Hogwarts - 3° Piano
Hogwarts - 3° Piano


  • Pervinca_Periwinkle

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 6
    Galeoni: 2035
       
       

    *Quegli ultimi giorni per la giovane Periwinkle era stat un vero inferno. Si era svegliata un bel giorno con un raffreddore pazzesco, dovuto xertamente alle sue scorribande con la scopa durante gli allenamenti di Quidditch. Credeva di poterlo gestire senza dover disturbare nessuno in Infermeria. Ma poche ore dopo ecco subentrare la febbre, e la giovane aveva deciso di tornare in dormitorio per riposare, e una volta giunta nel letto si era addormentata in un baleno. Si sveglió solamente perché una delle sue conpagne di stanza le qveva chiesto se voleva scendere a cena. Lei con un mugugno aveva risposto di no, per poi ricadere addormentata quasi mezzo secondo dopo. Andó avanti così per tre giorni , finchè quel giorno le avevano praticamente imposto di andare in infermeria a farsi curare, o l'avrrbbero portata li di peso e Pervinca sapeva che l'avrebbero fatto eccome.
    Ed era quindi per quello che ora camminava lentamentr lungo il corridoio che terminava con la stanza che lei cercava. Quando finalmente giunse al portone, lo varcó e disse*

    É .. coff...permesso?

    @Shana_Sakai


  • Shana_Sakai

    Grifondoro Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 2450
        Shana_Sakai
    Grifondoro Certificato
       
       

    Infermeria - Sala visite



    *Shana era seduta alla scrivania della sala visite, vicino ai letti stranamente vuoti della stessa. Aveva da poco rimandato in dormitorio una giovane ragazza di Serpeverde, cui qualcuno aveva fatto uno scherzo di poco gusto con la fattura mangialumache, e non aveva altro da fare in quel momento.
    Aveva preso in mano uno dei libri che teneva sempre a disposizione per quei momenti di stallo; alla prima riga fu colta da uno sbadiglio. Era parecchio tardi, probabilmente non si sarebbe fatto vedere nessun'altro studente, ma per via dell'assenza della sua collega guaritrice doveva restare più a lungo del normale.
    Per lei, però, non era un peso perché amava quel lavoro; a volte si era addirittura fermata a dormire in uno dei letti vuoti per restare accanto a malati più gravi o particolarmente bisognosi, o per semplice timore che arrivasse qualche ferito durante la sua assenza.
    Riprese la lettura, unico vero rimedio contro il sonno che la stava assalendo, quando la porta si aprì con un lento e lungo cigolio.*

    "A quanto pare qualcuno è venuto, a dispetto di ciò che pensavo."

    *Constatò la donna mentre si alzava in piedi, improvvisamente sveglia e attiva, per verificare di chi si trattasse.
    Fu con sorpresa che scorse una malconcia Pervinca fare il suo ingresso, chiudendosi la pesante porta di legno alle spalle.*

    É .. coff...permesso?

    *La guaritrice le corse incontro per sorreggerla; pareva molto debole e si muoveva con passo strascicato, dando l'impressione di poter crollare da un momento all'altro.*

    Ma certo cara, accomodati su uno dei letti. Aspetta che ti do una mano.

    *Avvolse il suo braccio attorno alle spalle dell'amica e la guidò fino al giaciglio più vicino, dove la fece sdraiare e la coprì subito con il lenzuolo e la coperta.
    Dal suo tono di voce e dagli occhi gonfi e rossi, Shana capì subito che la ragazza era sicuramente vittima dell'influenza che girava al Castello in quei giorni. Non era la prima che si presentava con gli stessi sintomi, e probabilmente non sarebbe stata l'ultima.
    Mentre chiedeva, per sicurezza, maggiori dettagli sullo stato di salute a Pervinca, le posò delicatamente una mano sulla fronte, portando l'altra a sfiorare la propria per constatare la differenza di temperatura. Era molto calda, di sicuro la febbre era parecchio alta.*

    Oh, tesoro, hai proprio un gran febbrone!
    Dimmi, ti senti qualcos'altro o è solo un comune raffreddore?


    *L'avrebbe visitata comunque, ma preferiva interagire con la sua giovane paziente per scoprire qualcosa di più, utile alla diagnosi.
    Mentre attendeva una risposta appellò la pozione che le sarebbe stata comunque utile in quella situazione. La scorta era diminuita drasticamente, avrebbe dovuto mettersi davanti al calderone molto presto per ricostituirla prima di restare senza, ma per ora ne aveva a sufficienza da poter usare.*



    *La Pepperup Potion, ideale contro il raffreddore e gli stati febbrili; avrebbe rimesso in sesto la Grifondoro nel giro di qualche ora, giusto il tempo necessario per preparare anche qualcosa per restituirle energia e vitalità. La posò sul comodino accanto al letto in attesa di usarla, e tornò a sistemarsi al capezzale della ragazza, posandole un panno umido sulla fronte per aiutarla a sentirsi meglio.*

    @Pervinca_Periwinkle


  • Pervinca_Periwinkle

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 6
    Galeoni: 2035
       
       

    *Appena richiuse il portonre dietro di se vide @Shana_Sakai, una delle due Guaritrici che lavoravano nell'Infermeria del Castello di Hogwarts nonchè amica della Grifondoro del sesto anno, venirle incontro. Pervinca si sentiva uno straccio, le poche energie che possedeva le aveva spese per raggiungere l'Infermeria. Quasi quasi la prossima volta si sarebbe fatta trasportare dalle compagne di dotmitorio. Proprio mentre percepiva che il proprio corpo stava per crollare Shana venne in suo soccorso, cingendole le spalle con un braccio e guidandola verso il letto più vicino, facendola sdraiare e coprendola. Pervinca si sistemó ancora più sotto le coperte, cercando sollievo per il freddo che sentiva. Stava per riaddormentarsi quando percepì la vicinanza di Shana e la sentì chiederle qualcosa*

    Oh, tesoro, hai proprio un gran febbrone!
    Dimmi, ti senti qualcos'altro o è solo un
    comune raffreddore?


    *Pervinca ci mise un po' per analizzare la frase della Guaritrice e poi le rispose*

    Coff.... A parte la testa che mi scoppia...Coff...Il freddo e ...coff coff.. la gola che mi fa male.... coff ... non mi sembra altro

    *La sua frase era parecchio sconclusionata , ma pazienza. Sentì una pezza umida che le veniva posata sulla fronte, donandole un po' di piacere. Sprofondó ancora un po' di piu sotto le coperte, gli occhi chiusi e la mente giá in viaggio*


    Inviato da HW Mobile



  • Shana_Sakai

    Grifondoro Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 2450
        Shana_Sakai
    Grifondoro Certificato
       
       

    Infermeria - Sala visite



    *Shana accompagnò l'amica verso uno dei letti; sembrava sul punto di svenire e si vedeva che aveva fatto una grande fatica per giungere fino da lei. La febbre, già parecchio alta, stava consumando tutte le sue energie, tanto che appena sfiorò il morbido materasso le sue palpebre ormai pesanti si chiusero e lei parve già quasi tra le braccia di Morfeo.
    La guaritrice la osservò dispiaciuta, non solo perché stava male, ma anche perché doveva tenerla sveglia ancora un po', giusto il tempo per completare la visita e somministrarle la medicina che l'avrebbe aiutata a rimettersi in forma.
    Le chiese, quindi, che sintomi aveva, giusto per poter fare ancora meglio il quadro della situazione. Nel frattempo le posizionò sulla fronte un panno umido ed estrasse il proprio fidato catalizzatore.*

    Coff.... A parte la testa che mi scoppia...Coff...Il freddo e ...coff coff.. la gola che mi fa male.... coff ... non mi sembra altro

    *Era proprio come Shana aveva immaginato; anche se il lieve accenno di tosse poteva nascondere qualcosa di più grave. Col grande freddo di quei giorni non poteva escludere un principio di polmonite; doveva prendere in considerazione ogni dettaglio per poter far stare meglio l'amica nel minor tempo possibile.
    Puntò quindi la bacchetta verso il corpo inerme della giovane, cominciando la visita.
    I linfonodi parevano ingrossati, per via della febbre, ma per fortuna la tosse sembrava non derivare da qualcosa di più preoccupante; la pozione che aveva già recuperato e un semplice ricostituente sarebbero stati più che sufficienti. Ne era contenta.*

    Non ti preoccupare cara, in poche ore ti rimetterò in sesto, vedrai.
    Ti chiedo soltanto di metterti a sedere in secondo, per poter prendere la medicina. Ti aiuterò io, e dopo potrai tornare a riposare.


    *Le disse in tono rassicurante, mentre prendeva con un cucchiaio una bella porzione della pozione dal bottiglino e la allungava verso Pervinca.*



    Ecco brava, così. Adesso riposa; tra qualche ora tornerò per accertarmi delle tue condizioni e ti porterò una bella pozione ricostituente.
    Sono sicura che entro domani potrai tornare in giro per il Castello; immagino che le lezioni ti manchino molto.


    *Disse con un sorriso scherzoso mentre aiutava la ragazza a ritornare sotto le coperte. Quando vide che si era addormentata si diresse sul retro per lavorare alla pozione ricostituente; gli ingredienti li aveva tutti riposti ordinatamente nella dispensa.
    In un angolo appartato trovò la sua Mysia ad osservarla curiosa; voleva rendersi utile.*



    Ma certo tesoro, vai pure di la e tieni sotto controllo la nostra giovane paziente; se noti qualcosa di strano vieni ad avvisarmi subito, così io posso lavorare qui tranquilla.

    *Le disse ringraziandola con lo sguardo. Sapeva che avrebbe svolto un lavoro puntiglioso e attento, grazie anche alla maggiore sensibilità in più che aveva rispetto a lei, normalissima umana.
    La osservò svoltare verso la sala visite e, solo quando scomparve dalla sua visuale, tornò a concentrarsi sul calderone che aveva davanti, pronta a lavorare alla pozione che le aveva insegnato la madre anni e anni prima.*

    @Pervinca_Periwinkle




    Ultima modifica di Shana_Sakai oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale