• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Sarah_Darcy


  • Sarah_Darcy

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 2
    Galeoni: 360
        Sarah_Darcy
    Serpeverde
       
       

    *Aveva bisogno di urlare, di riprendere fiato e urlare ancora. Era uscita di corsa dal castello, diretta in un luogo in cui il vento avrebbe potuto trascinare il suo dolore lontano da quella che era diventata CASA e si era ritrovata, tra le lacrime, ai piedi della Torre dell'orologio.
    Salì in cima e solo quando si avvicinò alla balaustra si rese conto di aver trattenuto il fiato. Si lasciò cadere in ginocchio, mentre con le mani apriva una pergamena sgualcita e macchiata delle sue lacrime.*



    FLASHBACK - DORMITORIO SERPEVERDE - 20:35


    *Non aveva fame quella sera, un peso le premeva sullo stomaco, una sensazione fastidiosa che non riusciva a scacciare via; aveva tentato di studiare un po' per recuperare quelle materie che aveva lasciato indietro ma, ovviamente, la nausea aveva preso il sopravvento mandando all'aria i suoi piani.
    Si appoggiò al cuscino, distesa sul suo letto, chiuse gli occhi sperando di riuscire a stare meglio ma quel momento di tranquillità venne interrotto da uno sbattere di ali appena fuori la finestra: il gufo di sua madre si trovava appollaiato sul davanzale e cercava di attirare in tutti i modi la sua attenzione.
    Il cuore della Serpeverde mancò un battito, perchè sua madre le scrivesse a quell'ora era accaduto qualcosa di estremamente grave; si trattava di suo padre? Si era fatto nuovamente vivo? Aveva fatto qualcosa alla sua, ormai ex, moglie?*
    Forza Geak, entra! Dammi la lettera, su!
    *Aprì con mani tremanti la busta color avorio, profumava di casa e solo in quel momento si accorse di quanto le mancasse la sua famiglia. Adorava stare ad Hogwarts, sentiva di appartenere a quei luoghi meravigliosi ma... i suoi nonni, sua madre, erano un'altra cosa.
    La pergamena contenuta nella busta era stropicciata, anche la scrittura solitamente precisa e armoniosa di sua madre era scomposta e Sarah temette di veder scritto il nome di suo padre in una delle righe che aveva davanti.
    Cominciò a leggere e tutto attorno a lei sparì, in un vortice di lacrime e dolore. Un dolore sordo, che veniva dall'anima. Non c'era più. Era morto...*


    FINE FLASHBACK


    *Si accasciò al suolo, con la lettera stretta al petto. Voleva solo piangere tutte le sue lacrime.*




    @Achilles_Davids,




    Ultima modifica di Sarah_Darcy mese scorso, modificato 1 volta in totale


  • Achilles_Davids

    Serpeverde Barista 3MDS

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 7
    Galeoni: 868
       
       

    * Due passi, una sigaretta serale, qualche pensiero da lasciar volare via sulle ali del vespro. I buoni propositi del ragazzo erano piuttosto semplici, rapidi ed immediati. E lo avevano spinto ad optare per puntare la Torre dell'Orologio. Appena giunse aspirò a pieni polmoni l'aria fresca della sera, lasciando che la pace gli invadesse lo spirito. Ma presto venne riscosso dal sentire il rumore di un'altra presenza. Sapeva come quel posto fosse spesso scelto per la sua tranquillità ed alzò la mano, facendo per andarsene. *

    Ops, posto già occupato. Me ne vado subito, non voglio disturbare.

    * Mentre faceva per andarsene, sentì dei singhiozzi e capì che la persona lì presente, chiunque essa fosse, stava piangendo. Si avvicinò guardingo. Riconobbe una giovane compagna di Casata, evidentemente sconvolta. *

    Ehm... Tutto ok? Che succede?


    @Sarah_Darcy,


  • Sarah_Darcy

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 2
    Galeoni: 360
        Sarah_Darcy
    Serpeverde
       
       

    *Una figura sconosciuta fece il suo ingresso nel luogo in cui Sarah si era rifugiata, dopo aver ricevuto la lettera di sua madre.
    Il ragazzo, probabilmente uno studente, si avvicinò alla ragazza solo per accertarsi che fosse tutto apposto. La Serpeverde alzò lo sguardo, trovandisi davanti degli occhi azzurri, enormi e molto espressivi.
    Tra le lacrime, riconobbe il volto di un Serpeverde che aveva visto di sfuggita in Sala Comune. Odiava farsi vedere così debole, eppure credeva di essere tranquilla sulla Torre.*

    Io... è tutto ok...

    *La ragazza aveva parlato tra i singhiozzi, sfinita mentalmente.
    Si chiuse a riccio sentimentalmente, appena prima di mettersi in ginocchio e guardare negli occhi il giovane studente.*

    Se vuoi ti lascio il posto... io andrò da qualche altra parte.


    @Achilles_Davids,




    Ultima modifica di Sarah_Darcy mese scorso, modificato 1 volta in totale


  • Achilles_Davids

    Serpeverde Barista 3MDS

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 7
    Galeoni: 868
       
       

    * Achilles impiegò davvero posti istanti per avere conferma di come la ragazza stesse effettivamente piangendo. Era evidentemente restia ad aprirsi con lui e avvertì che se ne sarebbe andata, ma lui non era della medesima idea. Non intendeva lasciarla sola , così sconvolta, così sedette vicino a lei e si accese una sigaretta, offrendole il pacchetto, qualora ne avesse voluta una anche lei. *

    Su, tira un bel respiro e raccontami cosa ti turba. C'è il vecchio zio Achilles qua apposta per tranquillizzarti. Puoi fidarti di lui. Sembra cattivo ma non morde. Quasi mai, almeno.

    * Guardò il panorama che aveva di fronte, sia per non mettere a disagio la giovane, come se fosse al centro dell'attenzione fino a sentirsi quasi come un animale in gabbia. Sia perchè gli vennero in mente, in uno sbuffo di fumo azzurrino, anni e anni di scappatelle, di emozioni, di brividi, di urla. Che solo Hogwarts poteva donare. E si emozionò al pensiero che a fine anno quel pezzo di vita così importante si sarebbe concluso. *


    @Sarah_Darcy,