Hogsmeade
Hogsmeade


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Edmund_Krakenford


  • Edmund_Krakenford

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 185
       
       

    *Quel pomeriggio di dicembre Edmund aveva stupidamente pensato di andare a fare un giro, nonostante affacciandosi da qualunque finestra del castello si poteva notare che la pioggia e il freddo tipico di quel mese non erano l'ideale per una passeggiata. Lui però, reduce da tre ore di studio costante sentiva di aver bisogno di una pausa. L'undicenne si sentiva fiero di sé quando studiava e soprattutto quando gli venivano riconosciuti i suoi meriti a lezione, era piuttosto ambizioso e quello lo portava a fantasticare pure più del dovuto, ma quel giorno aveva un terribile bisogno di rilassarsi. Con ancora in testa i nomi di alcuni pozionisti famosi uscì dal castello e subito la pioggia investì il suo capo, mentre il freddo pungente lo portava quasi ad avere dolore al viso. Arrivò dopo un lungo tratto di camminata, con la giacca della divisa completamente zuppa. Quasi sorrise sentendo il calore del negozio che riscaldava il suo corpo infreddolito. Si diresse al bancone vedendo @Serenity_Hunter lavorare dietro esso.*

    Buona sera!

    *Abbozzò un sorriso alla barista, piuttosto imbarazzato. Nonostante i vari mesi trascorsi vivendo quella nuova vita non si era ancora abituato a tutta la vita sociale che portava e soprattutto a parlare con delle donne. Sperò di non sembrare patetico ad essere venuto da solo in quel locale, ma non aveva avuto voglia di trovare un accompagnatore, era piuttosto urgente il bisogno di cambiare aria.*

    Scusi, dove posso vedere il menù?

    *Chiese arrossendo leggermente alla donna di fronte a lui. Si augurò vendesse qualcosa di caldo.*

  • Serenity_Hunter

    Corvonero
    AUROR

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 2098
       
       

    Accidenti, che tempaccio!

    *Esclamò ad alta voce Serenity richiudendo in fretta la porta sul retro del pub in cui lavorava con un colpo di bacchetta. Sfilandosi il giaccone fradicio ed effettuato un Incantesimo Arefacio su di esso per asciugarlo in fretta si vestì in tutta fretta, ben sicura che il locale sarebbe stato pieno data la pioggia intensa. Decisamente quella giornata non lasciava altre possibilità ai visitatori di Hogsmeade: di sicuro rimanere all'aria aperta era da scartare, considerato anche il freddo, per cui i locali sarebbero stati bersagliati soprattutto da chi era in cerca di un luogo caldo dove ripararsi. Una volta che si trovò dietro al bancone constatò effettivamente la veridicità dei propri pensieri: il locale era già affollato, pieno di maghi e streghe di tutte le età, qualcuno entrato per prendere qualcosa mentre altri vi avevano trovato rifugio essendo quasi certamente il primo locale più vicino a loro. Fortunatamente la giovane Corvonero stava imparando a gestire bene ogni situazione e ad impratichirsi con quei semplici ma essenziali incantesimi che le avrebbero evitato di comportarsi come una barista Babbana. Dopotutto rimaneva sempre una strega di Hogwarts e come tale possedeva una bacchetta che poteva risparmiarle un bel po' di fatica fisica. L'attenzione di Serenity fu attirata da un ragazzo seduto al bancone, chiaramente infreddolito e dallo sguardo smarrito. Doveva essere un ragazzino di primo anno che per la prima volta conosceva quel pub così famoso fra gli studenti del Castello. Non appena l'undicenne si accorse della sua presenza la chiamò chiedendole il menù per scegliere cosa prendere con aria vagamente imbarazzata.*

    Buonasera e benvenuto ai Tre Manici di Scopa! Sono Serenity Hunter e vedo dalla tua divisa che come me sei un Corvonero quindi benvenuto nella nostra Casa. Puoi tranquillamente darmi del "tu" dato che ho solo un anno in più di te! Rilassati, non ti mordo mica e pensa a goderti la serata. Ti prendo subito il menu.

    *Sorrise la dodicenne per mettere più a suo agio il giovane cliente mentre con un tocco di bacchetta Appellava il listino di bevande e cibi disponibili al pub.*





    Leggi con calma e appena hai scelto qualcosa mi richiami, va bene?

    *Disse Serenity sempre con un sorrisone a trentadue denti per poi procedere a servire altri due maghi baffuti alla destra del ragazzo.*

    @Edmund_Krakenford,

  • Edmund_Krakenford

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 185
       
       

    *Quindi si chiamava Serenity la ragazza, che non era così grande come aveva pensato. Aveva solo un anno più di lui, eppure non poteva fare a meno di sentirsi imbarazzato guardandola dietro un bancone. Solo dodici anni e aveva già un lavoro, certo, non un lavoro che avrebbe gradito lui, però pur sempre un lavoro. Se era così intraprendente ora forse avrebbe avuto un futuro luminoso. Per un istante Edmund si immaginò come candidato delle elezioni per essere ministro della magia e immaginò la barista di fronte a lui come la sua rivale. Come al solito non riusciva a frenare l'ambizione e neanche le sue fantasie irrealistiche sul possibile futuro di chi aveva davanti. La dodicenne fece apparire un menù di fronte a lui ed Edmund gli diede un'occhiata, per poi alzare lo sguardo e sorridere, nonostante l'imbarazzo.*

    Ti ringrazio

    *Indicò con un dito il menù senza ancora scegliere nulla.*

    A quanto pare siamo entrambi dei corvonero, è una casa davvero affascinante non trovi?

    *Apprezzava molto la sua casa, da ciò che aveva notato nessuno si risparmiava in quanto ad ore di studio e gli faceva piacere sentirsi in competizione, anche se era solo da parte sua. In più l'aria che si respirava nella sua sala comune sapeva di tranquillità, che apprezzava molto. Prese il menù e con il dito toccò la sezione delle bevande, scegliendo mentalmente cosa prendere. Non aveva mai ordinato in un negozio ed era piuttosto imbarazzante come situazione, aprì la bocca per parlare.*

    V-Vorrei una burrobirra calda, per piacere

    *Certamente era sembrato un bimbo piccolo. Non gli piaceva affatto sfigurare di fronte ad una persona poco più grande di lui.*

  • Emily_Banks

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 119
        Emily_Banks
    Grifondoro
       
       

    *Emily stava dormendo beatamente sul suo letto, quando la sua coniglietta April desiderosa di coccole le saltò in grembo, svegliandola dal suo sonno ristoratore.
    Non le piaceva essere disturbata quando dormiva, ma poiché si trattava di April decise di passarci sopra, e cominciò ad acarezzare la sua piccola testolina. Si resa conto che quel pomeriggio non aveva studiato niente, o meglio ci aveva provato ma il sonno aveva vinto, abbandonandola tra le braccia di Morfeo, guardò l'orologio per capire che ore fossero e...*

    Sono le quattro?!

    *Urlò Emily sgomenta mettendosi le mani tra i capelli, era in ritardo di mezz'ora al lavoro. Si diresse verso il suo armadio, prendendo i primi vestiti comodi che le capitavano in mano, e dopo aver indossato la sua felpa nera e le sue solite scarpe, prese cappotto e sciarpa, e scese velocemente le scale del Castello. Più volte rischiò di finire con la faccia per terra o peggio rompersi qualche ossa; dopo aver attraversato il giardino di corsa, decise di rallentare il passo nel tragitto che separava Hogwarts da Hogsmeade. Camminava comunque velocemente per cercare di arrivare il prima possibile, e salutava con il fiato che le rimaneva, i suoi amici. Quando arrivò ad Hogsmeade decise di fare l'ultimo sforzo, correndo fino al locale, e quando aprì la porta dei Tre Manici di Scopa fu contenta di sentire la calda atmosfera e il suo profumo che le ricordava tanto quello della cannella. Nonostante fosse pomeriggio, il bar non era gremito di clienti come il suo solito, decisa di non perdere altro tempo raggiunse la sua collega Serenity, che stava lavorando dietro al balcone. *

    Ciao Serenity mi dispiace davvero tanto, mi sono addormentata e non ho tenuto d'occhio l'ora. Visto che sono in ritardo di mezz'ora, domani farò mezz'ora in più per recuperare il tempo perso, e non esigo un no!

    *Disse Emily completamente esausta per la corsa, mentre si infilava il suo grembiule scuro da barista che la volta precedente aveva appoggiato su una sedia lì vicino. Si legò i lunghi capelli biondi in uno chignon e dopo aver bevuto un bicchiere d'acqua per dissetarsi era pronta per iniziare a lavorare. Vide un ragazzino con la divisa dei Corvonero seduto su uno sgabello, e poiché non aveva ancora niente davanti a sè, decise di raggiungerlo per accertarsi se avesse già ordinato qualcosa. *

    Ciao benvenuto ai Tre Manici di Scopa, io sono Emily e sarò la tua barista. Hai già ordinato qualcosa?

    @Edmund_Krakenford, @Serenity_Hunter,




    Ultima modifica di Emily_Banks oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Serenity_Hunter

    Corvonero
    AUROR

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 2098
       
       

    *Mentre terminava la spillatura di due Burrobirre calde per i due maghi baffuti con la coda dell'occhio Serenity osservava il neo Corvonero intento a scegliere cosa volesse ordinare. Sicuramente non si sarebbe mai aspettato che la barista potesse avere semplicemente un anno in più di lui, cosa che in effetti sorprese anche la ragazza stessa quando le prime volte che si recò in quel pub venne a conoscenza dell'opportunità che veniva offerta a svariati studenti di poter lavorare part time. Terminata la consegna delle bibite la Corva si riavvicinò al ragazzo, il quale le rivolse un'osservazione sulla loro Casa comune.*

    Assolutamente! Delle quattro Corvonero è quella che più mi rappresenta e affascina: sete di conoscenza, ambizione per la carriera ma anche saggezza e diplomazia nelle decisioni. Di certo viene esaltata le grandi capacità della mente ma al suo interno gli stessi Corvonero possiedono qualità molto variegate e in più ognuno di noi ha un talento nascosto. Per questo credo proprio che il Cappello Parlante abbia scelto molto bene dove collocarmi, non avrei potuto chiedere di meglio.

    *Confidò la ragazza, ricordando bene come fosse emozionata il giorno dello Smistamento, lei una Nata Babbana che di magia non sapeva proprio nulla, la gioia di essere collocata a Corvonero, la meraviglia della sala comune e le materie scolastiche...*

    Tutto mi piace della mia Casa: il colore che è il mio preferito, il blu; la nostra comune passione di voler sempre conoscere di più, tutto amo della mia Casa. Riconosco però di avere un difetto: sono competitiva. Non lo do a vedere perchè la calma è uno dei miei pregi migliori ma detesto perdere o fare la figura dell'ignorante. Non immagini nemmeno quanto mi dia fastidio che qualcuno abbia fatto meglio di me, soprattutto nei compiti. La sento come una sconfitta personale ragion per cui scappo subito in biblioteca a colmare quelle lacune.

    *Ammise umilmente Serenity, arrossendo un po'. Certo era felice per quei compagni che prendevano bei voti ma in cuor suo sentiva un certo fastidio per non essere riuscita anche lei nell'intento con la stessa bravura. In passato i suoi genitori avevano cercato di frenare quella sua caratteristica, la sua voglia di essere in un certo senso la migliore, ma senza successo: temevano che la loro unica figlia un giorno avrebbe potuto scoppiare per quella bramosia di conoscenza per questo provarono a convincerla che dopotutto era un'umana ed era lecito non sapere proprio tutto. Serenity in quell'occasione aveva semplicemente ribattuto che finchè ne avesse avuto l'opportunità e i mezzi avrebbe dato il tutto per tutto prima di arrendersi e il discorso era finito lì. A Hogwarts infatti solo Storia della Magia era il suo tallone di Achille, la sua sconfitta personale: ci aveva provato e riprovato ma i voti non accennavano a lievitare. Il ragazzo nel frattempo aveva scelto cosa ordinare e Serenity gli prestò tutta l'attenzione possibile.*

    Perfetto, te la porto subito. A proposito non mi pare di aver capito quale sia il tuo nome, compagno di Casa.

    *Domandò la dodicenne con un sorriso, gli occhi verdi fissi nei suoi grigi. D'un tratto un trambusto proveniente dal retrobottega attirò l'attenzione della neo barista, trovandosi di fronte poco dopo una ragazza bionda anche lei con i capelli raccolti e il grembiule del pub. Era la sua collega Emily che fino ad allora aveva visto di sfuggita al cambio del turno. Ancora mezza trafelata la giovane borbottò qualcosa riguardo all'essere in ritardo e di voler recuperare in futuro. Serenity cercò immediatamente di calmare la ragazza.*

    Ehi calmati, va tutto bene. D'accordo accetto la tua proposta ma per oggi non me la sento di lasciarti da sola. Insomma guarda quanta gente c'è! Non mi va di fare cambio e pensarti qui sommersa di ordinazioni, preferisco darti una mano. La porta non ha fatto altro che scampanellare da quando sono qui, è una giornata piovosa e sarà pieno di clienti questa sera. Tranquilla, ora rilassati e poi inizia a lavorare anche tu. Sarà anche un'occasione per poter parlare un po' di più, dato che ci siamo viste solo al cambio del turno, non trovi?

    *Con un sorriso rivolto alla collega per metterla a suo agio Serenity era felice di poter condividere un po' di tempo con quella ragazza, era molto curiosa di saperne di più visto che pareva proprio una brava ragazza. Appellando il menu dal neo Corvonero e riponendolo su una mensola Serenity era pronta a sciacquare il boccale di acqua fredda per la spillatura della bevanda quando vide Emily rivolgersi al ragazzo di prima, che aveva già domandato a lei cosa volesse ma ovviamente questo la bionda non poteva saperlo.*

    Ha chiesto una Burrobirra calda, Emily. Tieni il boccale, spillagliela tu così inizi già a lavorare. Il ragazzo è stato Smistato quest'anno e parlavamo della nostra Casa. La tua è Grifondoro, giusto? Com'è l'ambiente lì e i tuoi compagni?

    *Chiese Serenity includendo la barista nel discorso mentre versava con un colpo di bacchetta un po' di rum di ribes rosso per una strega di mezz'età arrivata poco prima.*

    @Edmund_Krakenford, @Emily_Banks,




    Ultima modifica di Serenity_Hunter oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Emily_Banks

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 119
        Emily_Banks
    Grifondoro
       
       

    Ehi calmati, va tutto bene. D'accordo accetto la tua proposta ma per oggi non me la sento di lasciarti da sola. Insomma guarda quanta gente c'è! Non mi va di fare cambio e pensarti qui sommersa di ordinazioni, preferisco darti una mano. La porta non ha fatto altro che scampanellare da quando sono qui, è una giornata piovosa e sarà pieno di clienti questa sera. Tranquilla, ora rilassati e poi inizia a lavorare anche tu. Sarà anche un'occasione per poter parlare un po' di più, dato che ci siamo viste solo al cambio del turno, non trovi?

    *Emily ancora ansimante per la corsa, si bloccò stupita per le parole della ragazza, che per fortuna non si era arrabbiata, anzi si era offerta di aiutarla dato il numero di clienti presenti nel locale. *

    Grazie mille Serenity, apprezzo moltissimo la tua gentilezza e disponibilità, ma non sentirti obbligata a restare, se fossi stanca o non avessi più voglia, sei libera di tornare al Castello. Poi posso farcela anche da sola, ieri il locale era pieno quanto oggi. Comunque mi fa piacere parlare con te, almeno potrò conoscerti di più. Ma bando alle ciance è ora di lavorare!

    *Esclamò Emily mettendosi le mani sui fianchi e dirigendosi verso al ragazzo della casa dei Corvonero per vedere se avesse deciso cosa ordinare, ma venne bloccata da Serenity che le disse. *

    Ha chiesto una Burrobirra calda, Emily. Tieni il boccale, spillagliela tu così inizi già a lavorare. Il ragazzo è stato Smistato quest'anno e parlavamo della nostra Casa. La tua è Grifondoro, giusto? Com'è l'ambiente lì e i tuoi compagni?

    *Vide la ragazza porgerle il boccale che Emily prese ringraziandola con un dolce sorriso. Si diresse verso lo spillatore e riempì il bicchiere di burrobirra fino all'orlo formando un leggero strato di schiuma bianca. Prese poi il boccale facendo attenzione a non far cadere neanche una goccia della dolce bevanda e la consegnò al ragazzo adagiandola delicatamente sul balcone in legno. *

    Ecco qua la tua burrobirra spero sia di tuo gradimento... Non mi hai ancora detto come ti chiami, è forse un segreto?

    *Scherzò Emily facendogli l'occhiolino, poi si rivolse a Serenity per rispondere alla sua domanda. *

    Proprio così io sono una Grifondoro, mentre voi due siete dei Corvonero se non erro.
    Io amo tutto della mia casa, le persone che ne fanno parte sono diventate la mia seconda famiglia. È semplicemente fantastico l'ambiente lì, tutti vanno d'accordo con tutti, nessuno escluso. Quando entri nella nostra Sala Comune vieni accolto dal suo calore, dal suo dolce profumo e ti puoi sentire come a casa, è una sensazione fantastica. Potrei continuare ad elogiare la mia casa fino all'infinito se volessi.


    *Disse Emily contenta. Era fiera e orgogliosa di essere stata smistata nella casa di Sir Nicholas, fantasma dei Grifondoro, coraggiosi e nobili d'animo. *

    @Serenity_Hunter, @Edmund_Krakenford,


  • Daniel_Blagdon

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 17
       
       

    *Qualche giorno prima Daniel aveva appreso dell'esistenza di un paese di nome Hogsmade nella vicinanze di Hogwarts. Così aveva mandato il permesso via gufo ai genitori perché lo firmassero, per consentirgli di visitare il piccolo villaggio.
    Il giorno prima il permesso dei genitori era arrivato la mattina durante colazione con il gufo da cui era partita.
    Daniel era felicissimo che i genitori gli avessero dato il permesso, perché in circostanze normali dubitava che gli lo avessero dato. Ma che cosa c'era di normale in tutto questo? Esisteva la magia, i maghi, animali fantastici...*

    Bello quel bar, Tre Manici di Scopa che bel nome.

    *Daniel_Blagdon entrò nel bar Tre Manici di Scopa e vide @Serenity_Hunter lavorare dietro il bancone. Si avvicinò per ordinare una burrobirra e salutò*
    Salve, son appena arrivato in questo bel villaggio, potrei avere una burrobirra?
    *e attese la risposta del barista.
    Anche il barista lo saluto.*

    Sei nuovo, qui a Hogwarts?

    *Gli chiese il barista. Daniel gli disse che quello per lui era il primo anno alla scuola di magia e stregoneria di Hogwarts. E che era entusiasta quando aveva scoperto di quel piccolo villaggio di soli maghi in tutta la Gran Bretagna. Da quello che aveva visto quel villaggio era molto affascinante il negozio di Mielandia, la testa di porco, i tre Manici di Scopa e tutti gli alti negozi erano splendidi secondo Daniel_Blagdon.*

    Daniel quanto lavori qui, ai tre Manici di Scopa? Ti piace?

    *chiese Daniel alla barista...*



    Ultima modifica di Daniel_Blagdon oltre 1 anno fa, modificato 3 volte in totale


  • Emily_Banks

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 119
        Emily_Banks
    Grifondoro
       
       

    *Appena finì il discorso con Serenity, il campanello suonò nuovamente indicando l'entrata di un nuovo cliente, era un ragazzino che si guardava intorno con uno sguardo rapito e curioso, ma al tempo stesso sembrava smarrito. Lo vide avvicinarsi al balcone e sedersi su uno sgabello, Emily prese un block notes e una penna per prendere l'ordinaziome del ragazzo. *

    Ciao benvenuto ai Tre Manici di Scopa io sono Emily e sarò la tua barista. Hai già deciso cosa prendere o ti porto il menù?

    *Chiesa la giovane Grifondoro sorridendo gentilmente al ragazzo, e mentre aspettava la sua risposta decise di portare i portare avanti con il lavoro, sparecchiando i tavoli in modo da lasciarli liberi per i nuovi clienti. Per fortuna poteva usare la magia, così sfilò la bacchetta che portava nella tasca dei Jeans e appellò due boccali di vetro sporchi che adagió nel lavabo insieme agli altri. Purtroppo non conosceva alcun incantesimo per farli lavare da soli, contava sulla sua amica Serenity siuramente molto più esperta di lei, ma se anche lei era nella stessa situazione di Emily avrebbero dovuto lavarli alla maniera babbana. *

    @Daniel_Blagdon, @Serenity_Hunter, @Edmund_Krakenford,


  • Adelide_Holmes

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 218
       
       


    *Adelide, congelata, entrò nel bar chiudendosi la porta alle spalle*

    Odio l'inverno!

    *sibilò tra i denti. Si diresse poi piano verso il bancone dove una ragazza bionda stava lavando le stoviglie facendo intuire di essere la barista, e si sedette su uno degli sgabelli in legno troppo alti per starci seduti comodamente.
    In quel momento diede un'occhiata in giro per la locanda: non era mal illuminata, ma c'era lo stesso un'inquietante penombra che donava al luogo un aria da film horror misto alle losche locande dei cartoni animati!
    Le piaceva quel posto, le dava un senso di calore e affetto, lo stesso che le aveva dato quel immenso castello in pietra che era Hogwarts*

    Che bello questo mondo

    *sussurrò sorridendo. Riscuotendosi dal suo trans da "quanto è bello questo posto" prese a guardare il menù delle bevande (ad Hogwarts davano anche pasti troppo grassi, non voleva diventare una balenottera mangiando anche lì) e fu attirata dalla scritta "Whisky Incendiario"*

    Ma cosa vendono, roba che esplode qui?!

    *pensò mentre si immaginava una persona mente beveva Whisky che intanto gli esplodeva in pancia.
    C'era scritto "tasso alcolico molto alto, quindi per non fare brutta figure passando per una alcolizzata a soli 11 anni preferì andare avanti con la lettura:
    "Succo di zucca".
    Questa bevanda l'aveva già vista a scuola, ma non aveva mai avuto il coraggio di assaggiata! Le sembrava incredibile bene della spremuta e zucca! Già sopportava poco quella di arance!
    Poi le cascò l'occhio su una bevanda chiamata "burrobirra". Aveva sentito che sei ragazzi di terza e di quarta la nominavano, ma non aveva mai detto nulla.
    Guardò il tasso di alcol e non c'era!*

    Bah, proviamo! Spero non sia una roba caramellosa e appiccicaticcia!

    *e così chiese timidamente alla barista:*

    Mi scusi, io non ho ben capito se questa burrobirra è adatta alla mia età o no... Insomma, se è alcolica o meno! Se non lo è potrei averne una?



    Ultima modifica di Adelide_Holmes oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Serenity_Hunter

    Corvonero
    AUROR

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 2098
       
       

    Sì esatto, sono proprio una Corva. Grifondoro decisamente non fa per me, di certo il coraggio non è la mia caratteristica preponderante, ma sono contenta che per te così come per tutti quanti noi il Cappello abbia scelto quella più adatta per noi.

    *Sorrise Serenity in risposta al commento della sua collega Emily. Effettivamente la giovane non poteva che sentirsi meravigliosamente adatta alla Casa blu e bronzea, rispecchiante ogni sua caratteristica più intima. Sicuramente la stessa sensazione la viveva la bionda per Grifondoro, cosa che fece sorridere la castana riflettendo su come fosse possibile che il Cappello riuscisse quasi esattamente a scoprire le migliori capacità di ogni studente. Finita di servire la strega, che se andò lasciando il conto sul bancone, Serenity Appellò il bicchiere sporco diretta al lavabo scoprendo che Emily non aveva ripulito i boccali, impilandoli semplicemente uno sull'altro. Di certo non era un ottimo modo per tenere il pub in ordine, dato che c'era sempre bisogno di essere pronti per l'arrivo di altri clienti e non potevano certo perdere tempo a sciacquare tutto in fretta e furia. Forse la ragazza non sapeva bene che incantesimo usare e non voleva bagnarsi le mani come una barista babbana?*

    Aspetta Emily, ti faccio vedere come si fa. TERGEO!

    *Esclamò la dodicenne puntando il catalizzatore magico sulla pila di boccali sporchi, ripulendoli all'istante. Poi si rivolse alla collega.*

    Ecco fatto, come vedi non è un incantesimo difficile. Capisco benissimo che ti stavi trovando in difficoltà, anche io i primissimi giorni facevo tutto a mano perchè non conoscevo alcun incantesimo di questo genere; andando in biblioteca, però, ho risolto il problema. Ti consiglio di farci un salto, magari ci possiamo andare insieme così ti faccio vedere il libro e ci esercitiamo.

    *Tutto questo fu proposto con un sorriso da parte della Corvonero, ben felice di insegnare qualcosa di nuovo a chi ne sapeva meno di lei. Un ragazzo si accomodò al bancone sgombro mentre Serenity rimetteva a posto il tutto, rivolgendosi proprio a lei ma essendo indaffarata non avrebbe certo potuto servirlo, ragion per cui Emily colse la palla al balzo togliendola dall'impiccio. La castana fece appena in tempo a rispondere al ragazzo che già un'altra cliente era in attesa.*

    Io e Emily siamo state assunte all'inizio del mese e personalmente mi piace fare un lavoro che mi tiene impegnata. Scusami ma devo servire la ragazza che è arrivata. Accidenti, questa giornata è proprio da dimenticare!

    *Sbottò Serenity asciugando un po' del sudore che imperlava la fronte, recandosi immediatamente in direzione della neo studentessa, anch'ella Corvonero, che chiese spiegazioni sulla Burrobirra.*

    Buonasera, sono Serenity e per oggi sarò la tua barista! La Burrobirra è alcolica ma la gradazione è talmente bassa che è concesso venderla anche ai minorenni. Difatti è una delle bevande più apprezzate e conosciute nel mondo magico. L'unica restrizione che abbiamo riguarda invece il Whisky che può essere ordinato solo dai maggiorenni. La Burrobirra può essere calda, adatta per le giornate invernali, o fredda per rinfrescare durante i giorni di calura. Alcuni ci aggiungono anche della cannella perchè dà un pizzico di sapore in più. Spero di aver chiarito i tuoi dubbi, vuoi che te ne prepari un boccale?

    *Non voleva di certo costringere la piccola strega ad ordinare, ma con quella spiegazione sulla bevanda che aveva intenzione di bere Serenity voleva essere il più precisa possibile lasciando poi al cliente la facoltà di scegliere cosa fare. Per precauzione però Appellò un boccale, pronta per la spillatura. Notando che era coperto da un fine strato di polvere la ragazza richiamò sorridendo l'attenzione di Emily.*

    Guarda, un altro incantesimo casalingo. Se un oggetto non ha incrostazioni o sporcizia ma solo della polvere puoi sempre usare Tergeo ma va bene anche un altro. GRATTA E NETTA!

    *Pronunciò decisa Serenity, mentre l'incantesimo faceva effetto rendendo il vetro splendente come se fosse stato lucidato.*

    Ovviamente il contrario non vale. Cioè se hai un oggetto davvero sporco il Gratta e Netta non è abbastanza quindi devi ricorrere per forza al Tergeo. Perchè non ci provi ora con quell'altro boccale lassù?

    @Edmund_Krakenford, @Emily_Banks, @Daniel_Blagdon, @Adelide_Holmes,


  • Emily_Banks

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 119
        Emily_Banks
    Grifondoro
       
       

    Sì esatto, sono proprio una Corva. Grifondoro decisamente non fa per me, di certo il coraggio non è la mia caratteristica preponderante, ma sono contenta che per te così come per tutti quanti noi il Cappello abbia scelto quella più adatta per noi.

    *Sorrise Serenity rispondendo alle precedenti affermazioni di Emily. Era d'accordo con il discorso della sua collega, il Capello era fatto proprio per quello, riusciva a leggere nel profondo degli studenti, capendo le loro paure, doti e ambizioni e collocava ogni studente nella giusta casa. Infatti Emily si sentiva pienamente adatta di appartenere ai Grifondoro, e differenza di Serenity il coraggio non le mancava. *

    Sono perfettamente d'accordo con te, e per quando riguarda me il coraggio è ovviamente una delle mie caratteristiche preponderante.

    *Rispose Emily con un'alzata di spalla, mentre era impegnata a mettere nel lavabo i boccali sporchi pronti per essere lavati, stava per prendere una spugna quando Serenity la precedette dicendo. *


    Aspetta Emily, ti faccio vedere come si TERGEO!
    Ecco fatto, come vedi non è un incantesimo difficile. Capisco benissimo che ti stavi trovando in difficoltà, anche io i primissimi giorni facevo tutto a mano perchè non conoscevo alcun incantesimo di questo genere; andando in biblioteca, però, ho risolto il problema. Ti consiglio di farci un salto, magari ci possiamo andare insieme così ti faccio vedere il libro e ci esercitiamo.


    *I boccali si ripulirono in un istante, ed Emily li prese in mano per vedere se ci fosse qualche residuo sporco ma niente... erano scintillanti come nuovi. *

    Grazie mille Serenity! In effetti immaginavo che conoscessi qualche magia per rendere il lavoro meno pesante e più veloce, la prossima volta lo utilizzerò. Comunque accetto il tuo invito, può sempre essermi utile dare un'occhiata in biblioteca.

    *Disse Emily sorridendo gentilmente a Serenity, e per terminare l'opera sfoderò la sua bacchetta e la puntò sui boccali. *

    Wingardium Leviosa

    *I boccali cominciaro a lievitare e guidati dalla bacchetta di Emily cominciarono ad adagiarsi delicatamente sulla credenza, soddisfatta del proprio lavoro sorrise contenta e rimise via la bacchetta. Poi tornò dal ragazzo per vedere se avesse deciso cosa ordinata, ma non fece in tempo neanche a fare un passo che la porta del locale si aprì nuovamente facendo scampanellare il campanello della porta. Diede un'occhiata per vedere chi fosse il nuovo cliente, e vide una ragazzina con la divisa dei Corvonero che si guardva in torno curiosa e al tempo stesso stupita. Si accomodó su uno sgabello chiedendo informazioni sulla burrobirra, e venne immediatamente risposta da Serenity che disse. *


    Buonasera, sono Serenity e per oggi sarò la tua barista! La Burrobirra è alcolica ma la gradazione è talmente bassa che è concesso venderla anche ai minorenni. Difatti è una delle bevande più apprezzate e conosciute nel mondo magico. L'unica restrizione che abbiamo riguarda invece il Whisky che può essere ordinato solo dai maggiorenni. La Burrobirra può essere calda, adatta per le giornate invernali, o fredda per rinfrescare durante i giorni di calura. Alcuni ci aggiungono anche della cannella perchè dà un pizzico di sapore in più. Spero di aver chiarito i tuoi dubbi, vuoi che te ne prepari un boccale?


    *Adorava la burrobirra, specialmente quella fredda, la beveva spesso a merenda nelle calde giornate estive dopo aver trascorso l'intero pomeriggio a volare sulla sua scopa. Ma anche la burrobirra calda non era affatto male, però lei la prendeva sempre senza cannella in quanto non era una grande amante. La sua attenzione venne catturata da Serenity che le disse. *

    Guarda, un altro incantesimo casalingo. Se un oggetto non ha incrostazioni o sporcizia ma solo della polvere puoi sempre usare Tergeo ma va bene anche un altro. GRATTA E NETTA!

    *Puntando la bacchetta su un boccale con un sottile strato di polvere, e per effetto dell'incanteismo tornò pulito. Non rimase affatto stupita, lo conosceva bene quell'incanteismo, infatti lo usava per pulire la sua scopa dopo averla utilizzata oppure quando rimaneva chiusa per alcuni giorni nel magazzino. Stava per ringraziarla e per dirle che non era necessario che le spiegasse altro, ma venne preceduta da Serenity che aggiunse. *

    Ovviamente il contrario non vale. Cioè se hai un oggetto davvero sporco il Gratta e Netta non è abbastanza quindi devi ricorrere per forza al Tergeo. Perchè non ci provi ora con quell'altro boccale lassù?

    *La Corva si stava dimostrando molto gentile e disponibile nei confronti di Emily, ma nonostante non fosse abile e intelligente quanto la ragazza non era mica imbranata. Per carità non aver nulla contro Serenity, ma le sembrava di essere in classe con lei che le spiegava l'incantesimo facendole poi fare la prova. Così si limitò a dire, accennando un lieve sorriso. *

    Grazie Serenity sei molto gentile, ma non è necessario che prova questo incantesimo visto che lo so già fare.

    *E uscì dal balcone per andare a servire in gruppo di tre donne, che si erano sedute sulle poltrone vicino al camino.*

    @Serenity_Hunter, @Adelide_Holmes,@Daniel_Blagdon,
    @Edmund_Krakenford




    Ultima modifica di Emily_Banks oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Evelyn_Deluca

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 277
        Evelyn_Deluca
    Serpeverde
       
       

    *Era una giornata fredda e piovosa. Evelyn decise di distrarsi un po' andando ai Tre Manici di Scopa. Prese la sua sciarpa e il cappotto e se li infilò salendo dal dormitorio Serpeverde. Appena arrivata sulla soglia del castello iniziò a sentire il freddo crescere. Oltrepassò il portone e rimase impressionata dalla potenza della pioggia. Ma Evelyn non si scoraggiò e , coprendosi con il cappotto, si avviò verso il locale stando attenta a non scivolare. Le gocce di pioggia battevano sui suoi occhiali ostacolandole la vista. Per fortuna non ci mise molto ad arrivare e appena vide il cartello "Tre Manici di Scopa" si sentì rallegrare. Appena entrò Evelyn provò una bellissima sensazione sentendosi avvolta dal caldo. Si levò il cappotto, ormai zuppo, e la sciarpa e cominciò a cercare qualche tavolo libero, ma il locale era pienissimo.*
    Emh... Piacere mi chiamo Evelyn, posso sedermi qui con te?
    *Chiese Evelyn a @Hillary_Palmer.*



    Ultima modifica di Evelyn_Deluca oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Adelide_Holmes

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 218
       
       

    *Adelide sorrise imbarazzata a quella ragazza che le aveva riversato addosso così tante informazioni in una volta che credeva di scoppiare! Questa barista le sembrava una donna assai indaffarata e attiva, si chiese se non fosse una Corvonero anche lei...*

    Si, grazie mi piacerebbe molto una Burrobirra, ma sono allergica alla cannella, quindi eviterei! Grazie!

    *si decise finalmente ad ordinare la giovane. In quel momento una Serpeverde entrò dalla porta tutta bagnata e andò a sedersi a un tavolo con una sua probabile amica. Sorrise pensando che Hogwarts era davvero una grande e stupenda famiglia!
    La barista alla fine le versò il calice di Burrobirra e Adelide decise di andare a berselo in santa pace da qualche parte, così si andò a sedere a un tavolo libero, in un angolino stretto stretto (per questo forse era rimasto vuoto). Adelide guardò il suo bicchiere pieno di quella strana sostanza storcendo il naso. Dall'aspetto non sembrava così invitante, così provò ad annusare: non aveva per niente l'odore della birra babbana! Quella un po' le piaceva, suo padre gliela faceva provare una volta ogni tanto, ma quella era una cosa totalmente diversa! Sempre meno convinta appoggiò il calice alle labbra e assaggiò*

    Porca trota che buona!

    *Esclamò con stupore continuando a bere quella deliziosa bevanda a più non posso!
    Finita quella si leccò i baffi e si guardò attorno. Le due ragazze di prima erano ancora sedute allo stesso tavolo così, incuriosita le guardò meglio: avevano la sua età, questo lo sapeva perché le aveva viste alla sua stessa cerimonia dello smistamento, ed erano una Serpeverde e una Grifondoro!*

    Strano *pensò*

    Io ero convinta che Grifondoro e Serpeverde si odiassero a morte! *continuò riferendosi alle voci che aveva sentito.
    In ogni caso quelle due ragazze la incuriosivano, così si alzò lentamente e pensando a tutti i modi con cui avrebbero potuto dirle di no e cercando di controllare il tremolio nella voce si avvicinò al loro tavolo e disse:*

    Ehi ciao! Scusate se vi interrompo, mi chiamo Adelide. Potrei sedermi con voi?



    Ultima modifica di Adelide_Holmes oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Hillary_Palmer

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 681
       
       

    *Hillary era ai Tre Manici di Scopa. Il locale era gremito di persone quel freddo pomeriggio di dicembre. Lei si stava godendo una cioccofuoco, era l'ideale nelle giornate invernali, tutta sola ad un tavolo. Aveva deciso lei di andarci da sola perché quel giorno non le andava proprio di parlare ma la voglia di fare una bella chiacchierata con qualcuno le era venuta vedendo tutta quella gente parlottare allegramente nel locale. La Grifondoro prese un altro sorso di cioccofuoco rimpiangendo di non aver portato una delle sue amiche con lei quando una voce sconosciuta la destò dai suoi pensieri.*

    Emh... Piacere mi chiamo Evelyn, posso sedermi qui con te?

    *Era una ragazza che a occhio e croce doveva avere la sua età. Una Serpeverde, più precisamente, vedendo lo stemma verde appuntato sulla sua divisa. Ma a Hillary non importava. Non era il tipo di Grifondoro che odiava i Serpeverde e, visto che la ragazza le aveva chiesto se poteva unirsi a lei, le sembrava che neanche la sua coetanea badasse molto a queste discordie tra Case. Alzò la testa e notò che la ragazza aveva capelli biondi e occhi verdi proprio come lei. Già dal volto la Serpeverde le sembrò simpatica.*

    Ma certo, siediti pure! Io sono Hillary, primo anno...

    *Le disse felice di avere qualcuno con cui parlare. Poi si accorse che Evelyn non aveva ancora ordinato nulla.*

    Tu non prendi niente?

    *Le chiese con un sorriso.*

    @Evelyn_Deluca



    Ultima modifica di Hillary_Palmer oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale



Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo