Hogwarts - 4° Piano
Hogwarts - 4° Piano



Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 30, 31, 32  Successivo
Topic Precedente :: Topic Successivo

  • ElizabethPage

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 147
        ElizabethPage
    Serpeverde
       
       

    Federico bel giochino quello eh…Bhè comunque scusate la mia euforia. Comunque Federico i letti sono molto comodi e abbiamo parlato molto tra di noi solamente che quando il prefetto ci è venuto a controllare ci volevo tutti che dormivamo. Ci trattano tutti come pezze da come sembra. Specialmente a me da quando sanno che sono un Mezzosangue. Comunque Ciao Elisabeth comunque anche io sono Primo Anno. Non vedo l’ora di vivere questo nuovo anno. Stavo controllando questo stranissimo libro di pozioni con tutte queste annotazioni vorrei proprio capire a cosa servono.

    *Elizabeth sorrise alla prima frase, pi ascoltò attenatmente le parole di Federico*

    Se ti pestano tu sorridigli, se ti offendono, tu ricordali di tutti gli schifosi maghinò che hanno prodotto i loro rapporti tra cugini, come se fossero cani, se ti pestano e ti offendono anche tu dimostrali di essere migliore di loro, quei poveri pezzenti che giudicano solo dal sangue hanno solo puro quello... Le persone non vanno giudicate in base al sangue, bensì alle loro doti magiche e non... è un modo di discriminare molto più selettivo e duro...

    *si vedeva la sofferenza del ragazzo, aveva avuto una vita difficile a confronto di quella di Elizabeth*

    Io non c e l ha farei mai a offedere delle persone mezzosangue, ad esempio io sono purosangue ma state certi che non vi deriderò mai..non sono così stupida!
    e poi Federico ha ragione bisogna farsi valere con quel tipo di persone


    *disse soddisfatta Elizabeth..
    poi guardò il ragazzo che fece comparire il suo patronus, un bellissimo falco color argento*

    Wow..come ci sei riuscito? è davvero bello!!

    *dopo pochi minuti scomparse... la ragazza era ancora incantata da quella creatura così bella*

    chissà se anche io ci riuscirò al quinto anno

    *pensava..*

  • Mark_Black

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 121
        Mark_Black
    Serpeverde
       
       

    Federico mi fece come per dire da saggio, mi piacevano le persone che davano consigli, sopratutti consigli di bene personale. Ad un certo punto vidi qualcosa di accecante, aveva la forma di un Aquila Reale, e ad un certo punto capii per un Patronus. Sapevo tutto di quell’incanto, era o per meglio dire viene usato per allontanare le forze di Magia Nera. Mi sorprese, perché quell’aquila era stupenda e squotendo le ali padroneggiava su tutti, ma purtroppo tutto scomparve e l’aquia si discolse in granelli di luce che cadendo verso il basso si spegnevano. Era tutto così bello, non vedevo l’ora di impararlo anche io. Intanto quando l’incanto finì sorrisi e a Federico dissi.
    Federico bel Patronus, lo sapevi che queste creature sono fatte da una nebbiolina argentea, infatti la luce proviene proprio dalla nebbia color argento accecante. Comunque molto bravo spero di impararlo pure io non vedo l’ora sai. Conosco molti incantesimi fammi una domanda e ti do una risposta. Sai mi piace molto la materia incantesimi ma amo di più Storia della Magia. La Storia dei Quattro Fondatori la conosco a memoria. Sai mi sono letto molti libri a Diagon Alley quindi conosco molte cose. Comunque bello veramente il tuo Patronum
    Intanto guardavo e continuavo a sfogliare il libro, era pieno di appunti stranissimi e dicevano cose molto diverse dalle indicazioni del libro.
    Fede93, ElisabethPage,


  • Frederick_Nott

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 8
    Galeoni: 36776
       
       

    Wow..come ci sei riuscito? è davvero bello!!

    *Mi chiese lei.*

    E' un incantesimo molto avanzato, e richiede l'utilizzo di una buona concentrazione. Devi, in particolare, pensare al ricordo più felice che hai.

    *Gli spiegai.*

    Federico bel Patronus, lo sapevi che queste creature sono fatte da una nebbiolina argentea, infatti la luce proviene proprio dalla nebbia color argento accecante. Comunque molto bravo spero di impararlo pure io non vedo l’ora sai. Conosco molti incantesimi fammi una domanda e ti do una risposta. Sai mi piace molto la materia incantesimi ma amo di più Storia della Magia. La Storia dei Quattro Fondatori la conosco a memoria. Sai mi sono letto molti libri a Diagon Alley quindi conosco molte cose. Comunque bello veramente il tuo Patronus.

    *Federico ascoltò Mark, che lo fece sorridere, era un vero e proprio treno quando parlava, e voleva sempre mettersi alla prova.*

    Be'... eccone una semplice: Da dove proviene Priscilla Corvonero?

    *Gli chiesi, accontentando la sua voglia di dimostrare il suo valore.*

    Mark_Black, ElizabethPage,


  • ElizabethPage

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 147
        ElizabethPage
    Serpeverde
       
       

    E' un incantesimo molto avanzato, e richiede l'utilizzo di una buona concentrazione. Devi, in particolare, pensare al ricordo più felice che hai.

    *disse Federeco alla ragazza*

    si avevo sentito da mia zia che si doveva pensare a una cosa bella per poterlo fare...

    *e gli sorrise...
    Mark voleva mettersi alla prova così chiese a Federico di fargli una domanda..
    e il ragazzo l' accontentò*

    Be'... eccone una semplice: Da dove proviene Priscilla Corvonero?

    *lo sguardo di Elizabeth andava da Mark a Federico
    e aspettava la risposta del ragazzo appena conosciuto*
    [spoil]Fede93,

  • Mark_Black

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 121
        Mark_Black
    Serpeverde
       
       

    Federico mi fece come per dire uan sfide, mi voleva mettere alla prova. Era rimasto sorpreso dalla mia definizione sull’incanto Expecto Patronum. Tutto era diverso ora. Mi aveva chiesto della famosa Priscilla Corvonero. Bhè non c’era una persona più stupida che non la conosceva. Era facile la sua storia ma anche molto drammatica. Avevo letto molte cose, Elisabeth guardava me e Federico in continuazione. Intanto iniziai a prendere il fiato perché non avrei smesso di parlare. Mi feci forza e sorridendo con uno sguardo di sfida verso Federico dissi.
    Federico bhè si può dire che Priscilla o Cosetta Corvonero o Pecoranera proviene da una scogliera. La fondatrice di Corvonero possedeva un diadema che donava la saggezza e l’intelligenza a chiunque la indossava. Lei era molto intelligente e credo che lei non usasse mai il diadema. Si è capito che lei ebbe una figlia ma il padre non si conosce, comunque la figlia si chiama Helena chiamata Dama Grigia il fantasma dei Corvonero attuale, lei era gelosa di sua Madre in modo pazzesco. Infatti rubò il Diadema e glielo diede a Tu-sai-chi in una foresta in Albania. Però si dice che Helena era stata uccisa dal nostro fantasma, il Barone Sanguinario, lui la uccise perché era innamorato pazzo
    Poi intanto iniziai a riprendere fiato, infatti iniziai a sorridere, quella domanda era troppo facile.
    Fede93, ElisabethPage,


  • Frederick_Nott

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 8
    Galeoni: 36776
       
       

    *Federico ascoltò attentamente ciò che Mark stava dicendo, il quale non si era limitato a dirgli dove abitava la fondatrice di quella casa, ma anche una buona parte della sua storia.*

    Bravo... Sei stato piuttosto bravo...

    *Disse Federico.
    Da dietro uno scaffale spuntò la Dama Grigia, che lui aveva appena nominato, incuriosita dalle sue parole.*


    Risposta degna di un Corvonero.

    *Gli disse affettuosa sorridendogli.*

    Ah e c'è anche il piccolo Lazzeri... Non finirò mai di ringraziarti per come tuo padre mi ha trattata durante i suoi anni scolastici, era sempre disposto ad ascoltarmi... E c'era anche tua madre, che era molto graziosa, purtroppo non l'ho potuta avere nella mia casa, era una Serpeverde dalla lingua indomabile...

    *Federico arrossì leggermente alle parole del fantasma, che senza salutare scomparve dietro a uno scaffale.*

    Mark_Black, ElizabethPage,


  • ElizabethPage

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 147
        ElizabethPage
    Serpeverde
       
       

    *Mark raccontò la storia di Priscilla corvonero.. era stato piuttosto bravo..era un ragazzo intelligente
    Ad un certo punto da ditero lo scafale comparve un fantasma che osservò prima mark e poi Federico e disse*

    Risposta degna di un Corvonero.Ah e c'è anche il piccolo Lazzeri... Non finirò mai di ringraziarti per come tuo padre mi ha trattata durante i suoi anni scolastici, era sempre disposto ad ascoltarmi... E c'era anche tua madre, che era molto graziosa, purtroppo non l'ho potuta avere nella mia casa, era una Serpeverde dalla lingua indomabile...

    *Federico arrossì a quelle parole, e divenne ancora piu carino..*

    Be io direi basta con le cose intelligenti abbiamo capito che c' è la caveremo abbastanza bene..ma ora che si fa?

    *chiese la ragazza mentre si alzava dalla sedia per andare verso uno scafale per prendere un libro...scelse uno che parlava di Astronomia..*

    materia molto interessante

    *pensò Elizabeth, non vedeva l' ora di iniziare le lezioni!*

    [spoil]Fede93,

  • Mark_Black

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 121
        Mark_Black
    Serpeverde
       
       

    Federico mi fece i complimenti per la mia definizione ma ad un certo punto qualcosa mi attraversò, qualcosa che puzzzava di morto e anche molto di muffa. Qualcosa che fluttuava ma poi rimasi stupito e vidi Helena Corvonero la Dama Grigia. Disse che ero un perfetto Corvonerom a ero stato smistato in Serpeverde e non potevo farci niente, La Dama grigia mi fece come i complimenti e la ringraziai e poi iniziò a parlare con Federico, e gli disse che i suoi genitori erano molto disponibili, ad un certo punto se ne andò. Io rimasi li a sfogliare quel libricino che avevo trovato e ad un certo punto trovai una Pozione detta Della Caverna. Ora non mi interessava leggere, intanto guardavo Elisabeth e iniziai a dire.
    Grazie molto Dama Grigia ma credo che dovresti chiedere scusa a tua Madre, sai l’ho intravista in un luogo, proprio su una scogliera una volta. Era un fantasma credevo che fosse una allucinazione invece no era tutta la realtà. Comunque grazie per i complimenti Federico e anche te Elisabeth, comunque credo che sia meglio andar a prendere aria fresca che ne dite, sennò credo che resterò qua ad indagare qualche libro interessante.
    Intanto li guardavo sembravano tutti e due innamorati ma credevo che il bacio di prima non era vero
    Fede93, ElisabethPage,


  • Frederick_Nott

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 8
    Galeoni: 36776
       
       

    *Federico vide Elizabeth avventarsi su un libro di astronomia, i loro sguardi si incrociarono spesso, erano pieni di passione. Eppure a lui sembrava una cosa quasi sbagliata.*

    Luna non si merita tutto questo.

    *Pensò, continuando a guardare la ragazza con brama di averla.
    Per distogliere quel pensiero decise di congedarsi:*


    Scusate, ma ho delle faccende da sbrigare...
    E... Ah!
    Queste sono per voi due.


    *Federico consegnò 2 pacchetti uguali ad entrambi e poi disse come se fosse in una televendita babbana:*

    Per menti brillanti penne eccellenti!

    *Il ragazzo li salutò entrambi e si diresse in Sala Comune, sbirciando di nascosto Elizabeth, mentre si allontanava da quelli scaffali polverosi pieni di libri.*

    Mark_Black, ElizabethPage,

  • ElizabethPage

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 147
        ElizabethPage
    Serpeverde
       
       

    *All' impproviso Federico disse che aveva delle faccende importanti da fare e che doveva andarsene..
    Elizabeth avrebbe voluto dirgli di aspettare, ma c' era Mark così si limitò ad osservarlo..
    era come dire..incantata dal suo sguardo!*

    Ok grazie! ci si vede ingiro..

    *disse mentre se ne andava continuavano ad osservarsi..come se nessuno dei due volesse per forza andare via..
    lei gli fece un sorriso..*

    Mark penso che me ne vado anche io..ciao

    *disse dopo aver messo in borsa il regalo fatto da Federico..*

    [i]forse ho preso una cotta[/i]

    *pensò lei*
    [spoil]Fede93,

  • Mark_Black

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 121
        Mark_Black
    Serpeverde
       
       

    Federico mi fece sentire strano, perché sembravo u intruso, lui lasciò un regalo ad Elisabeth e ne andò da qualche parte di sicuro nei Dormitori, gli volevo andare a parlare e poi iniziò a scomparire e lo avrei raggiunto dopo, stavo per parlare ma Elisabeth si dileguò si era presa una cotta, ad un certo punto rimasi solo e vidi qualcuno ma non conoscevo nessuno poi iniziai a parlare e dissi.
    Bhè ciao Elisabeth comunque si capisce che ti sei innamorata, bhe ciao ci vediamo possibilmente il più presto possibile counque bhè credo che anche io devo andare.
    Intanto la guardavo e vedevo che era diventata rossa intanto me ne andavo alla Torre Ovest nel dormitorio
    Fede93, ElisabethPage,


  • Noemi_Sanders

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 25033
        Noemi_Sanders
    Grifondoro
       
       

    OT: Mark_Black, la narrazione va messa tra asterischi (*Federico lo fece sentire strano*) e dev'essere in terza persona, non in prima come stai facendo tu (:

  • Mark_Black

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 121
        Mark_Black
    Serpeverde
       
       

    OT:Non lo sapevo scusami

  • Tisifone_Samyliak

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 110709
       
       

    Citazione:
    *Su di una cosa non c'erano dubbi: di cose ne erano successe, e pure parecchie. Monique ascoltò le parole di Tisifone studiando nel frattempo la donna che aveva davanti, con gli occhi appena socchiusi: le sembrava serena come non lo era da tempo, il che significava che probabilmente aveva davvero accettato l'idea che le due fossero cugine.
    E quel suo rapporto con Hoil...*

    Mi sa che la mia mami si sta prendendo un'inconscia sbandata per il Preside…

    *Pensò la serpina con un piccolo sorrisetto, rimanendo però in silenzio fino al commento finale della donna.*

    Certo che non è permanente, tranquilla..
    .. a me così non dispiacciono, è un bel cambiamento e soprattutto un deciso taglio col passato.


    *Replicò Moni con una piccola alzata di spalle ed un sorriso soddisfatto, intrecciandosi una ciocca di capelli intorno all'indice.*

    Curiosità mia.. hai già comunicato la novità ad Asher e Demetri?
    O preferisci.. non so.. tenerlo nascosto?


    *Le chiese dopo un po', con cautela.*




    Certo che non è permanente, tranquilla..
    .. a me così non dispiacciono, è un bel cambiamento e soprattutto un deciso taglio col passato.



    *Tisifone osservò attentamente Monique, cercando di leggere sul suo volto qualche traccia di nervosismo o di nostalgia. Qualcosa diceva alla Grifona che quel tagliare i ponti con il passato non era un modo di dire ma una presa di posizione netta: qualsiasi cosa fosse accaduto durante la vacanza con Celine e, ancora prima con Nadal e Daniel, a quanto pare era acqua passata.*


    Per quanto non mi piaccia questo tuo nuovo look, sono contenta di vederti quasi… serena. Anche se ci sono ancora un paio di passaggi della tua, diciamo, vecchia vita, che non mi sono proprio chiari e che mi piacerebbe che tu mi spiegassi…

    *iniziò a dire la ragazza, posando una mano su quella della terpina, con un sorriso radioso in volto. Ma quello che colpiva era di sicuro lo sguardo, lucente, come un cielo notturno senza nuvole, come Tisifone non aveva da tempo.*


    Quando si dice che la vita non è altro che un enorme ruota che gira… Mi sento come se fossimo tornate al punto di partenza, o quasi. Nessun segreto, nessuna bugia, solo due amiche un po’ speciali, complici. Poi questo sarà il tuo ultimo anno ad Hoghwarts e dopo i M.A.G.O. diventeremo a tutti gli effetti coinquiline. La casa è così vuota senza di te.



    *disse, ripensando al vuoto che aveva avvertito la sera dopo la festa di casa di Sibilla rientrando a casa e trovandola vuota. Tisifone si rendeva conto che forse le parole che aveva pronunciato erano un po’ slegate, senza un reale senso con quello che stavano dicendo, ma sentiva che doveva dirlo. Una delle cose che si era ripromessa di fare quando aveva dato inizio a quella sua nuova vita era di dire sempre quello che sentiva.*


    Curiosità mia.. hai già comunicato la novità ad Asher e Demetri?
    O preferisci.. non so.. tenerlo nascosto?




    Tu si che sai come riportarmi con i piedi per terra e abbattere il mio buon umore…


    *rispose Tisifone, scoppiando subito dopo a ridere, per far capire alla serpina che stava scherzando.*


    Sono stufa di segreti e sotterfugi… Non vedo cosa ci sia di male nel fatto che siamo cugine quindi no, non è un segreto e se vuoi possiamo pure dare una festa a casa per comunicarlo a tutto il Mondo Magico. Caso mai in concomitanza dei tuoi M.A.G.O….


    *iniziò a dire, finendo però per evitare di rispondere alla parte principale della domanda: come avevano reagito i suoi padrini?*


    Bè, considerato che mi sono materializzata nel soggiorno di casa loro all’improvviso, con una faccia sconvolta come se stessi sfuggendo da una schiera di Dissennatori e sono rimasta chiusa nella mia vecchia camera per tre giorni a riflettere, non ho avuto molta scelta… Sai, alla fine del terzo giorno Demetri ha fatto esplodere la porta della mia camera e Asher, il mio dolce e buono e comprensivo Grifondoro, ha incominciato a far ondeggiare sotto il mio naso una boccettina con del liquido bianco. Ho veramente creduto che volessero darmi del Veritaserum…ma non ho voluto correre il rischio di scoprirlo.

    *iniziò a raccontare Tisifone, riuscendo a non perdere il suo buon umore.*


    In sintesi, Demetri ne ha approfittato per far esplodere un altro po’ di cose e rifare l’arredamento di casa, sbraitando che sono la solita incosciente e che ormai si aspetta solo catastrofi da me. Asher invece ha rispolverato un vecchio album che non mi ha fatto vedere e mi ha detto che deve assolutamente conoscerti.


    *confessò alla fine, osservando la reazione dell’amica a quella notizia.*

  • Acton_Bell

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 7
    Galeoni: 1279
        Acton_Bell
    Serpeverde
       
       

    Avete ragione, i libri si rivelano grandi amici quando una persona vive in solitudine o lontano da ciò che ama.
    *Daniel pronunciò queste parole con lo sguardo fisso davanti a sé: sembrava quasi che parlasse a sé stesso…*
    Probabilmente anche lui non deve avere avuto una vita scevra di difficoltà.
    *pensava Acton osservandolo. Poi il serpino si riprese e tornando a guardarla curioso:*
    Dunque avete vissuto in Siberia… posso chiedervi il motivo che vi ha spinta ad allontanarvi così tanto da casa? A quanto ne so la vostra dimora stabile è a Londra.
    *Sembrava che il ragazzo avesse un talento innato nel porre domande a cui Acton non se la sentiva di rispondere, nonostante lei cercasse di sviare il discorso… Il giovane la guardava in paziente attesa e la ragazza non se la sentì di deluderlo così tentò di rispondere senza esporsi troppo:*
    Vivevo nello Yorkshire e precisamente a Hawort prima che mi trovassi coinvolta in un incidente provocato da un babbano che mi portò, mio malgrado, a dover frequentare una scuola siberiana.
    *La serpina si rese conto che quella risposta anziché placare la curiosità di Daniel avrebbe aumentato gli interrogativi. Con lo sguardo basso Acton rifletteva:*
    È la prima volta che mi rivolgo così liberamente ad una persona sconosciuta e non mi sono mai sentita così vulnerabile. Forse avrei fatto meglio a mantenere il mio solito contegno… È giunto il momento di congedarmi.
    * stava quasi per alzarsi quando cambiò idea: fissò il ragazzo negli occhi per degli istanti che parvero interminabili mentre il suo cuore batteva all’impazzata e le sue guance s’imporporavano violentemente, poi chiuse gli occhi traendo un sospiro e, riprendendo a guardarlo intensamente per cogliere ogni più piccola reazione, pronunciò a voce bassa ma ferma:*
    E se vi dicessi che ho 190 anni?
    serpeverde



Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 30, 31, 32  Successivo