto era appena passata l'ora di pranzo.*

    Per me una solita Burrobirra e una fetta di torta alle mele, grazie!
    Io sono reduce di un'ora in biblioteca per i compiti, avevo decisamente bisogno di un po' di svago.... voi?




    *Chiese curiosa sperando di non sembrare indiscreta. Ai Tre Manici di Scopa c'erano sempre clienti, chi per studiare, chi per rilassarsi, chi per chiacchierare e a volte anche qualcuno che veniva per stare da solo a pensare, scelta piuttosto strana data la marea di studenti che circolava continuamente. Ognuno aveva le sue ragioni ed era divertente vedere come ognuno avesse i suoi impegni e idee diverse del pub che irrimediabilmente tutti frequentavano. Erano una bella compagnia, pensò mentre aspettava risposte e ordinazioni, sarebbe stato sicuramente un pomeriggio divertente*

    @Robin_Peach, @Amelia_Smith, @Sarah_Jonson,


  • Amelia_Smith

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 482
        Amelia_Smith
    Grifondoro
       
       

    *Amelia sentì il suo amico ordinare una sfilza di cose deliziose. Aveva fame, eccome. Poi guardò di nuovo Vera, che accettò la sua richiesta.*
    Magnifico! Ti ringrazio, sai, trovare qualcuno più grande così simpatico non capita tutti i giorni.
    *Non aveva idea del perché stava così bene in compagnia della Corva, ma di sicuro non era qualcosa di sgradevole, anzi. Poi lei chiese se avevano bisogno di svago.*
    Oh sì, anche io ho finito da poco i compiti... per fortuna che esistono gli specchi: li avevo appena terminati, quando ho dato un'occhiata e sembravo un animale appena uscito dal letargo.
    *Ricordò, per poi sorridere al ricordo di quella sottospecie di alieno che aveva visto sulla superficie riflettente. No, decisamente le persone senza autoironia non facevano al caso suo, un po'di umorismo anche verso sé stessi ci stava, soprattutto con gli amici. E poi la tredicenne pensò che gli amici, appunto, quelli veri, non ridono di te, ma con te. Quella era una delle cose fondamentali, a suo parere, per costruire un buon legame*
    @Vera_Grace,@Sarah_Jonson,@Robin_Peach




    Ultima modifica di Amelia_Smith circa 4 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 262
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *La prima a rispondere al saluto di Sarah fu una Grifondoro, che si presentò come Amelia Smith, ordinando una Burrobirra. Fu così che la quattordicenne appuntò l'ordine su una pergamena. Intanto si presentò l'altro Grifondoro come Robin Peach, stringendole la mano. Vera rispose alla sua domanda dicendole che andava tutto bene, chiedendole come stesse lei e immaginando che fosse stanca. La quattordicenne annuì mettendo la mano destra sulla fronte rispondendo sorridendo.*

    Sì bene dai. Si abbastanza, però siamo solo a metà giornata...

    *Concluse ridacchiando un pochino, ascoltando i dialoghi fra i tre clienti. Prese fra le mani di nuovo la pergamena aggiungendo alla lista delle ordinazioni, per Robin una Burrobirra ghiacciata, un boccale di succo di zucca, e una coppa di gelato alla fragola. Guardò la sua migliore amica nell'attesa che ordinasse pure lei così si sarebbe potuta dare da fare nella cucina del locale, dietro al bancone. La quindicenne scelse di ordinare una Burrobirra e una bella fetta di torta alle mele.*

    Perfetto! Corro a preparare il tutto e torno!

    *Mormorò mentre scriveva l'ultima ordinazione e si dirigè in fretta dietro al bancone con l'acquolina in bocca, dopo aver udito cosa avrebbero mangiato i tre compagni di scuola. Dopo i minuti di lunga attesa che seguirono la rossa uscì con due vassoi appoggiando le ordinazioni davanti al rispettivo cliente che aveva scelto.*



    La Burrobirra per Amelia! Ho aggiunto un po' di panna montata e caramello.







    Una Burrobirra bella ghiacciata, un Succo di Zucca e una coppa di gelato alla fragola per Robin





    Ed infine una bella fetta di torta alle mele e un'altra Burrobirra per Vera

    *Finì di parlare sempre con il suo solito sorriso che stava benissimo con i suoi bei capelli rossi. Rimise apposto i vassoi e aggiunse.*

    Buon appetito! Poi fatemi sapere se la mia cucina è di vostro gradimento



    *Incrociò le braccia in attesa che i tre giovani assaggiassero le loro ordinazioni, sperando che gli sarebbero piaciuti, la cosa che le importava di più del lavoro era far sentire i clienti a loro agio.*

    @Amelia_Smith, @Vera_Grace, @Robin_Peach


  • Amelia_Smith

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 482
        Amelia_Smith
    Grifondoro
       
       

    *La tredicenne vide la barista ritirarsi per preparare le ordinazioni, e dopo poco tempo fu di ritorno. Alla Burrobirra che aveva ordinato, la ragazza aveva aggiunto un po'di panna montata e caramello, di cui la Grifa era ghiotta.*
    Oh, grazie mille!
    *Esclamò contenta, dopodiché bevve subito un sorso. Come sempre, la bevanda era squisita, poi insieme alla panna e al caramello era una cosa che avrebbe voluto bere altre mille volte.*
    E' favolosa. Grazie mille!
    *Riferì la streghetta, rivolgendo un sorriso radioso alla Corvonero. Poi aspettò che anche gli altri esprimessero un giudizio, anche se era sicura che sarebbe stato positivo. Bevve un altro sorso, con la testa fra le nuvole come al solito, per poi tornare subito alla realtà.*
    Dai, oggi offro io per tutti
    *Disse Amelia, con un grande sorriso sulle labbra*
    @Sarah_Jonson,@Vera_Grace,@Robin_Peach


  • Vera_Grace

    Corvonero Responsabile di Casa

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 1101
        Vera_Grace
    Corvonero Responsabile di Casa
       
       

    Sì bene dai. Si abbastanza, però siamo solo a metà giornata...

    *Rispose Sarah raccogliendo le ordinazioni e andando dietro al bancone per preparare tutto. Nel frattempo Amelia le rispose per l'incontro in modo più che gentile e cortese.*

    Magnifico! Ti ringrazio, sai, trovare qualcuno più grande così simpatico non capita tutti i giorni.

    Concordo pienamente! Non so perché ma ho come l'idea che andremo più che d'accordo

    *Disse ridacchiando. La grifona era davvero simpaticissima, amava scherzare ed era molto cortese. Cosa si poteva desiderare di più?! Amelia poi rispose sorridendo alla domanda che Vera aveva posto prima, sulle loro occupazioni prima di quel fortunato incontro. *

    Oh sì, anche io ho finito da poco i compiti... per fortuna che esistono gli specchi: li avevo appena terminati, quando ho dato un'occhiata e sembravo un animale appena uscito dal letargo.

    *Disse scherzosa con una buona dose di autoironia di cui spesso faceva uso anche lei, una caratteristica davvero importante. Sorrise anche lei, capiva benissimo cosa intendeva Amelia...*

    Oh ti capisco... lo studio ha la capacità di farci diventare tutti Animagus, assicuro che i ricci sono messi meglio di me!

    *Disse ridendo. Non aveva avuto il tempo di tornare in camera e viso e capelli riflettevano abbastanza la stanchezza e lo stress interno ma dopotutto per dei buoni voti ai G.U.F.O. non ci si poteva certo aspettare una vacanza in quelle ultime faticose settimane. Sarah nel frattempo tornò con le ordinazioni, le pietanze avevano tutte un bell'aspetto. L'esperienza della sua migliore amica nel bar si notava subito, alla Burrobirra si Amelia aveva pure aggiunto un po' di panna con il caramello mentre ciò che aveva preso Robin sembrava uscito da una rivista di cucina.*

    Ed infine una bella fetta di torta alle mele e un'altra Burrobirra per Vera

    Buon appetito! Poi fatemi sapere se la mia cucina è di vostro gradimento


    *Disse infine la barista appoggiando sul tavolo anche la sua Burrobirra e una fetta di torta assai invitante.*

    Grazie mille Sarah... Beh, direi che qua sappiamo tutti che dietro al bancone non ti batte nessuno!

    *Le disse con un sorriso pieno di gratitudine e ammirazione. Era una ragazza fantastica, sempre impegnata per fare tutto al meglio e ce la faceva alla grande. Amelia iniziò a mangiare, seguita a ruota da Vera che prese un sorso dalla Burrobirra, la sua bevanda preferita. Era buonissima, e così anche il pezzo di torta alle mele che aveva preso insieme che tra l'altro si sposava perfettamente con la bibita che aveva scelto. L'amica grifona dopo un po' disse sorridendo che offriva lei quel giorno per tutti.*

    Amelia, non devi!! Sei troppo gentile tu, non posso accettare.... facciamo così, la prossima volta che ci rivediamo pago tutto io, ok?

    *Disse con una finta espressione di rimprovero ma in realtà sinceramente. Era più che gentile da parte di Amelia offrire a tutti la merenda, se lo avesse saputo avrebbe preso una Burrobirra e basta... sua madre e suo padre le avevano insegnato a non accettare le offerte ma sarebbe stato scortese.... cosa doveva fare? Secondo lei il modo migliore per ricambiare almeno in parte era ricambiare per un'altra volta, cosa che avrebbe anche significato che si sarebbero rivisti, cosa che non le sarebbe per niente dispiaciuta.*

    @Amelia_Smith, @Sarah_Jonson, @Robin_Peach,


  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 400
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    Perfetto! Corro a preparare il tutto e torno!

    *disse Sarah, e andò dietro al bancone a preparare il tutto; ella tornò poco dopo con due vassoi carichi di pietanze prelibate: servì prima Amelia, poi venne il suo turno, e infine quello di Vera*

    Una Burrobirra bella ghiacciata, un Succo di Zucca e una coppa di gelato alla fragola per Robin

    *disse, e gli porse le sue ordinazioni*







    Buon appetito! Poi fatemi sapere se la mia cucina è di vostro gradimento

    *disse Sarah; Robin assaggiò le pietanze: era tutto delizioso*

    Complimenti, Sarah! Tutto buonissimo, dalla burrobirra al gelato!!!

    *disse Robin; era tutto buonissimo, così buono che Robin, nel giro di 10 minuti, aveva finito tutto*

    Dai, oggi offro io per tutti

    *disse Amelia, sempre molto gentile*

    Amelia, non devi!! Sei troppo gentile tu, non posso accettare.... facciamo così, la prossima volta che ci rivediamo pago tutto io, ok?

    Beh, ragazze, che dire... Allora la terza volta che ci vediamo pago tutto io!

    *disse Robin; gli piaceva l'idea del "giro", ma non tanto quella di pagare per ultimo; si maledisse per non aver detto prima che pagava tutto lui, finì di spazzolare le briciole e si lasciò andare sulla poltrona*


    @Sarah_Johnson, @Vera_Grace, @Amelia_Smith


  • Amelia_Smith

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 482
        Amelia_Smith
    Grifondoro
       
       

    *Amelia propose di offrire lei la merenda, ma subito la nuova amica la bloccò, e le propose un patto. Subito dopo anche Robin disse la stessa cosa.*
    Va bene, affare fatto. Ma oggi i Galeoni voglio spenderli io. Altrimenti che razza di amica sarei?
    *Chiese sorridendo, facendo l'occhiolino a Robin. Poi propose un programma per il pomeriggio.*
    Per oggi al diavolo i libri e la scuola. Che ne dite di un pomeriggio a Hogsmeade?
    *E, entusiasta, aspettò un responso alla proposta. Poi guardò fuori: con un tempo come quello, sarebbe stato veramente un peccato passare il pomeriggio a studiare; anche perché magari, se avessero deciso di uscire un altro giorno, avrebbe potuto piovere, e non era il caso. Accavallò le gambe, impaziente. Era proprio una bomba di energia quel giorno, voleva divertirsi in compagnia, magari in un posto avventuroso oppure in un semplice centro commerciale, a comperare qualcosa di carino. Un po' di svago dopo un pomeriggio sui libri era proprio quel che ci voleva, e sperava in un assenso, altrimenti non avrebbe saputo che fare: andare sola o rimanere coi suoi amici?*
    @Robin_Peach,@Vera_Grace,@Sarah_Jonson




    Ultima modifica di Amelia_Smith circa 4 mesi fa, modificato 1 volta in totale



Vai a pagina 1, 2  Successivo