Hogwarts - 3° Piano
Hogwarts - 3° Piano


  • Serena_Contaldo

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 6
    Galeoni: 533
       
       

    * Quella notte Serena l'aveva passata in preda a dolori atroci, ma aveva aspettato nel suo letto blu sentiva che non era ancora il momento di allertare tutti. Poi le prime luci dell'alba filtravano deboli dalle pesanti tende quando i dolori erano cambiati, si susseguivano regolari più lunghi e più intensi, ma le davano la possibilità di muoversi nel letto senza dover mordere ogni volta i soffici cuscini, solo a questo punto iniziò ad alzarsi dal letto per dirigersi in bagno. I suoi lamenti e i suoi passi incerti attirarono l'attenzione delle sue compagne di stanza, che si svegliarono all'istante, sapevano che prima o poi questo momento sarebbe arrivato, e l'aiutarono a lavarsi e cambiarsi. Dietro suggerimento di Serena, ormai arrivata quasi al limite selle forze, due ragazze corsero in infermeria a informare la guaritrice che l'evento tanto atteso da tutta Hogwarts era arrivato: il bambino stava per nascere. Già! Tutta Hogwarts sapeva e come poteva non notare una ragazza incinta che si aggirava per i corridoli, le aule e la biblioteca; aveva creato un tale polverole il suo stato interessante, l'avevano indicata con il dito e mille sguardi di disapprovazione la seguivano ogni volta che passava, ma lei portava il segno di quell'amore improvviso a testa alta, fiera della sua scelta. Anche il suo ex ragazzo ormai non si vergognava più di lei anzi ne era ammirato dalla forza e dal coraggio che aveva avuto, anche se era stato tradito. Questa era storia passata ormai. Paolo l'aveva conoscituo in una vacanza in ITalia e l'aveva stregata, quel giovane mago dai capelli scuri e amante delle arti oscure, le aveva fatto perdere la testa, cosa che si rivelò reciproca e una sera al chiaro di luna su una spiaggia argentea suggellarono il loro amore. Di quella notte Serena ne portò per nove mesi il ricordo.
    Venne attivata la passaporta che consentiva sia a Paolo che ai suoi genitori di arrivare al momento giusto, il preside aveva dato il suo assenzo in modo che lei avesse qualcuno accanto. Eccoli lì i suoi cariemozionati e impauriti allo stesso tempo, materializzarsi nella sua sala comune e dopo i baci e aver preso il necessario si recarono in infermeria. Una volta arrivati trovarono Sibilla ad attenderli e Serena disse*

    Aiutami il bambino vuole nascere! I dolori sono diventati più forti nel corso della notte, adesso non riesco più a reggerli!

    *la voce era flebile e ansimante: suo padre e Paolo le sorreggievano le spalle mentre sua madrele toglieva i capelli dal volto e le magssaggiava la spalla ad ogni contrazione. La luce che entrava nell'infermeria faceva capire che era giorno, il cielo era coperto di nuvole e da lì a poco si sarebbe scatenato un'acquazzone. A quel punto Paolo disse*

    Dove si può stendere?

  • Sibilla_Strangedreams

    Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 13
    Galeoni: 536261
       
       

    *Sibilla aveva lavorato tutta la notte per rifornire il dispensario di unguenti e pozioni utili contro distorsioni, contusioni, fratture ed ogni genere di “trauma da Quidditch”. Era notte fonda quando, vinta dal sonno, si era sdraiata su uno dei lettini della sala degenza e, quasi senza accorgersene, si era addormentata. Venne svegliata alle prime luci dell’alba da due studentesse di Corvonero in preda all’agitazione.*

    Ragazze, vi prego state calme… parlate una alla volta e, soprattutto, riprendete fiato!

    *Le ragazze riuscirono a spiegare alla guaritrice che il momento tanto atteso era finalmente giunto, il bimbo di Serena stava per nascere.*

    Per Morgana… ma non potevate chiamarmi prima, sarei venuta su nella torre di Corvonero… vabbé quel che è fatto è fatto ed è inutile recriminare.

    *Esclamò Sibilla mettendosi al lavoro per rendere l’infermeria adatta ad accogliere una partoriente. Con la bacchetta materializzo un’apposita poltrona da gestante ed una grande vasca piena di acqua tiepida profumata.*



    Meglio essere pronte ad ogni evenienza… Serena non mi ha detto in che modo preferisce fare… inoltre, è noto che il parto in acqua è meno doloroso per la madre e meno stressante per il bambino…

    *Proprio in quel momento entrò dalla porta la giovane Corvonero sorretta da un emozionatissimo mago, che la guaritrice riconobbe subito.*

    Ciao Paolo, non sapevo che ci saresti stato anche tu… ma è comprensibile che un padre voglia assistere alla nascita del proprio figlio… benvenuto, forse non ti ricordi, ci siamo conosciuti alla festa organizza da Sheevarhas nel suo locale…

    *La strega non terminò la frase perché si rese conto di essersi dimenticata di avvertire la collega di precipitarsi subito in infermeria per aiutarla in quel delicato frangente.*

    Per favore, fai sdraiare Serena su uno dei lettini mentre io informo Sheevarhas che il travaglio è iniziato…

    *Disse la guaritrice dirigendosi verso la scrivania e suonando un piccolo campanello dorato, che avrebbe immediatamente avvertito Sheevarhas che la sua presenza era richiesta in infermeria.*



    Aiutami il bambino vuole nascere! I dolori sono diventati più forti nel corso della notte, adesso non riesco più a reggerli.

    *La incalzò Serena non appena Sibilla si avvicinò per visitarla.*

    Tesoro, cerca di respirare regolarmente e dimmi ogni quanto hai le contrazioni…

    *Mentre parlava la guaritrice muoveva delicatamente la bacchetta sul pancione della ragazza.*

    Se non sbaglio non dovrebbe mancare molto… ora ti darò un elisir che ti aiuterà a sopportare il dolore e, contemporaneamente, favorirà la dilatazione della cervice… vedrai cara che andrà tutto bene…

    *Affermò Sibilla in tono rassicurante mentre si dirigeva al dispensario e ne traeva una minuscola ampolla contenente un liquido trasparente come l’acqua ma luminescente come l’oro.*



    Bevi alcune gocce ed aspetta di sentire se il dolore diminuisce… fai con calma, non c’è fretta… in questi casi anche la magia non può fare molto… dobbiamo aspettare ce la natura segua il suo corso e che il piccolo sia pronto a venire alla luce...

    *Precisò la guaritrice porgendo il flaconcino alla paziente.*

    Comunque state tranquilli… per fortuna, esistono preparati ed incantesimi che rendono il travaglio ed i parto praticamente indolore…

    *Aggiunse la Tassorosso rivolgendosi ad entrambi e e sorridendo dolcemente per rassicurarli.*

    Fra poco arriverà anche Sheevarhas... sapete non mancherebbe alla nascita del suo figlioccio per nulla al mondo.

    *Concluse Sibilla mentre lanciava furtivamente uso sguardo alla porta, nella speranza di veder entrare l'amica.


    Sheevarhas, jillval83,


  • Sheevarhas_Flamel

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 56789
       
       

    *Sheevarhas era a Diagon Alley: stava ritirando alcuni volumi conteneti incantesimi curativi molto antichi. Lei e Sibilla ci tenevano moltissimo ad avere sia la Biblioteca Medica, che il Dispensario sempre aggiornati e funzionali. Amavano molto il loro incarico da guaritrici e spesso sgobbavano più del necessario, ma erano fatte così: stacanoviste e meticolose, del resto avevano delle vite umane con cui avere a che fare...
    Mentre pagava il fornitore, il campanellino magico che usavano lei e la tassetta, risuonò : era Sibilla, la quale l'avvertiva di precipitarsi in Infermeria, poichè Serena stava per dare alla luce la sua creatutra. Ovviamente Sheevarhas non esitò a sbrigarsi e, per non perdere tempo, pagò subito e si materializzò con tutti i volumi comprati in Infermeria.*

    Il mio figlioccio sta per nascere....o mamma! Devo sbrigarmi, non me lo perderei per nulla al mondo!!! Sono la sua madrina dopotutto!

    *Una volta materializzata in Infermeria, trovò Sibilla, Paolo, Serena e due corvette. Fece accomodare le due ragazze di Corvonero in sala d'aspetto e, posati i volumi in Biblioteca con abile gesto della bacchetta, si mise subito a disposizione, pronta a fare il suo dovere di guaritrice.*

    Eccomi, eccomi! Mamma che emozione ^^
    Però, Serena hai bisogno di relax e di meno gente intorno, quindi pregherei queste due brave corvette di accomodarsi in sala d'aspetto. Non preoccupatevi, Serena è in buone mani!


    *Disse rivolta alle due studentesse...Poi guardò Sibilla e disse*

    Ogni quanto tempo ha le contrazioni? Vedo che gli ha dato l'infuso, brava tassetta^^ Serana sai, è miracoloso...però ,e credo che Sibilla già te lo abbia detto, dobbiamo far fare alla natura il suo corso...dopotutto il parto è uguale sia nel mondo magico, che in quello babbano...Paolo, non aver timore, Sibilla ed io riusceremo a farti diventare padre, dico bene collega?

    *Disse in tono sicuro verso la collega guaritrice*


    jillval83


  • Serena_Contaldo

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 6
    Galeoni: 533
       
       

    * Serena ancora sorretta da Paolo e da suo padre si stendette un letto. Mentre aiutava Serena, Paolo rispose a Sibilla, *

    Certo che mi ricordo di te! Ci siamo visti alla festa premaman di Serena

    *Sibilla si avvicinò al suo pancione e rispose alle sue domande, mentre respirava*

    Le contrazioni sono forti e vengono ogni 5 minuti ma anche meno non ho fatto molto caso ad essere sincera

    *Mentre beveva l'elisir datole da Sibilla, era dolce e confortante i dolori inziavano piano ad allentarsi dopo poco, arrivò *Sheevarhas, che fece accomodare covette e genitori in sala d'aspetto. Rincuorò un preoccupato Paolo che le rispose*

    Grazie! Serena e io ci fidiamo molto di voi

  • Sibilla_Strangedreams

    Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 13
    Galeoni: 536261
       
       

    Ogni quanto tempo ha le contrazioni?

    *Chiese Sheevarhas che era arrivata letteralmente volando in infermeria.*

    Le contrazioni sono forti e vengono ogni 5 minuti ma anche meno non ho fatto molto caso ad essere sincera.

    *Rispose Serena ansimando un poco e stringendo la mano di Paolo.*

    Beh, se cominciano ad essere regolari ravvicinate dovrebbe già essere iniziata la fase dilatante…

    *Sibilla voltandosi verso la collega ed attendendo un gesto d'assenso, che immancabilmente arrivò.*

    Vedo che gli ha dato l'infuso, brava tassetta! Serana sai, è miracoloso...però ,e credo che Sibilla già te lo abbia detto, dobbiamo far fare alla natura il suo corso...dopotutto il parto è uguale sia nel mondo magico, che in quello babbano...

    *Sibilla avrebbe voluto visitare Serena per accertarsi che tutto stesse procedendo nel modo corretto ma prima doveva trovare il modi di dire al padre di Corvonero che non era molto appropriato che lui fosse lì, la guaritrice si sarebbe aspettata di vedere la madre, un’amica, una sorella ma non certo il genitore.*

    Scusi Signor Spencer, forse sarebbe il caso che si accomodasse nella zona farmacia, che funge anche da sala d’attesa.

    *Disse la Tassorosso lanciando uno sguardo implorante a Sheevarhas, la quale ribadì con fermezza il concetto ed accompagnò nell’altra stanza l’ansioso mago.*

    Tesoro, l’elisir che ti ho dato inizia a fare effetto?

    *Chiese Sibilla cercando di dissimulare la propria ansia, quello era il suo primo parto ed aveva il terrore di compiere qualche errore. La Corvonero annuì sforzandosi di sorridere all’inesperta guaritrice, forse aveva intuito la sua apprensione.*

    Grazie a Morgana e Circe ha funzionato!

    *Pensò tirando un sospiro di sollievo, poi, riprese a parlare ostentando un sicurezza che non aveva.*

    Sia i babbani sia i maghi sostengono che il parto in acqua sia quello meno doloroso e più dolce tanto per la mamma quanto per il bambino: infatti, il calore dell’acqua apporta il sostanziale beneficio di ridurre il dolore ma anche di ammorbidire i tessuti, così da rendere spesso inutile il ricorrere all'episiotomia.

    *La guaritrice fece una pausa perché si rese conto di aver uato termini un po’ troppo tecnici e spaventosi per le orecchie di due nervosissimi futuri genitori.*

    No, non allarmatevi e scusate il mio tecnicismo cercherò di spiegarlo in modo più semplice…

    Tesoro, mi sembra proprio il caso se non vuol far scappare Serena e Paolo.

    *Intervenne ridendo Sheevarhas, che era tornata nella zona degenza senza che Sibilla se ne rendesse conto.*

    Beata lei che sa sempre cosa fare… avessi io la sua sicurezza…

    *Rifletté la strega guardando con ammirazione l’amica, poi, annuì e riprese a parlare.*

    In primo luogo l’acqua alleggerisce il peso del corpo e di conseguenza la mole della pancia verrà avvertita meno, lasciano più libertà di movimento. L’acqua calda poi rilassa i muscoli favorendo la diminuzione delle tensioni, l’utero di dilata più facilmente e anche i tessuti si ammorbidiscono, favorendo l’uscita del bambino. Inoltre, anche per il neonato è un vantaggio: il passaggio dal liquido amniotico all’acqua sarà meno traumatico… Io te lo consiglierei, ma sei tu che devi decidere cosa preferisci… vi sono partorienti che si trovano più comode in posizione accucciata, in modo che la forza di gravità favorisca l’espulsione del piccolo… è tutto molto soggettivo, puoi anche provare in un modo e poi sperimentarne un altro per capire quale preferisci…

    *Spiegò la guaritrice continuando a sorridere e mantenendo un tono dolce e rassicurante. Serena si rivolse a Paolo ed i due iniziarono a valutare i pro e i contro per decidere come procedere.*

    Qualunque opzione scegliate, è fondamentale che ti rilassi, mia cara… a questo scopo ho pensato di mettere della musica di sottofondo… è una compilation di antiche melodie celtiche che favoriscono la meditazione e che infondono un senso di tranquillità, allo spirito e, di conseguenza al corpo.

    *Concluse la guaritrice agitando sapientemente la bacchetta come fosse un direttore d’orchestra. Subito l’infermeria fu pervasa da dolci note leggiadre.*


    Link


    Sheevarhas, jillval83,


  • Sheevarhas_Flamel

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 56789
       
       

    *Mentre Sibilla faceva acccomodare, con garbo, Paolo e le giovani aiutanti in sala d'aspetto, un'enorme vasca con acuq profumatissima comparve in Infermeria, seguita da una spiegazione tecnica da parte della tassetta:*

    Sia i babbani sia i maghi sostengono che il parto in acqua sia quello meno doloroso e più dolce tanto per la mamma quanto per il bambino: infatti, il calore dell’acqua apporta il sostanziale beneficio di ridurre il dolore ma anche di ammorbidire i tessuti, così da rendere spesso inutile il ricorrere all'episiotomia.

    Questo è verissimo!!! Ma redo che la mia collega debba esprimersi con termini meno tecnici, dalle vostre facce si deduce solo spavento e credetemi, non è questo il caso!
    Sibilla, di loro le stesse cose, ma in termini non tecnici o infermieristici^^


    No infatti, non allarmatevi ... Sheevarhas ha ragione...e scusate il mio tecnicismo cercherò di spiegarlo in modo più semplice…

    Tesoro, mi sembra proprio il caso se non vuol far scappare Serena e Paolo.

    *Disse Sheevarhas per rallegrare i toni e calmare Serena e Paolo*

    Beata lei che sa sempre cosa fare… avessi io la sua sicurezza…

    *Qui Sheevarhas capì che Sibilla stava pensando ed allora rispose nella sua mente*

    Ma ne hai tassetta...solo che sei più pragmatica di me, tutto qui...sai insieme che coppia formiano?^^ Su non pensare a ste sciocchezze, c'è un pargolo da far nascere!

    *Così Sibilla, riprese a parlare con sicurezza*

    In primo luogo l’acqua alleggerisce il peso del corpo e di conseguenza la mole della pancia verrà avvertita meno, lasciano più libertà di movimento. L’acqua calda poi rilassa i muscoli favorendo la diminuzione delle tensioni, l’utero di dilata più facilmente e anche i tessuti si ammorbidiscono, favorendo l’uscita del bambino. Inoltre, anche per il neonato è un vantaggio: il passaggio dal liquido amniotico all’acqua sarà meno traumatico… Io te lo consiglierei, ma sei tu che devi decidere cosa preferisci… vi sono partorienti che si trovano più comode in posizione accucciata, in modo che la forza di gravità favorisca l’espulsione del piccolo… è tutto molto soggettivo, puoi anche provare in un modo e poi sperimentarne un altro per capire quale preferisci…
    Qualunque opzione scegliate, è fondamentale che ti rilassi, mia cara… a questo scopo ho pensato di mettere della musica di sottofondo… è una compilation di antiche melodie celtiche che favoriscono la meditazione e che infondono un senso di tranquillità, allo spirito e, di conseguenza al corpo.

    *Dopo che Sibilla finì di parlare, i volti dei futuri genitori erano visibilmenti più tranquilli ed anche Sibilla sembrava soddisfatta *

    Bene, adesso direi di procedere, mi sembra la condizione ideale...inoltre anche Venere e Nettuno sono allineati e questo, anche se non può interessarvi, in Alchimia è segno di buon auspicio^^
    Come vogliamo procedere Sibilla cara?


    *Disse la futura Madrina alla guaritrice*




    Sibilla, jillval83,




    Ultima modifica di Sheevarhas_Flamel oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Serena_Contaldo

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 6
    Galeoni: 533
       
       

    *Serena vide che Sheevarhas, faceva accomodare fuori Paolo e le sue amiche, ma mentre lo faceva Paolo disse:*

    No, per favore voglio rimanere qui con lei! Non mandatemi via!

    *Serena incalzò*

    Si per favore fatelo rimanere! Voglio che lui stia con me!

    *Di fronte a queste volitive richieste le guaritrici accettarono la presenza di Paolo. Serena ascoltò i preziosi consigli di Sibilla, cercò di rilassarsi il più possibile facendo dei respiri profondi. La musica di sottofondo l'aiutava ancora di più, sentire quelle dolci note aleggiare nell'aria dell'infermeria, le facevano immaginare le ampie distese incolte eppur brulicanti di vita della brughiera inglese e questo la rilassava. I dolori grazie alla pozione si ridussero notevolmente, ma adesso sentiva che il suo corpo gli dava altri messaggi: iniziò a sentire sempre più forte il desiderio di spingere*

    Ragazze sento che qualcosa sta cambiando sento delle forti spinte verso il basso. Vorrei mettermi nella vasca, per favore

    *Sia le guaritrici che Paolo aiutarono Serena a svestirsi e ad entare in quella vasca piena di acqua calda e di delicati profumi. Appena entrò riuscì a sentire che i muscoli del corpo cominciavano a rilassarsi lentamente, lasciando il posto ad una piacevole sensazione di benessere*

  • Sibilla_Strangedreams

    Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 13
    Galeoni: 536261
       
       

    *Appena Serena si immerse nella vasca dorata, il tepore dell’acqua e gli oli essenziali che vi erano disciolti, insieme alle dolci note che pervadevano l’aria, la fecero rilassare.*

    Cerca di respirare regolarmente e di spingere ogni volta che senti una contrazione...

    *Disse con dolcezza Sibilla che aveva visitato le giovane, verificando che ormai la dilatazione del collo della cervice era pressoché ottimale.*

    Grazie agli elisir che ti abbiamo somministrato non dovrebbe essere molto doloroso nonostante l’intensità delle contrazioni...

    *Agginse la guaritrice inginocchiandosi vicino alla bordo della vasca, rimboccandosi le mani ed immergendo gli avambracci nel liquido profumato.*

    Sheev, tesoro, manca pochissimo stai pronta con la bacchetta...

    *Si rivolse alla collega che sapeva esattamente cosa avrebbe dovuto fare quando Sibilla le avesse dato il segnale.*

    Sei bravissima, mia cara... ed anche tu Paolo stai facendo un ottimo lavoro, di certo senza di te Serena non terrebbe così bene il ritmo...

    *Precisò la Tassorosso sorridendo ai due futuri genitori, poi tacque di colpo e la sua espressione divenne grave, si vedeva che era molto concentrata per assolvere al meglio il proprio delicato compito.*

    Sento la testa...ora Sheev, è il momento!

    *Esclamò dopo pochi secondi. Prontamente Sheevarhas agitò la bacchetta pronunciando una misterioso formula che generazioni di guaritori avevano usato per rendere l’espulsione del neonato meno traumatica sia per la mamma sia per il figlio. Infatti, l’antico sortilegio faceva sì che il piccolo fosse delicatamente spinto all’esterno rendendo più elastico il passaggio ed evitando complicazioni e dolorose lacerazioni.*

    Ce l’ho!

    *Disse emozionata la giovane strega, stringendo fra le mani il bimbo, poi, con estrema delicatezza, lo estrasse dall’acqua ed impugnò la propria bacchetta, che era appoggiata per terra a pochi centimetri da lei, la puntò verso il cordone ombelicale, quindi, sussurrò la formula.*

    RECIDO

    *Immediatamente una luce nivea si sprigionò dal catalizzatore di energia e tagliò di netto l’ultimo legame che temeva Alessandro ancora unito a Serena. Appena il piccolo fu libero la guaritrice lo sollevvò ed iniziò a frizionarlo energicamente con dei morbidi asciugamani che aveva evocato.*

    Forza, giovane mago, respira! So che puoi farcela...

    *Pensò Sibilla mentre scuoteva delicatamente il bimbo, valutando se utilizzare Anapneo per liberare più rapidamente le vie respiratorie del neonato. Aveva letto che poteva essere necessario ricorrere all’incantesimo se il piccolo non fosse stato abbastanza forte da respirare da solo.*

    UHEEUUUUUUUUUUUUUUUEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

    *Il sonoro vagito emesso da Alessandro sciolse ogni dubbio e la guaritrice trasse un profondo sospiro di sollievo.*

    Complimenti, ragazzi è un bambino bellissimo e molto forte...



    *Sentenziò la strega rivolgendosi ai neo-genitori e mostrando loro il piccolo.*

    A te l’onore di fare la prima visita al tuo figlioccio!

    *Aggiunse porgendo il piccolo infagottato in un asciugamano pulito a Sheevarhas, la quale fu entusiasta di verificare che Alessandro godeva di ottima salute.*

    Paolo, per favore, vai a vedere tuo figlio mentre io mi occupo di Serena...

    *Disse Sibilla, poi, vedendo che la neo-mamma stava per protestare, precisò.*

    Tesoro, dovrai pazientare solo pochi minuti... voglio solo controllare che tutto sia apposto e poi potrai abbracciare il tuo bambino.

    *La Corvonero annuì rassegnata, era troppo stanca per opporsi alla volontà della guaritrice che, dopo aver trasfigurato la vasca in una comoda poltrona ed aver ripulito ed avvolto Serena il un soffice accappatoio, sentenziò soddisfatta.*

    Sei in forma smagliante per una donna che ha appena partorito, strega o babbana che sia... certo, non potrai giocare a Quidditch per un po’, ma credo che questo sia l’ultimo dei tuoi pensieri!

    *I quattro scoppiarono a ridere mentre Paolo si avvicinava a Serena e le posava Alessandro in grembo. Anche Sheevarhas si unì al quadretto familiare, mentre Sibilla si allontanava con discrezione per andare in sala d’attesa ad informare il signor Spencer e le due corvette che tutto era andato nel migliore dei modi e che a Hogwarts c’era un nuovo, piccolo mago.*


    Ragazze, scusate il ritardo ma ho avuto problemi in famiglia e non avevo né il tempo né la testa di postare.
    Un bacione
    Sibilla


  • Sheevarhas_Flamel

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 56789
       
       

    * Serena si immerse nella vasca dorata come le disse Sibilla: la futura mamma stava bene e Sheevarhas potè procedere tranquilla sul da farsi*

    Cerca di respirare regolarmente e di spingere ogni volta che senti una contrazione...
    Grazie agli elisir che ti abbiamo somministrato non dovrebbe essere molto doloroso nonostante l’intensità delle contrazioni...
    Sheev, tesoro, manca pochissimo stai pronta con la bacchetta...

    *Disse Sibilla a Serena per poi rivolgersi a Sheevarhas, la quale sapeva esattamente cosa avrebbe dovuto fare quando Sibilla le avesse dato il segnale.*

    Si eccomi Sibilla, sono nata pronta! Procediamo^^
    Figlioccio mio, stai per venire al mondo!


    *Disse Sheevarhas: era felicissima poicjhè stava per assistere alla nascita del suo primo figlioccio...peccato che Cosetto non fosse li, gli avrebbe fatto sicuramente piacere essendo il padrino di Alessandro*

    Sento la testa...ora Sheev, è il momento!

    *Esclamò dopo pochi secondi. Prontamente Sheevarhas agitò la bacchetta pronunciando una misterioso formula che generazioni di guaritori avevano usato per rendere l’espulsione del neonato meno traumatica sia per la mamma sia per il figlio. Infatti, l’antico sortilegio faceva sì che il piccolo fosse delicatamente spinto all’esterno rendendo più elastico il passaggio ed evitando complicazioni e dolorose lacerazioni.*

    Endumien calatis simmnesn cata rilesh numen!

    *Dopo che Sheevarhas pronunciò l'antica formula, una luce verde intensa si propagò dalla sua bacchetta avvolgendo Serena...Gli occhi di Sheevarhas erano più smeraldi e luminescenti del solito, mentre i suoi lunghi capelli corvini sembravano mossi da un lieve brezza*

    Ce l’ho!

    *Disse Sibilla una volta che Sheeva terminò il sortilegio e stringendo fra le mani il bimbo, poi, con estrema delicatezza, lo estrasse dall’acqua ed impugnò la propria bacchetta, che era appoggiata per terra a pochi centimetri da lei, la puntò verso il cordone ombelicale, quindi, sussurrò la formula.*

    RECIDO

    *Immediatamente una luce nivea si sprigionò dal catalizzatore di energia e tagliò di netto l’ultimo legame che temeva Alessandro ancora unito a Serena. Appena il piccolo fu libero la guaritrice lo sollevvò ed iniziò a frizionarlo energicamente con dei morbidi asciugamani che aveva evocato.*

    Forza, giovane mago, respira! So che puoi farcela...

    *Pensò Sibilla mentre scuoteva delicatamente il bimbo, valutando se utilizzare Anapneo per liberare più rapidamente le vie respiratorie del neonato. Aveva letto che poteva essere necessario ricorrere all’incantesimo se il piccolo non fosse stato abbastanza forte da respirare da solo.*

    UHEEUUUUUUUUUUUUUUUEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

    *Il sonoro vagito emesso da Alessandro sciolse ogni dubbio e la guaritrice trasse un profondo sospiro di sollievo.*

    Wow ci siamo riuscite! Che bel bimbo^^

    Complimenti, ragazzi è un bambino bellissimo e molto forte...



    *Disse Sibilla rivolgendosi ai neo-genitori e mostrando loro il piccolo.*

    A te l’onore di fare la prima visita al tuo figlioccio!

    *Aggiunse porgendo il piccolo infagottato in un asciugamano pulito a Sheevarhas, la quale fu entusiasta di verificare che Alessandro godeva di ottima salute.*

    Fatemi spuzzare il mio figlioccio! Alessandro ciao^^ Sono la tua madrina Sheevarhas...ti vizierò come non mai, anche se Serena e Paolo non vorranno ;)
    Sei bellissimo batuffolo!


    *Esclamò Sheevarhas una volta preso tra le proprie braccia il piccolissimo Alessandro*

    Paolo, per favore, vai a vedere tuo figlio mentre io mi occupo di Serena...

    *Disse Sibilla, poi, vedendo che la neo-mamma stava per protestare, precisò.*

    Tesoro, dovrai pazientare solo pochi minuti... voglio solo controllare che tutto sia apposto e poi potrai abbracciare il tuo bambino.

    *La Corvonero annuì rassegnata, era troppo stanca per opporsi alla volontà della guaritrice che, dopo aver trasfigurato la vasca in una comoda poltrona ed aver ripulito ed avvolto Serena il un soffice accappatoio, sentenziò soddisfatta.*

    Vieni Paolo, guarda tuo figlio...è stupendo^^

    *Aggiunse Sheevarhas mentre il padre del banmbino si avvicinava a loro*

    Sei in forma smagliante per una donna che ha appena partorito, strega o babbana che sia... certo, non potrai giocare a Quidditch per un po’, ma credo che questo sia l’ultimo dei tuoi pensieri!

    Ben detto collega!QUi ci vuole una foto a voi 3!!! Dite gorgosprizzi!

    *I quattro scoppiarono a ridere mentre Paolo si avvicinava a Serena e le posava Alessandro in grembo. Anche Sheevarhas si unì al quadretto familiare facendo già le prime foto alla nuova famiglia, mentre Sibilla si allontanava con discrezione per andare in sala d’attesa ad informare il signor Spencer e le due corvette che tutto era andato nel migliore dei modi e che a Hogwarts c’era un nuovo, piccolo mago.*


    Sibilla, jillval83


  • Serena_Contaldo

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 6
    Galeoni: 533
       
       

    *Serena si immerse nella vasca apposiamente preparata. Il momento era più vicino che mai: il bambino faceva pressione per nascere. Serena sentiva le naturali e fastidiose spinte che il suo corpo le dava e lei pazientemente come le suggerivano le guaritrici le assecondava, mentre cercava di rimanere rilassata. Voleva mantenere tutto il corpo rilassato così iniziò a girare lo sguardo intorno e ammirò lo spettacolo naturale che le grandi finestre le donavano. Si aspettava che il sole fosse ormai alto nel cielo, ma alcune nuvole grigie lo oscuravano e lasciarono cadere una pioggia intensa. Lei adorava la pioggia e cercava di immaginare il profumo che emanava, chiuse gli occhi mentre spingeva. Gli aprì subito dopo quando sentì Sibilla, chiamare Sheevarhas. Lei arrivò con la bacchetta e la sentì mentre recitava la formula. In quel momento mentre una luce verde illuminava la stanza, sentì il suo corpo più cedevole e una strana sensazione la invase completamente.
    Il bambino era ormai uscito dal suo corpo, mentre Sheeva prendeva il bambino e recideva il codone ombellicale, trasse un respiro profondo di sollievo, era ormai priva di forze, ma voleva vedere a tutti i corsti il bambino così si rivolse a Sibilla con un filo di voce, mentre Paolo e Sheeva si allontanarono con Alessandro*

    Per favore fatemi alzare voglio vederlo anche io

    *Sibilla a quel punto disse*

    Tesoro, dovrai pazientare solo pochi minuti... voglio solo controllare che tutto sia apposto e poi potrai abbracciare il tuo bambino.

    *Serena a quel punto desistette e si lasciò visitare dalla guaritrice che sentenziò*

    Sei in forma smagliante per una donna che ha appena partorito, strega o babbana che sia... certo, non potrai giocare a Quidditch per un po’, ma credo che questo sia l’ultimo dei tuoi pensieri!

    *Dall'altre parte della stanza Sheeva visitava il bambino che dopo averlo frizionanato con degli asciugamani puliti e sentì il suo primo vagito forte e dirompente. Sentì a mala pena quello che diceva Sheeva a Paolo era così stanca e priva di energie, che sentiva le voci ovattate intorno a lei.
    Paolo si avvicinò al bambino con gli occhi emozionati e sognanti: era amore a prima vista e lo prese in braccio. In quel momento lui non disse niente aveva solo un sorriso stampato sul volto che non riusciva ad andare via. Ringraziò con la testa per gli auguri e i complimenti che le guaritrici gli rivolgevano. Sheeva prese la macchina fotografica e iniziò a scattare le foto prorpio mentre Paolo dava il bambino a Serena e sorridendo dissero insieme*

    GORGOSPRIZZI!!!




  • Sheevarhas_Flamel

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 56789
       
       

    7° Caso Chiuso


    Sheevarhas Flamel & Sibilla Strangedreams