Hogwarts - Piano Terra
Hogwarts - Piano Terra


  • Matthew_Dibba

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 30652
        Matthew_Dibba
    Tassorosso
       
       

    *Era quasi l'ora di pranzo. Matt aveva deciso di affrontarla: non potevano continuare ancora in quel modo, facendo finta di niente e digrignando i denti al passare dell'altro. La faccenda andava chiarita immediatamente.*

    "Come gli è potuto saltare in mente?"

    *Quella domanda continuava a ronzargli in mente da qualche giorno.*

    "Stavolta devo essere meno irruento... devo usare la semplice logica."

    *Matt aveva scelto la Sala Grande per quel chiarimento per due ragioni: sia perché era sicuro che prima o poi sarebbe entrata lì per mangiare e secondo perché sarebbero stati circondati da studenti. Anche se lui era un adulto e lei era ancora a scuola, il prefetto sapeva, dato un recente duello, che lei poteva essere alquanto pericolosa. Il ragazzo si sistemò accanto alla porta d'ingresso*

    "Se entra ci accorgeremo subito entrambi della presenza dell'altro... ora non mi resta che aspettare."

    Elbeth_Queen


  • Elbeth_Queen

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 856
        Elbeth_Queen
    Tassorosso
       
       

      
    *Mintaka era rimasta a studiare in biblioteca, dopo l’ora buca che avevano avuto dopo Pozioni.
    Elbeth, quindi, si stava dirigendo da sola con passo deciso verso la Sala Grande.
    In quei giorni era stata particolarmente suscettibile.
    Aveva troppe cose a cui pensare e tutte insieme e le sembrava a volte di non reggere lo stress.
    Era preoccupata per Richard e per tutto quello che aveva scoperto su di lui.
    Le mancava Steve, che non vedeva da una settimana.
    A tutto questo si era aggiunta l’ansia per i G.U.F.O., che avrebbe dovuto dare a fine anno.
    E poi, alla fine, ci si era messo anche Matt.
    Ci mancava solo lui!
    Odiava ammetterlo, ma la tensione tra lei ed il prefetto era stata fonte di grande delusione per lei.
    Finora, si era sempre trovata bene con i suoi compagni di Casata . Il clima tranquillo della Sala comune dei Tassi la aiutava a placare il suo carattere, altrimenti un po’ esuberante. Era un po’ come la sua seconda famiglia, alle volte anche meglio della prima.
    Ma nell’ultima settimana, l’aria che respirava nei dormitori era stata molto diversa.
    Sospirò.
    E la colpa era sua e di Matt.
    Avevano passato l’ultima settimana a guardarsi in cagnesco e nessuno dei due sembrava intenzionato a cedere.
    Era con questi pensieri, che le frullavano per la testa, che fece il suo ingresso in Sala Grande.
    Mentre varcava lo soglia, lo vide. Immediatamente distolse lo sguardo da lui.
    Anche qui?!? pensò sconsolata.
    Ormai la sua presenza aleggiava ovunque e se lo ritrovava nei posti più impensati.
    Ovviamente la stava tenendo d’occhio.
    Gliel’aveva promesso e stava mantenendo la promessa, suo malgrado!
    Passò dritta, guardando davanti a sé e senza salutarlo.*
     
    Che bisogno c’è di tormentarmi anche qui?
     
    *La frase fu detta a mezza bocca ed in tono acido, proprio mentre gli passava davanti.
    Anche se il tono era basso, Elbeth voleva che sentisse.
    Ed orgogliosamente, strinse i libri a sé e continuò imperterrita ad avanzare verso il tavolo dei Tassorosso.*
     
    Dibba


  • Matthew_Dibba

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 30652
        Matthew_Dibba
    Tassorosso
       
       

    *Matt cominciava ad annoiarsi. Erano passati solo pochi minuti ma la frustrazione lo teneva su di giri. Infine la vide. Entrò con passo fiero. Era evidente che l'aveva notato, ma lei fece finta di niente, passandogli davanti come se nulla fosse.*

    Che bisogno c’è di tormentarmi anche qui?

    *Il prefetto aveva pronta la sua controbattuta pungente ma si morsicò le labbra*

    "Non è il momento di sparare insulti. Non sei venuto per litigare ma per chiarire..."

    *Ricordò a sé stesso. Elbeth nel frattempo continuava a camminare come se nulla fosse*

    Per quanto ancora hai intenzione di scappare? Per quanto ancora vuoi evitarmi?

    *esclamò ad alta voce in perfetta contrapposizione al tono usato da lei. Molte facce si voltarono incuriosite mentre il brusio che alimentava solitamente la Sala si faceva più fievole*

    Credevo fossi più coraggiosa... che sapessi affrontare discussioni e difficoltà. Ti ho sopravvalutata... non sei altro che una codarda. Potrei chiamarti "Coniglia". Si, suona bene: Elbeth la "Coniglia"

    *Matt sapeva che l'unico modo per farla parlare con lui era farla irritare e lui era sicuro che il suo orgoglio l'avrebbe portata a confutare quelle parole, anche se ciò avesse significato parlare con lui. Molte persone si voltarono verso di lei, curiose di sapere come avrebbe reagito*

    "E ora che farai, Elbeth?"

    Elbeth_Queen


  • Elbeth_Queen

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 856
        Elbeth_Queen
    Tassorosso
       
       

    Codarda? Codarda… *lo ripetè una seconda volta in tono perplesso e molto più basso, mentre si voltava e fissava Matt con occhi fiammeggianti.
    Gli studenti della tavolata accanto a loro, iniziavano a girarsi ed a fissarli.
    La tensione nell’aria si tagliava con il coltello.*
     
    Oh, si! Una caratteristica che mi appartiene proprio….
     
    *Commentò sarcastica.
    Fece due passi verso di lui e gli si parò davanti, guardandolo con aria gelida, stringendo i libri un po’ più forte del dovuto.*
     
    Non ho paura di te Dibba, sono SOLO arrabbiata con te! E la cosa mi pare reciproca!
     
    *Poi continuando a guardarlo con un sorriso amaro continuò*
     
    Oppure mi hai fermato per scusarti? Perché sarebbero le uniche parole che vorrei sentire uscire dalla tua bocca, il resto non mi interessa!
     

  • Matthew_Dibba

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 30652
        Matthew_Dibba
    Tassorosso
       
       

    Codarda? Codarda…

    *esclamò Elbeth con sguardo minaccioso*

    "Fase 1 del programma completata con successo!"

    *Pensò Matt dopo essere riuscito a farla parlare*

    "Ora c'è la Fase 2... molto più complessa e delicata!"

    Non ho paura di te Dibba, sono SOLO arrabbiata con te! E la cosa mi pare reciproca! Oppure mi hai fermato per scusarti? Perché sarebbero le uniche parole che vorrei sentire uscire dalla tua bocca, il resto non mi interessa!

    *chiese gelida Elbeth parandosi davanti a lui*

    Non ho alcuna intenzione di scusarmi. In caso dovresti essere tu a farlo. Comunque...

    *Continuò prima che lei potesse scappare via di nuovo*

    Io non sono arrabbiato con te. Sono deluso e preoccupato. Deluso perché avete fatto tutto di nascosto, senza dirmi niente... d'altronde che motivo avrebbe un Prefetto di sapere che una sua studentessa sta insieme al suo miglior amico?

    *La sua voce, che era partita in tono fermo e sicuro, era via via cresciuta fino a diventare un grido. Matt si fermò per un istante per riprendere il controllo e continuò*

    Come avrei dovuto reagire secondo te? Era l'ultimo giorno delle vacanze. Teoricamente saresti dovuta tornare già a Hogwarts... ed io ti trovo lì, da sola, con un uomo molto più grande di te! Devo ricordarti che sei minorenne?

    *le chiese Matt sempre più impaziente*

    Lui è grande, troppo grande per te! Tu sei ancora una ragazzina e non mi interessa se ai tuoi genitori di tutto questo non importa nulla. Non gli è mai interessato niente di te ma a me si!

    *esclamò con orgoglio*

    Io sono terribilmente preoccupato per questa storia. Ed il mio timore cresce al pensiero che tu possa sgattaiolare la notte dal dormitorio per andartene a Londra!

    *Non importava cosa sarebbe successo. Matt era deciso a non permetterle di dormire a Londra da sola*

    Elbeth_Queen


  • Elbeth_Queen

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 856
        Elbeth_Queen
    Tassorosso
       
       

    *Elbeth arrossì violentemente.
    Matt stava usando un tono di voce un pò troppo alto per i suoi gusti.
    Ormai mezza sala era voltata verso di loro.*

    Matt... *gli mormorò a mezza bocca*... potresti evitare di urlare i fatti miei per tutta la Sala Grande?

    *Gli occhi di Elbeth mandavano fuoco e fiamme.
    Stava cercando di contenersi, ma Matt non stava rendendo le cose facili. Se voleva chiarire la situazione con lei, non stava scegliendo la strategia migliore...*

    Non ho alcuna intenzione di scusarmi. In caso dovresti essere tu a farlo. Comunque...
    Io non sono arrabbiato con te. Sono deluso e preoccupato. Deluso perché avete fatto tutto di nascosto, senza dirmi niente... d'altronde che motivo avrebbe un Prefetto di sapere che una sua studentessa sta insieme al suo miglior amico?


    *Arrossì sulle parole "deluso e preoccupato". Sapeva che lui e Sibilla prendevano il loro ruolo di prefetti molto sul serio.
    Ed in effetti era così: erano i loro fratelli maggiori!*

    Ma....ma.... *arrossì sempre di più* Matt... non lo abbiamo fatto di nascosto?!?

    *Elbeth aveva ricevuto un'educazione molto rigida per alcune cose ed i suoi sentimenti personali erano una di quelle cose!*

    E poi da quanto non vedi Steve? *glielo disse in tono accusatorio* Casomai se vi foste visti, te l'avrebbe detto....

    Come avrei dovuto reagire secondo te? Era l'ultimo giorno delle vacanze. Teoricamente saresti dovuta tornare già a Hogwarts... ed io ti trovo lì, da sola, con un uomo molto più grande di te! Devo ricordarti che sei minorenne? Lui è grande, troppo grande per te!
    Tu sei ancora una ragazzina e non mi interessa se ai tuoi genitori di tutto questo non importa nulla. Non gli è mai interessato niente di te ma a me si!


    Proprio perché ti importa di me, dovresti essere felice, se io lo sono!

    *Questa volta Elbeth non si trattenne: non le importava di essere al centro dell'attenzione, anche se non era una cosa che amava.
    Ma Matt doveva capire! DOVEVA!*

    E proprio perché è Steve? Per Merlino! E' il tuo migliore amico!!! Lo conosci! Lo consci BENE! Ma che razza di idea hai di lui... *era lei ora ad essere ferita e delusa. Lo guardava con occhi tristi* ...e di me?

    *Si passò nervosamente una mano tra i capelli.
    Pensava che fosse solo arrabbiato perché era uscita dal Castello, perché l'aveva trovata a Londra.
    Non pensava che fosse anche peggio...*

    Non lo capisco... *gli disse in un sussurro, abbassando lo sguardo* ... ti giuro, Matt, non lo capisco! Mi pare assurdo... Quindi ti pare strano che Steve possa interessarsi a me?

    *Nonostante tutto, i suoi occhi scuri dimostravano che Matt aveva colpito nel segno.*
    E non aveva ancora finito...*

    Io sono terribilmente preoccupato per questa storia. Ed il mio timore cresce al pensiero che tu possa sgattaiolare la notte dal dormitorio per andartene a Londra!

    E' solo questo che ti preoccupa? *gli disse sarcastica* Beh non esiste solo Londra! Avete un bellissimo ufficio ad Hogsmeade, anche se le tende verdi sono orribili con la moquette rossa....

    Dibba


  • Mintaka_Poulie

    Tassorosso Certificato

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 311
       
       

    *Nonostante fosse rimasta in biblioteca per continuare lo studio, la fame la raggiunse velocemente.
    Elbeth era già in Sala Grande: l'avrebbe trovata lì.
    Si diresse a passo svelto tra gli sudenti, forse alcuni avevano già terminato, altri uscivano dalla Sala parlando sotto voce, sembravano raccontarsi qualcosa. Tutti sembravano aver qualcosa di cui parlare all'orecchio dell'altro.

    Mintaka alzò un sopracciglio e, con aria icuriosita, entrò nella sala ghernita di studenti, alcuni schiamazzavano altri sembravano attoniti. L'aria che si respirava era sicuramente differente da ciò che era quotidianamente.*
    "Ma cosa diamine succede ancora?"

    *Avvicinatasi al centro della sala iniziò a sentire qualcuno parlare, e quel qualcuno pareva alzare il tono della voce. Non era una chiacchierata, qualcuno discuteva.*

    Io sono terribilmente preoccupato per questa storia. Ed il mio timore cresce al pensiero che tu possa sgattaiolare la notte dal dormitorio per andartene a Londra!


    E' solo questo che ti preoccupa? Beh non esiste solo Londra! Avete un bellissimo ufficio ad Hogsmeade, anche se le tende verdi sono orribili con la moquette rossa....

    *Riconobbe, immediatamente, la voce dell'amica ed il suo tipico tono sarcastico.
    L'altro doveva essere Matthew.*
    "Non dirmi che ..."

    *Allungò il passo e sgomitò tra alcuni studenti fermi al centro dell'aula. Stavano dando spettacolo: tutti li stavano ascoltando.
    Arrivò a due metri da loro e si fermò. Lo sguardo si fece duro, era irrequieta. Elbeth era in balia di Matt, o magari il contrario, ma la situazione stava diventando ridicola.
    Matthew sembrava furibondo.*
    "Ma cosa gli è preso questo periodo? Come può la notizia di Elbeth e Steve sconvolgerlo tanto?"

    *Poteva la nascita di un sentimento renderlo così furioso? Poteva renderlo irascibile la felicità di Elbeth? Ci teneva tanto a dar spettacolo? Ci teneva così tanto a tenerla lontana dalla cosa migliore che le fosse capitata in quel periodo?

    Si avvicinò di un passo e si rivolse ai due.*

    Cos'è? un nuovo spettacolo?
    ...
    Ma che diamine stà succedendo?


    *Aggiunse guardando Matt con uno sguardo eloquente e nervoso, da lui non si sarebbe mai aspettata quel comportamento, da lui che era sempre stato corretto e maturo, ora sembrava un ragazzino capriccioso.*

    Elbeth_Queen, Matthew_Dibba,


  • Matthew_Dibba

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 30652
        Matthew_Dibba
    Tassorosso
       
       

    Matt... potresti evitare di urlare i fatti miei per tutta la Sala Grande?

    *Gli rinfacciò Elbeth. Matt si morse le labbra per la frustrazione*

    Per tua informazione i fatti tuoi, come li chiami tu, sono a conoscenza dell'intero Castello. Dell'intero fuorché a conoscenza mia e di Sibilla!

    *Esclamò lui pungente*

    Perfino la Mills lo sapeva... e noi? Noi che dovremmo essere le persone in cui riponi più fiducia, le persone che ti aiuteranno sempre lo dobbiamo venire a scoprire così?

    E poi da quanto non vedi Steve? Casomai se vi foste visti, te l'avrebbe detto....

    *Controbatté Elbeth*

    Steve sa benissimo che con il mio lavoro all'Ufficio per gli Sport Magici e la mia responsabilità di Prefetto non ho molto tempo libero

    *Si difese lui. La giustificazione di Elbeth non aveva ne capo ne coda*

    E proprio perché è Steve? Per Merlino! E' il tuo migliore amico!!! Lo conosci! Lo consci BENE! Ma che razza di idea hai di lui... ...e di me?

    Non hai capito nulla... o forse mi sono espresso male io

    *Disse Matt guardandola negli occhi*

    Io mi fido di Steve più che di me stesso... gli affiderei la mia vita. Ma se dovesse andare storto? Se la storia non dovesse funzionare? Sai in che situazione mi ritroverei io?

    *Le chiese arrabbiato*

    Mi ritroverei amico di due persone che si odiano e volente o nolente sarò costretto prima o poi a prendere la parte di qualcuno dei due. Ma io non voglio farlo!

    *continuò mentre la sua voce cominciava ad incrinarsi*

    Io voglio tremendamente bene a tutti e due. Non voglio prendere la parte di uno a scapito dell'altro. E, anche se non fossi costretto a prendere parte, i nostri rapporti non sarebbero gli stessi. Non potrei fungere da amico nei confronti di Steve perché lui non potrebbe mai dirmi qualcosa contro di te, dato che sono il tuo prefetto... e la medesima cosa varrebbe per te!

    *Elbeth nel frattempo esclamò in tono sarcastico*

    E' solo questo che ti preoccupa? Beh non esiste solo Londra! Avete un bellissimo ufficio ad Hogsmeade, anche se le tende verdi sono orribili con la moquette rossa...

    *Matt si infiammò. Com'era possibile che lei lo prendesse in giro quando lui non era mai stato così serio?*

    Non scherzare Elbeth... e comunque l'arredamento è stato deciso da Steve. Io mi aspettavo più considerazione da parte vostra. Non mi aspetto che tu mi chieda il permesso di uscire con dei ragazzi. Ma almeno la volontà di dirmi che ti stavi avvicinando a lui. Non avrei il diritto di fermarti... ma almeno vorrei che mi foste stato riconosciuto il diritto di esserne informato... e non quello di scoprirlo in quel modo

    *Nel frattempo arrivò trafelata Mintaka. Evidentemente le loro discussioni erano arrivate fino alla Biblioteca*

    Cos'è? un nuovo spettacolo?
    ...
    Ma che diamine stà succedendo?


    *Matt alzò gli occhi al cielo. Ci mancava solo un'alleata di Elbeth*

    Se la tua amica non avesse deciso di ignorarmi così per tanto tempo, non sarei mai arrivato a questo... Ora con permesso

    *Disse mentre si alzava e si dirigeva fuori dalla Sala. Ad un certo punto si fermò e, anche se titubante, si voltò*

    Se vuoi, sai dove trovarmi

    *Disse ad Elbeth. Poi con nuovo passo si diresse fuori. Lui la sua situazione l'aveva chiarita. Ora toccava a lei.*

    Elbeth_Queen


  • Elbeth_Queen

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 856
        Elbeth_Queen
    Tassorosso
       
       

    Matt.... * si trovò a sussurrare, mentre vedeva il prefetto imboccare la porta di uscita.

    Elbeth rimase con la bocca spalancata e gli occhi delusi e feriti.
    Nella sua testa il prefetto di Tassorosso aveva già stabilito tutto.
    Le aveva fatto quella piazzata in Sala Grande ed ora la mollava lì?!?
    Si girò verso Mintaka_Poulie, ancora attonita.*

    Cioè... è impazzito!
    Io che ignoro lui? IO!
    Ma... ma...


    *Era tutta la settimana che non faceva altro che provocarla e giudicarla!
    Era furiosa!
    Aveva sempre considerato Matt come un fratello ed il suo giudizio, ora, aveva avuto il potere di ridurla al silenzio.
    Poi, passò un lampo improvviso nei suoi occhi scuri.
    Non poteva finire così, non DOVEVA finire così!
    Con fare deciso, mollò i libri all'amica.*

    Non finisce mica qui!

    *E gli corse dietro, decisa a chiarire quella questione, una volta per tutte!
    Voleva sincerità? Bene, l'avrebbe avuta!*

    Dibba,


  • Mintaka_Poulie

    Tassorosso Certificato

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 311
       
       

    Se la tua amica non avesse deciso di ignorarmi così per tanto tempo, non sarei mai arrivato a questo... Ora con permesso

    *Mintaka guardò Elbeth attonita. Matthew fece per uscire poi si voltò verso Elbeth.*

    Se vuoi, sai dove trovarmi

    Matt..

    *Elbeth era, se possibile, ancora più basita.*

    Cioè... è impazzito!
    Io che ignoro lui? IO!
    Ma... ma...


    Tutta questa situazione è surreale!

    *Aggiunse Mintaka esasperata.
    Elbeth, poi, presa da un'improvvisa fiamma le diede i libri e uscì dalla sala grande dietro Matt.*

    Non finisce mica qui!

    *La stanza ghernita di studenti sembrava essere caduta in uno strano silenzio, qualcuno ancora osservava dalla parte di Mintaka che era rimasta lì con l'aria persa.
    Non avrebbe seguito El, avrebbero dovuto chiarire da soli.
    Mise i libri nella borsa che aveva a tracolla e si guardò intorno, qualcuno bisbigliava, altri si voltarono in fretta allo sguardo della ragazza, altri ancora non distoglievano gli occhi e avevano la bocca ancora aperta dallo stupore.
    Matthew aveva stravolto la tranquillità quotidiana del posto, nonostante gli screzi comuni, raramente in Sala Grande avvenivano litigi del genere.

    Mintaka mise l'ultimo libro in borsa poi lanciò uno sguardo raggelante al resto della sala.
    Con le braccia aperte e a voce alta si rivolse agli studenti.*

    Beh!?Cosa guardate ancora? Lo spettacolo è finito!

    *Si avviò in direzione dell'uscita e, al volo, prese un piatto dal tavolo dei Tassorosso; avrebbe pranzato in Sala Comune.*


    Elbeth_Queen, Matthew_Dibba, bello il finale stile college americano? XD