• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Charlotte_Mills




    Ultima modifica di Charlotte_Mills 3 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 257298
       
       

    OFF GDR:
    La presente role é la "role di punizione" per @Varyare_King, @Luke_Deaggle, @Ronald_Canard, e @Robin_Peach, per essersi recati, tramite una Passaporta a Hogwarts durante l'estate.
    Il prima possibile il professore di incantesimi @Mihos_Renny, starterà la role (alla quale ovviamente siete invitati a partecipare), prima siete pregati di non intervenire.

    Ps: Come potete ben immaginare la punizione sarà solo in GDR e non influenzerà minimamente l'andamento della Coppa Delle Case. Vedetela come un ulteriore occasione per ruolare assieme Smile

    Firmato
    La Preside Mills


  • Mihos_Renny

    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa
    MANGIAMORTE

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 9
    Galeoni: 7154
        Mihos_Renny
    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa
       
       

    [CORRIDOIO SECONDO PIANO]


    *Ci poteva essere qualcosa di meglio che ritornare ad Hogwarts? Per un professore come lui a cui piaceva insegnare di certo non c'era nulla di meglio, come magari per molti studenti lo era rivedere i propri amici e concasati, anche se per alcuni di loro quella sera non l'avrebbero passati in compagnia. Dopo le lezioni della mattina e del pomeriggio Mihos Renny, insegnante di Incantesimi, si mise addosso la giacca e andò a prelevare un paio di studenti dalle loro Sale Comuni, più precisamente @Robin_Peach, @Luke_Deaggle, entrambi Grifondoro, @Ronald_Canard, di Corvonero e @Varyare_King, della Casa di Serpeverde, quattro studenti che hanno avuto la brillante idea di fare una festa ad Hogwarts e allo stesso tempo la sfortuna di incontrarlo in quelle circostanze e per loro non andò molto bene, ma visto che non poteva punirli in quel momento, anche se avrebbe voluto per quanto quella loro azione era sconsiderata e completamente priva di ogni qualsivoglia responsabilità, ha dovuto aspettare che ricominciasse la scuola ed ora era il momento di scontare quella pena e parlandone anche con la Preside era stato deciso il loro compito.
    L'ex-Tassorosso camminava davanti a loro con passo deciso, facendo strada e qualunque domanda che riguardava la loro punizione rivoltagli sarebbe stata accolta con il silenzio. I passi riecheggiavano per i corridoi del secondo piano, tutti gli altri studenti si stavano preparando per andare a cena e sicuramente non saranno passati inosservati, d'un tratto il professore si fermò e si girò verso i quattro ragazzi e li guardò dritti negli occhi.*



    Mano alle bacchette, tutti!

    *Il tono era autoritario, mentre gli occhi scrutavano i loro movimenti Mihos rimase in piedi davanti a loro, in attesa che tutti estrassero le loro bacchette e quando tutti i catalizzatori furono pronti, protese la mano destra aperta con il palmo verso l'alto e sul viso si dipinse un leggero sorriso.*

    Ora datele a me, non vi serviranno.

    [BAGNO DI MIRTILLA MALCONTENTA]


    *Prese tutte le bacchette e le tenne in mano per poi aprire la porta alla sua destra con la mancina e farsi strada nel bagno.
    Una volta dentro si guardò intorno e aspettò che tutti gli studenti fecero il loro ingresso.*

    Bene, immagino abbiate capito quale sarà la vostra punizione. Lì dietro troverete un secchio, degli stracci e delle spazzole, è tutto ciò che vi occorre.

    *Indicò un piccolo spazio verso alcuni lavandini dove si poteva vedere l'appena citato secchio con gli stracci e al loro fianco le spazzole per raschiare il pavimento. La fortuna, o sfortuna che dir si voglia, voleva che in quel bagno ci andasse poca gente se non nessuno, ma quelle poche volte restava non poco sporco, quindi i quattro festaioli avrebbero avuto proprio un bel da fare.*

    E se volete lamentarvi di qualcosa... beh, ve lo sconsiglio caldamente. Forza cominciate.

    *L'unico che aveva l'opportunità di usare la magia era lui e l'avrebbe usata se fosse stato necessario e sperava con tutto il cuore di non doverlo fare, anche se sapeva bene di chi era quel bagno e sicuramente sarebbe stato una buona compagnia per loro se si fosse fatta viva... per così dire.*

  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 4
    Galeoni: 256
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    [Bagno di Mirtilla Malcontenta]


    *Ronald dopo esser stato prelevato dalla propria sala comune da professore Renny e quindi accompagnato direttamente al bagno di Mirtilla Malcontenta assieme agli altri tre suoi amici: Luke, Robin e l’unica ragazza del gruppo Varyare. Avrebbe voluto dirgli che la birra era analcolica ma poi si ricordò che cosa gli aveva provocato e quindi non disse nulla. Prima di entrare in quel bagno il professore porgendo il palmo della mano chiese le bacchette dicendo che non servivano dopodiché entrarono in quel luogo. Quando entrarono Ronald vide e capì subito quale sarebbe stato il loro dovere, e quindi quasi come un robot e poiché ormai era già la sua terza punizione e per di più era anche un mezzosangue il lavoro babbano non lo spaventava anzi, poiché molte volte doveva pulire i rimasugli dei trucchi di suo padre. Ronald disse ai suo compagni di punizione:*

    Beh, siamo in quattro ci mettiamo poco a pulire. Ci vuole solo un po’ di olio di gomito.

    *Era una frase tipica dei babbani quando voleva dire che c’era da usare la forza e tenacia. Quindi andò a prendere un secchio e due stracci e se li mise sotto ai piedi e dopodiché prese un paio di spazzole cosicche mentre per lavava per terra coi piedi e incominciò a strofinare le altre cose. Poi disse ricordandosi che erano nel famoso bagno di Mirtilla Malcontenta. *

    Secondo voi Mirtilla Malcontenta c'è ? O si sarà trasferita in un altro bagno ?

    * Ronald aveva fatto quella domanda un po’ in generale a tutti, cosi per distrarli un po’. Perché sapeva che se uno non pensava al tempo che ci impiegavano, quello passava in fretta. È per quel motivo che le cose noiose sembrano durare un'eternità mentre quelle spassose durano poco*

    @Robin_Peach, @Luke_Deaggle, @Varyare_King, @Ronald_Canard,




    Ultima modifica di Ronald_Canard 2 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Luke_Deaggle

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 17
        Luke_Deaggle
    Grifondoro
       
       

    *Quel venerdì ad Hogwarts era stato un giorno molto entusiasmante per Luke, in quel giorno infatti terminava la prima settimana di lezioni e non poteva che dirsi estremamente contento di quella sua prima settimana al castello, inoltre sempre in quello stesso giorno aveva visto per la prima volta la Stanza delle Necessità, nel primissimo pomeriggio infatti l'amica Varyare lo aveva accompagnato in quella stanza così piena di sorprese e di mistero. Luke dopo aver finito l'ultima lezione della settimana stava per dirigersi alla guferia per inviare una lettera ai genitori quando si bloccò improvvisamente sull'uscio della sala comune; lì fece un incontro che gli fece precipitare l'umore.*



    *Dopo gli sguardi fin troppo loquaci di tre giorni in prima in sala grande, Luke doveva aspettarselo che la punizione del professor Renny non sarebbe stata lontana a venire ed ecco che a quanto pare quel venerdì era il giorno destinato a scontare la punizione. Il professore stava lì sulla porta davanti al quadro della signora grassa insieme a Varyare che a quanto pare era stata la prima ad essere prelevata e ora il professore era passato per unire lui e Robin al quartetto degli sventurati.*


    "Eh vabbè via il dente, via il dolore..."

    Buonasera professor Renny, ciao Varyare; immagino sia qui per la...


    *disse Luke uscendo dalla Torre dei Grifondoro. Luke seguì il professore e gli altri senza fiatare; il professore non gli sembrava arrabbiato quel giorno anzi sembrava quasi trovasse un insolito piacere in quello che stava facendo; in ogni caso era meglio non provocarlo troppo anche se ci sarebbero state diverse cose che gli avrebbe voluto chiedere; per il momento però le domande erano rimandate.

    Dopo non molto arrivarono a destinazione e lì il professore requisì le bacchette. E fin qui era quello che già nei loro dialoghi informali avevano ipotizzato; la sorpresa però fu dopo che il professore aprì la porta e l'undicenne Grifondoro vide dove avrebbe scontato la punizione: in un bagno.
    E che bagno.
    il bagno nelle condizioni peggiori Luke avesse mai visto.
    Sbiancò.*






    "Cosaaaa??? Che schifo!!! Noi pulire un bagno!!!
    Ma cosa siamo schiavi! Neanche agli elfi fanno pulire posti così sporchi! Forse solo i troll entrerebbero qui..."



    *Ora non che i bagni in genere fossero esemplari per pulizia, tuttavia da quello che Luke aveva potuto constatare tutti i bagni di Hogwarts erano sempre in condizioni buone; gli elfi domestici probabilmente lavoravano molto sta di fatto che facevano trovare sempre tutto in ordine e pulito. Quel bagno invece era indecentemente fuori controllo. Luke guardò con viso atterrito il professore, impossibile che non ci fosse stato un suo contributo magico nel peggiorare la situazione... Era impossibile la scuola di Hogwarts si permettesse di tenere un bagno così sporco, è vero ora c'erano loro che erano in punizione ma in condizioni normali non ci sarebbe stato nessuno in punizione e dunque la scuola avrebbe avuto un bagno completamente sporco?
    Il professore non dovette usare quindi usare molte parole per spiegare il da farsi.*

    Bene, immagino abbiate capito quale sarà la vostra punizione. Lì dietro troverete un secchio, degli stracci e delle spazzole, è tutto ciò che vi occorre.

    *la cosa curiosa fu quello che aggiunse...*

    E se volete lamentarvi di qualcosa... beh, ve lo sconsiglio caldamente. Forza cominciate.

    *Luke credette di pensare ma le parole gl uscirono di bocca in un sussurro, anche se appena udibile da chi gli stava vicino.*


    Chissà cosa voleva dire...


    *Luke non aveva idea di come si facessero quelle cose quindi dopo aver guardato cosa faceva Ronald che sembrava esperto nell'uso di quegli attrezzi di bassa manovalanza, si diresse al bagno più lontano per iniziare la sua opera. Gettò quindi quello straccio per terra e cominciò, dopo essersi chinato sul pavimento a sfregare alacremente con una spazzola. Ci sarebbe stato parecchio da sfregare visto l'infimo livello di indecenza che regnava in quella fogna di superficie. Non seppe poi come mai Ronald pensava che in quel bagno abitasse una ragazza... Mirtilla...*

    Secondo voi Mirtilla Malcontenta c'è ? O si sarà trasferita in un altro bagno ?

    *Luke sentì le parole del Corvonero e la domanda gli venne fuori spontaneamente*


    Mirtilla! E chi è questa Mirtilla Scontenta? E perché dovrebbe essersi trasferita, non credo abiti qui!


    *Disse Luke appoggiando le mani sullo spazzolone e guardandosi attorno come a cercare una ragazza che risiedesse lì.*






    @Ronald_Canard, @Varyare_King, @Robin_Peach, @Mihos_Renny, @Luke_Deaggle,




    Ultima modifica di Luke_Deaggle 2 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Mirtilla_Malcontenta


    Dormitorio: VIP
    Livello: 1
    Galeoni: 200
       
       

    *Un’altra interminabile e noiosa giornata stava per concludersi e lei avrebbe dovuto trascorrere la notte a cercare di passare il tempo. Vedere ogni sera quegli inquietanti occhi gialli, che infestavano i suoi ricordi, non era poi così divertente, ma per quanto piagnucolasse nessuno sembrava rendersene conto.
    Due mesi, due lunghi mesi erano trascorsi senza nessun passatempo divertente. Almeno quando gli studenti affollavano il Castello lei poteva intrufolarsi nei bagni dei maschi e guardarli mentre si lavavano, doveva ammettere che alcuni erano davvero un bel vedere e almeno per qualche istante la sua vita sembrava un po’ più carina di quanto in realtà fosse.
    Quel giorno però aveva già controllato tutti i gabinetti del Castello e di maschi carini da spiare non ne erano rimasti. Come se non bastasse quel fastidioso di Pix era particolarmente allegro, dopotutto si stava per concludere la prima settimana di lezioni e lui con i suoi scherzi trovava sempre il modo di passare il tempo. A quanto era riuscita a capire la Preside il giorno prima aveva mandato il Barone a sgridarlo e quindi lui quel giorno aveva dovuto darsi una calmata. Non trovando nessun altro da infastidire si era gettato a capofitto su di lei. Aveva pianto così tanto, la prima volta era pure andata a farlo in un bagno delle femmine popolato da studentesse smorfiose che si truccavano, ma quelle antipatiche non le avevano dato ascolto e l’avevano lasciata sola.
    Un singhiozzo le fece sollevare il petto, mentre attraversando i muri si dirigeva verso il suo bagno.*

    Sigh...Nessuno vuole mai ascoltarmiiiiiii, ma perchè! Sigh…

    *Solo quando fu davanti alla porta del suo bagno si rese conto che forse almeno quella serata sarebbe stata diversa. Delle voci provenivano da oltre la porta e quasi tutte sembravano maschili, forse ci sarebbe stato qualcuno di interessante a farle compagnia, ma non poteva contarci troppo. L’ultima volta che qualcuno aveva promesso di passare del tempo con lei, non aveva mantenuto la promessa e non poteva più illudersi.
    Con la testa abbandonata tra le spalle iniziò ad avvicinarsi alla porta, ma giusto prima di attraversarla sentì che chi si trovava all’interno stava parlando di lei. Scontenta? Scontenta? Oh si, quella sera ci sarebbe stato qualcosa di divertente a distrarla, un moccioso da infastidire.*

    IO sono Mirtilla Malcontenta. Apri bene le orecchie:
    MAL-CON-TEN-TA!


    *Urlò in faccia al ragazzino che aveva parlato, sottolineando ogni sillaba del suo soprannome con uno spintone verso il petto del moro che aveva osato sbagliarlo. Già era brutto essere chiamata Malcontenta, ma addirittura Scontenta? Non poteva tollerarlo. Emettendo dei versi striduli si sollevò in aria volteggiando sopra le teste degli studenti, troppo occupata a lamentarsi per chiedersi cosa stessero facendo. Solo quando arrivò in alto si rese conto della presenza di uno dei Professori di Hogwarts.*

    Ooooooh ma che bel Professore, è bello vedere anche lei.

    *Gli disse avvicinandosi, quasi facendo le fusa e ammirando il corpo alto e slanciato dell’uomo.*

    VOI
    INVECE
    SIETE
    TUTTI
    BRUTTI
    CHIARO?!


    *Urlò in faccia ai tre ragazzi presenti, ogni parola veniva urlata in faccia ad un diverso ragazzo e quando a metà frase finì il trio ricominciò dal primo. La infastidiva molto che quei quattro fossero lì, sicuramente avrebbero iniziato a prenderla in giro.*

    Ueeeeeeeeeeee!

    *Mentre attraversava il corpo dell’unica ragazza presente, uno dei suoi piagnucolii interminabili lasciò le grigie labbra. Quella sera il fantasma più infelice del Castello era particolarmente piagnucoloso e insofferente. Così come era arrivata se ne andò, per il momento potevano stare tranquilli.*

    @Luke_Deaggle, @Ronald_Canard, @Robin_Peach, @Mihos_Renny, @Varyare_King,


  • Varyare_King

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 95
        Varyare_King
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Era tardo pomeriggio, il Sole iniziava a calare portandosi appresso la luce che illuminava gli esterni delle mura del castello. Non era passata neanche una settimana dal rientro a scuola ma i professori li avevano già attrezzati con compiti e nuove lezioni da studiare perciò era difficile trovare qualche studente annoiato o perlomeno a non fare nulla. Così era per Varyare, studentessa del quarto anno della casata Verde-Argento che proprio in quel momento era presa dai compiti di Cura delle Creature Magiche nella sua sala comune nei sotterranei. L'ambiento era stranamente affollato, probabilmente tutti come lei, dagli studenti del primo anno a chi già aveva trascorso parecchio tempo ad Hogwarts, erano indaffarati nel portare a termine gli studi. Nonostante la presenza di vari Serpeverde non vi era confusione nella stanza tranne per il leggero brusio provocato dal parlottare di qualche studente.
    Aveva quasi terminato il compito quando la porta che conduceva nella Sala Comune si aprì mostrando non un Serpeverde ma bensì un professore, il Professor Renny. Aveva giàintuito il motivo di quella insolita visita nei sotterranei da parte dell'ex Tassorosso, sapeva quasi per certo che l'avrebbe chiamata per farle scontare la punizione meritata che si era guadagnata entrando ad Hogwarts durante l'estate. Senza troppe discussioni o scambi di parole seguì il docente di incantesimi che dopo aver chiamato anche i due Grifondoro Luke e Robin e il Corvonero Ronald, li scortò fino al bagno femminile del secondo piano, il noto bagno di Mirtilla Malcontenta.*

    Ciao ragazzi, magnifica serata vero?

    *Li salutò con ironia una volta che furono al completo. Immaginare la punizione che dovevano scontare era semplice in quelle circostanze, avrebbero quasi sicuramente dovuto pulire il bagno peggiore dell'intera scuola. Prima di mettersi al lavoro il Professor Renny ordinò di porgergli le bacchette con un tono che non ammetteva repliche, perciò anche se controvoglia, la quattordicenne consegnò la sua per poi prestare la sua attenzione al bagno. Non essendo mai utilizzato la sporcizia superava il limite dell'indecenza e pensare che loro avrebbero dovuto far risplendere quel posto senza la possibilità di poter usare la magia era veramente frustrante.
    Tuttavia non ribadì la decisione del docente sapendo che avrebbe solamente peggiorato la situazione sia per lei che per i suoi amici. Ronald poi chiese, a nessuno in particolare, se ci sarebbe stata pure Mirtilla Malcontenta, il fantasma di una ragazza che viveva proprio il quel bagno. Il primo a rispondere fu Luke che avendo appen iniziato l'anno non dapeva a chi il Corvonero si riferisse, perciò chiese chi era quella Mirtilla Scontenta di cui parlavano aggiungendo che era impossibile che vivesse in quel posto.*

    Beh, Mirtilla è il fantasma di una rag..-

    *Ma non fece in tempo a terminare la frase che Mirtilla era si era già posizionata davanti a loro con l'aria più arrabbiata che potesse avere. Lo sbaglio di Luke nel suo soprannome era probabilmente servito solo a scatenare di più l'irascibilità del fantasma che con urlo si rivolse a Luke dicendo che lei era Mirtilla MALCONTENTA e non Scontenta. Poi si rivolse al Professore, la quale presenza sembrava esser di suo gradimento, e con tono più dolce disse che era bello vederlo. Tornando a squadrare gli studenti guardò uno ad uno i tre ragazzi dichiarando esplicitamente che li trovava tutti quanti brutti. Prima che loro potessero risponderle qualcosa Mirtilla emise un altro acuto urlo per poi trapassare il corpo della Serpeverde e andarsene. Era stato strano quel momento in cui il fantasma le passò attraverso ma non disse nulla per paura che fosse ancora nelle vicinanze.
    Nel frattempo prese uno straccio bagnato e iniziò a pulire i lavandini che sembravano inutilizzati da chissà quanto tanto che i ragni avevano deciso di occuparli per le loro ragnatele.*

    @Ronald_Canard, @Varyare_King, @Robin_Peach, @Mihos_Renny, @Luke_Deaggle,


  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 400
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Era la sua prima punizione. Scriteriati, li aveva definiti il Professor Renny, quando li aveva trovati ad Hogwarts e gli avevano spiegato che il loro intento era fare una festa a sorpresa per Luke Deaggle.
    Ed ora eccolo lì, insieme a Varyare, Luke e Ronald.
    Il Professore era passato a prenderli nelle proprie sale comuni. Dalle sale comuni fino alla loro destinazione fu silenzio, a parte una battuta sarcastica di Varyare. Arrivarono al bagno di Mirtilla Malcontenta, il Professor Renny chiese le bacchette a tutti e disse che per punizione avrebbero dovuto pulire il bagno a mano.
    Robin arricciò il naso, era un bagno lurido, nessuno lo puliva mai!
    Ronald disse che se lavoravano tutti e quattro facevano prima.*

    Esatto! Olio di gomito, dai!

    *Disse, mentre prendeva un secchio dell'acqua, delle spugne e un anti calcare babbano.
    Cominciarono a pulire di buona lena, Ronald chiese se Mirtilla Malcontenta abitava lì.
    Luke fece un grande errore, chiamò SCONTENTA invece che MALCONTENTA; mentre Varyare cercava di spiegare chi fosse la ragazza fantasma arrivò.*

    IO sono Mirtilla Malcontenta. Apri bene le orecchie:
    MAL-CON-TEN-TA!

    Ooooooh ma che bel Professore, è bello vedere anche lei.

    VOI
    INVECE
    SIETE
    TUTTI
    BRUTTI
    CHIARO?!

    Ueeeeeeeeeeee!


    *Dopo queste parole si sollevò in aria, attraversò il corpo di Varyare e se ne andò.*

    Tutto a posto?

    *Chiese Robin a Luke e Varyare, perché Mirtilla aveva spinto il Grifo e attraversato la Serpe.*

    Oggi è particolarmente rognosa!

    *Disse, per poi aggiungere in poco più di un sussurro.*

    Ah, e per Renny... Ci sono abituati i prof ormai, ogni volta che ne vede uno fa sta scena. I suoi sogni d'amore sono stati infranti dalla sua morte, così ora ammira tutti senza che nessuno sia geloso.

    *Si trattenne dalle risate, poi assunse un finto tono autoritario.*

    In quanto più grande spetta a me il compito migliore, ragazzi, quindi sarò io a pulire i gabinetti.

    *Disse scoppiando a ridere. Poi cominciò a pulire i WC, era brutto ma bisognava farlo.*

    Olio di gomito, Peach, olio di gomito.

    *Disse, cominciando a passare con la spugna tutto quel luridume.*



    @Varyare_King, @Mirtilla_Malcontenta, @Luke_Deaggle, @Ronald_Canard, @Mihos_Renny, @Charlotte_Mills,


  • Luke_Deaggle

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 17
        Luke_Deaggle
    Grifondoro
       
       


    Mirtilla! E chi è questa Mirtilla Scontenta? E perché dovrebbe essersi trasferita, non credo abiti qui!


    *Luke riuscì a malapena a finire la frase, e Varyare gli stava per rispondere, ma la serpeverde dovette lasciare la frase a metà quando poi l situazione precipitò con l'ingresso nel bagno di una nuova "presenza".*

    Beh, Mirtilla è il fantasma di una rag..-

    *La frase di Varyare rimase incompiuta nella formulazione ma non nella spiegazione perché un'entità grigia e immateriale fece la sua comparsa nel bagno e Luke in particolare se la ritrovò letteralmente addosso. Tanto immateriale era nella sua presenza spettrale quanto solida e reale era la sua voce che fece indietreggiare Luke di mezzo metro; Luke oltre in meno di due secondi apprese chi era Mirtilla, che faccia aveva, quanto poteva essere stridula la sua voce e il suo corretto soprannome; che ebbe cura di scandirgli davanti al viso pallido e tramortito del giovane grifondoro.*

    IO sono Mirtilla Malcontenta. Apri bene le orecchie:
    MAL-CON-TEN-TA!


    *Luke avrebbe perlomeno voluto scusarsi ma quel fantasma era un tantino irascibile; Luke aveva capito male il soprannome che aveva detto Ronald, e a quanto pare quell'errore era stato più che sufficiente a innescare il furore del fantasma che aveva il quartier generale in quel bagno. Per fortuna la vita del professor Renny sembrò tranquillizzarla, più che l'autorità del professore sembrava interessata al suo aspetto, d'altronde a vederla avrà avuto sui 14/15 anni e tutte le ragazzine di quell'età andavano matte per i ragazzi un poco più grandi.
    Mirtilla infatti ci tenne a precisare quanto fossero brutti loro rispetto al professore. Luke, nonostante avesse voluto dire qualcosa non riuscì a fiatare, ed era ancora rovesciato nel pavimento lurido col fiatone per lo spavento. Fortunatamente il fantasma della ragazza come se ne era venuto se ne andò, anzi, se ne andò leggermente più rumorosamente, con uno strillo di pianto che risuonò per tutto il bagno.*

    Ueeeeeeeeeeee!

    Tutto a posto?


    Sì più o meno, grazie Robin!


    *disse Luke all'amico che si era interessato se lui e Varyare stessero bene, in effetti era piuttosto strano quando il fantasma ti trapassava non si sentiva assolutamente niente, si vedeva però questa entità che ti sputava addosso parole e parole a volume altissimo e la sensazione di vedersi trapassati da qualcosa pur non sentendo nulla era piuttosto strana. Poi Robin aggiunse delle parole che Luke temete potessero essere solamente della nuova benzina sul fuoco che stava appena cessando di divampare.*

    Oggi è particolarmente rognosa!

    *aggiungendo parole che, se Mirtilla le avesse sentite, probabilmente non le avrebbe gradite un granché...*

    Ah, e per Renny... Ci sono abituati i prof ormai, ogni volta che ne vede uno fa sta scena. I suoi sogni d'amore sono stati infranti dalla sua morte, così ora ammira tutti senza che nessuno sia geloso.

    *Luke non conosceva Mirtilla e la sua storia, però le parole di Robin gli misero improvvisamente molta tristezza, gli si stringeva il cuore a pensare appunto alla sua vita prematuramente spezzata; insomma, per quanto ora fosse divenuta molesta, era pur sempre una ragazza che nel fiore dei suoi anni aveva perso la vita, che aveva visto spezzati per sempre i suoi sogni, i suoi desideri, le sue ambizioni... Anche se non sapeva nulla di lei e di come fosse morta, da quello che poteva vedere era giovane come loro che improvvisante si vede svanire tutto e viene scaraventata a forza nel mondo dei non-vivi. Luke guardò dove la ragazza fantasma era sparita e guardando Robin con uno sguardo carico di tristezza disse.*


    A me in realtà dispiace molto per Mirtilla, la sua deve essere una storia triste...


    *Presto però le parole di Robin riportarono il quartetto alla realtà, anche se non come quella di Mirtilla, pur sempre abbastanza triste.*

    In quanto più grande spetta a me il compito migliore, ragazzi, quindi sarò io a pulire i gabinetti.


    Va bene grazie Robin, buon lavoro!


    *disse infine Luke rimettendosi all'opera, chino a spazzolare il pavimento.*







    @Ronald_Canard, @Varyare_King, @Robin_Peach, @Mihos_Renny, @Luke_Deaggle,


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 4
    Galeoni: 256
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    *Subito dopo che Luke commise l'errore di chiamarla Scontenta, ma prima che Ronald riuscisse a rispondergli. Varyare lo anticipò ma neppure lei riuscì a dargli una risposta. In quel mentre neanche a farlo apposta, arrivò Mirtilla che disse a Luke che non era Scontenta ma Malcontenta. Mirtilla fece i complimenti al professore che era rimasto li a guardarli, mentre prese in giro tutti gli studenti dicendo che erano brutti e volò attraverso Varyare. Avrebbe voluto chiedere se andasse tutto bene ma venne anticipato da Robin.Ronald adesso non avendo più la fissazione di Esperanza, le disse:*

    Signorina Mirtilla Elizabeth Warren, potreste scusarlo il signorino Deaggle è una matricola. Quindi non sapeva della tua esistenza. Ve lo chiedo da Corvonero a Corvonero

    * lo disse con una voce abbastanza alta per farsi sentire anche dalla fantasma che in quel momento se n’era già andata via. Lasciando i tre ragazzi a continuare il loro lavoro cioè di fare le pulizie mentre il professore era lì che sembrava godere vederli sgobbare.
    In quel mentre pensò:*

    “spero, di avere usato il termine giusto”

    *Perché non si sa mai cosa pensano veramente i fantasmi della loro condizione dell’essere quasi vivo e/o morto.
    Quindi tornò alle pulizie, mentre stava per andare pulire i cessi, Robin disse che si occupava lui dei water visto che era il più grande e secondo lui sarebbe stato il suo sgradito compito.
    Quindi Ronald ringraziò:*

    Grazie Robin. Se ci tieni, fallo pure

    *Disse scherzandoci su, ma poi aggiunse per fargli capire che stava scherzando:*

    Se hai bisogno di una mano ti vengo ad aiutare

    * Ronald prese le spazzole e cominciò a strofinare con gran lena i rubinetti e finchè arrivo su uno in cui vide c’erano come dire scolpiti dei piccoli serpenti. Per un istante provò uno strano brivido da pelle d’oca e quindi fece un lavaggio frettoloso per quel rubinetto e continuò la pulizia su un altro lavandino.*


    @Robin_Peach, @Luke_Deaggle, @Mirtilla_Malcontenta, @Varyare_King, @Mihos_Renny,


  • Mirtilla_Malcontenta


    Dormitorio: VIP
    Livello: 1
    Galeoni: 200
       
       

    *Scontenta. Solo quella parola era rimasta nella sua testa mentre attraversava il muro per allontanarsi dal bagno. A onor del vero bisognava dire che anche la vista del Professor Renny era ancora ben chiara nella sua mente, unica visione piacevole in quel tedioso venerdì.*

    E ora cosa posso fare? Sigh.

    *Iniziò a piagnucolare mentre volava avanti e indietro per il corridoio oltre la porta del suo bagno, infastidendo con i suoi singhiozzi e i suoi acuti lamenti, chiunque avesse avuto la malaugurata idea di passare per di lì.*

    Volevo solo...sigh...starmene tutta sola nel mio gabinetto...sigh…visto che nessuno vuole ascoltarmi...sigh

    *Solo dopo lunghi istanti una domanda prese forma dentro di lei. Cosa ci facevano quei quattro e il professore nel suo gabinetto? Forse, dopotutto, qualcuno che l’avrebbe ascoltata l’aveva trovato, magari non proprio volontariamente, ma quest’ultimo pensiero non la sfiorò minimamente.
    Inudibile alle orecchie degli studenti si fece nuovamente largo all’interno del bagno e silenziosamente si mise ad osservare cosa stavano facendo. Tutti e quattro erano intenti a pulire il bagno, sembrava proprio che avessero combinato qualcosa.*

    ALLORA COSA AVETE COMBINATO?

    *Disse parlando con voce molto alta e stridula nelle orecchie del ragazzo intento a pulire i lavandini, apparendogli alle spalle senza che nessuno dei quattro se ne accorgesse. Quello era indubbiamente uno dei vantaggi dell’essere un fantasma, poteva dare fastidio o spiare studenti e professori senza che nessuno se ne accorgesse. Se solo anche quel giorno di tanti anni prima fosse stata invisibile, pensò sospirando pesantemente, prima di iniziare a muoversi per il bagno infastidendo un po’ i monelli.
    Saliva e scendeva, a volte incontrando il corpo dei giovani, a volte solo producendo un fastidioso e freddo vento che scompigliava i capelli dei presenti e la loro divisa. Ad un tratto passò molto vicino ad un secchio, il vento non era sufficientemente forte per rovesciarlo, ma uno degli stracci che vi era appoggiato cadde finendo dritto in una pozza d’acqua. Non se ne accorse nemmeno, tanto era intenta a muoversi su e giù*

    Professoreeeeee, l’hanno fatta tanto arrabbiare eh?

    *Fermandosi dal suo svolazzare si avvicinò al professore per fargli un po’ di moine e per rifarsi gli occhi, prima di tornare a prestare la propria attenzione agli studenti. Ricominciò a svolazzare, la divertiva molto passare attraverso i quattro ragazzi. Una volta aveva sentito uno dire che i vivi provano una sensazione di freddo quando un fantasma è nei paraggi, ma soprattutto quando vengono attraversati da esso. Le sembrava giusto aiutare il bel professore a far scontare ai ragazzi la loro pena.*

    Ti diverte fare il monello?

    *Disse nell’orecchio allo studente più grande, le sembrava l’unico interessante, quindi poteva concedergli un po’ di pausa dal suo fastidioso andare e venire.
    Non aveva idea di quanto tempo fosse passato, in fondo per i fantasmi il passare del tempo non contava poi molto. Non si stava divertendo per niente, o almeno non quanto avrebbe pensato. Aveva guardato gli studenti, li aveva infastiditi, si era avvicinata al professore e ora voleva solo piangere e lamentarsi un po’. Iniziò a piagnucolare ad alta voce lamentandosi di quanto la vita fosse ingiusta.*

    Lo so che quando uscirò di qui ricomincerete a prendermi in giro come fanno sempre tutti, cosa credi eh? Sigh.

    Ti sembra giusto? Voi ve ne andate in giro e vi dimenticate di me. Ueeeeeee!


    *Disse rivolta prima alla ragazza e poi al più giovane del gruppetto. Concluse il suo piagnisteo con un acuto lamento dei suoi, prima di entrare violentemente in uno dei gabinetti, proprio uno di quelli che erano già stati puliti. L’acqua strabordò da esso, rovesciandosi sul pavimento del bagno.*

    @Luke_Deaggle, @Ronald_Canard, @Robin_Peach, @Mihos_Renny, @Varyare_King,


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 4
    Galeoni: 256
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    *Ronald mentre era passato all’altro lavandino, senti una voce stridula ma alta vicino a lui. Si guardò un po’ impaurito ma poi si ricordò che c’era Mirtilla anche se al momento era invisibile che chiedeva cosa avessero combinato. Ronald decise di dirle la verità in quanto lei era una Corvonero come lui, e quindi disse:*

    Anche se sembrerà strano, Siamo stati puniti perché siamo, solamente, entrati prima ad Hogwarts, per festeggiare il compleanno di Luke.

    *E prima che la fantasma ex Corvonero si lamentasse di qualcosa Ronald aggiunse, anche se era rischioso, ma lui comunque era già in punizione decise di provarci lo stesso, disse:*

    Noi avremo voluto invitare anche i fantasmi compresa te. Volevamo fargli vedere tutta Hogwarts a Luke, ma il professor Renny, ci ha beccati prima. Vero, ragazzi ?

    * Facendosi sentire da tutti, anche sfortunatamente dal prof, poi sperò in due cose uno che i suo compagni di punizione aiutassero e che così dicendo Mirtilla non li disturbasse mentre stavano pulendo. Poi continuò a pulire i lavandini fino a renderli splendenti. Cambiò il metodo e quindi gli stracci e con quelli nuovi lavò gli specchi. Ronald Aveva deciso di lavare i gli specchi per due motivi. Il primo che cosi facendo poteva vedere cosa facevano i suoi compagni di prigionia alle sue spalle. Il secondo che se Mirtilla compariva alle sue spalle l’avrebbe vista per mezzo dello specchio, sempre se lei non decidesse di diventare invisibile.
    Poi aggiunse cercando di parlare con Mirtilla:*

    Se vuoi posso venire a trovarti se avrò tempo, cosi mi potresti parlare della tua vita da ex Corvonero.

    * Decise di provare a farsela amica, anche forse era difficile trovare il tempo con cui stare con Mirtilla, quest'anno sarebbe stato sempre in punizione. Come curiosità da Corvonero pensò:*

    "magari poi lei saprà molti segreti di Hogwarts"

    *Sperando che i fantasmi non acquisissero il potere di leggere la mente attraversandoli, o impossessandosi del loro corpo, quest'ultima cosa poteva esser falsa visto che era una credenza babbana. Quindi probabilmente sarebbe stata la prima cosa che gli avrebbe domandato, quando Mirtilla si sarebbe fidata di lui.*

    @Mirtilla_Malcontenta, @Mihos_Renny, @Luke_Deaggle, @Varyare_King, @Robin_Peach,




    Ultima modifica di Ronald_Canard 2 settimane fa, modificato 1 volta in totale