• Jane_Casterwill

    Grifondoro Insegnante Responsabile di Casa Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 3115
       
       

    Duello tra Esperanza Fuentes di Tassorosso e Sarah Jonson di Corvonero.

    Luogo: Testa di Porco (Hogsmeade)
    Numero di interventi: 6 [1 introduzione; 4 di incantesimi (2 a testa); 1 conclusivo]
    Primo post: Esperanza Fuentes

    E’ sera e, come tutti i giorni, i negozi e i pub di Hogsmeade stanno chiudendo. Alla locanda “Testa di Porco”, nota per le frequentazioni poco raccomandabili e il suo aspetto trasandato, la giovane Esperanza sta sistemando le ultime cose prima di chiudere, assolvendo le sue mansioni di barista.
    Dalle finestre incrostate di sporco e polvere si intravedono lampi di luce e il suono di schianti e oggetti rotti filtra tra le mura, segno di un duello in corso.

    Motivazione e scelte spettano a voi, avete campo libero. Mi aspetto un duello pieno di sentimento e entusiasmo ma soprattutto fantasia. Tenete bene a mente il luogo e sfruttatelo a vostro vantaggio per rendere il duello il più avvincente possibile.


    FATE MOLTA ATTENZIONE AL TEMPO ED ALLA DURATA: RESTATE ENTRO I LIMITI DI 7 GIORNI A TESTA. SE VI SONO CAUSE DI FORZA MAGGIORE NON ESITATE A CONTATTARMI E AD AVVERTIRMI!

    Potete utilizzare tranquillamente immagini e gif, renderanno il tutto più vero.

    N.B. Vi chiedo solo una cosa: citatemi alla fine di ogni post del duello ed in alto scrivete sempre a quale momento ci si riferisce (I post, II post...III...Conclusione).
    Un consiglio: vi ricordo che siamo nel Club dei Duellanti e non in una role normale. Quindi i post devono essere articolati e ben scritti.


    Buon duello ad entrambe!


    @Esperanza_Fuentes, @Sarah_Jonson,


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 863
       
       

    I POST: INTRODUZIONE


    Era sera inoltrata quando dalla vetrata della Testa di porco vidi i commercianti chiudere le porte dei locali, le vie di Hogsmeade si svuotavano e lasciavano spazio ad una nebbia che scendeva fitta.
    Un brivido di freddo corse lungo la mia schiena mentre spazzavo l'ingresso del pub, evidentemente era un segno che mi diceva di entrare, altimenti mi sarei beccata un bel raffreddore. Entrai nel locale, dove aleggiava calore e un buon profumino di cibi appena preparati, qualcuno doveva aver ordinato la cena. Mi venne l'acquolina in bocca quindi decisi di prendere anch'io un boccone.
    Appoggiai la scopa nel vecchio ripostiglio e chiusi la porta, dentro c'era un casino immenso e non voleva farlo notare ai clienti. Persone che era meglio stargli alla larga vista l'ora tarda e la quantità di bibite alcoliche che avevano ingerito,
    avevo sempre un po' di paura arrivata a quell'ora, per fortuna non rimanevo mai sola, c'era la cuoca e altri dipendenti.
    Mi avviai verso la cucina e chiesi gentilmente se potevo avere una porzione di pollo arrosto e patate, era evidente che per quella sera non avrei potuto cenare al castello quindi mi dovevo adeguare.
    Tornai al bancone in attesa che il suo cibo fosse pronto e nel frattempo lavò i bicchieri e i boccali sporchi. Il locale si stava svuotando e sul bancone rimanevano solo stoviglie da pulire, raccolsi tutto e li misi anch'essi nel lavabo, appena finito di lavarli li riposi sopra una tovaglia in attesa fi essere asciugati.



    Non appena ebbi finito il mio lavoro andai in cucina a controllare se la mia cena fosse pronta e fui contentissima nel notare che la cuoca aveva pure apparecchiato un piccolo tavolo in cucina per me, sopra una tovaglia rossa a quadri bianchi c'era il suo piatto. Io ero sorpresa e non avevo parole per ringraziare quella gentilezza che mi fu fatta, ad ogni modo mi legai i capelli in una coda di cavallo e mi sedetti a mangiare. Il pollo era squisito come sempre, e le patate divine. Quello era il mio piatto preferito non avevo mai ordinato altro.
    Assaporai la mia cena fino alla fine, ma poi venne il momento di tornare a lavoro.
    A malincuore mi alzai e tolsi la tovaglia per poi tornare al bancone, fui sorpresa nel vedere che il locale si era quasi svuotato, e vista la tarda ora decisi di mettere le sedie sopra i tavoli e pulire i pavimenti, così che domani mattina il pub fosse fresco e profumato.
    La stanchezza cominciò a farsi sentire, le gambe mi tremavano e non avevo più forse, tuttavia riusci a sollevare tutte le sedie per poi prendere di nuovo la scopa e cominciare a spazzare quella stanza ormai sudicia, qualche cliente poco educato si era divertito a gettare burrobirra a terra e altro.

    *Non vedo l'ora di chiudere e tornare al castello!*

    Pensai, una bella doccia e una bella dormita avrebbero fatto al caso mio.
    Quello che successe dopo però fu differente da quello che pensavo di fare.
    Ero intenda a strofinare uno dei tavoli quando dalla vetrata incrostata di una finestra intravidi bagliori di luce, cominciai a credere che la stanchezza mi stesse facendo brutti scherzi, ma poi si aggiunse il rumore di schianto di vetri che battevano contro il muro.
    Mi misi sulla difensiva, corsi dietro al bancone infilai la giacca e mi diressi alla porta d'ingresso.



    Ero curiosa e non mi avrebbe fermata nessuno dallo scoprire cosa stesse succedendo fuori dalla Testa di porco.

    @Sarah_Jonson, @Jane_Casterwill




    Ultima modifica di Esperanza_Fuentes oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 287
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    Citazione:
    [II POST - INCANTESIMO di Sarah: Alarte Ascendare]


    [Vie di Hogsmeade]




    In una serata dall'apparenza comune alle altre, stavo camminando con calma e tranquillità fra le vie di Hogmeade, offuscate dalla fitta nebbia. Quel pomeriggio mi ero dedicata allo studio, poichè mi piaceva arrivare preparata alle lezioni, dopodiché mi ero recata nel piccolo villaggio per fare delle compere.
    Frequentavo ormai da quattro anni la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, nonostante fossi una Nata-Babbana, ovvero una strega nata fra persone "senza poteri magici", ero stata ammessa all'età di undici anni. Era stato meraviglioso scoprire il mondo della magia, anche se non avevo mai avuto una vita facile con alcuni studenti Purosangue, soprattutto della casata Serpeverde, che mi disprezzavano per le mie origini. Quel primo settembre era stato diverso da quelli precedenti, dopo un lungo viaggio in treno ed essere salita su delle barche sul Lago Nero avevo raggiunto con gli altri undicenni il Castello di Hogwarts, fu uno dei momenti che non avrei mai dimenticato. Dopo l'entrata in Sala Grande era stato detto il mio nome e un cappello magico era stato appoggiato sulla mia chioma rossa urlando "Corvonero". Nonostante il mio carattere timido era stato proprio in quella scuola che avevo capito la grande importanza delle vere amicizie. Mentre passeggiavo e fantasticavo potevo vedere i negozianti chiudere le loro attività, volevo comprare ancora qualche cosa che avevo appuntato su una pergamena, ma a quanto pareva era troppo tardi, avrei dovuto purtroppo aspettare il giorno seguente. Sentii la mia pancia brontolare piuttosto rumorosamente, non avevo infatti ancora cenato quel giorno, ci avrei messo troppo tempo a raggiungere la Sala Grande oppure ad intrufolarmi nelle Cucine nel Seminterrato del Castello. Mi guardai intorno cercando di comprendere dove mi trovassi dato che la nebbia mi impediva di vedere correttamente. Intravidi da lontano la Testa di Porco, uno dei locali in cui ero stata assunta da qualche settimana dalla sindaca del villaggio, Gianna Fields, ormai conosciuta come Freya Hansen. Avevo proprio voglia di mangiare una Fish and Chips con un bel boccale di Burrobirra fresca.

    *Forse sono ancora in tempo per ordinare qualcosina...*



    Pensai fra me speranzosa. Pochi secondi dopo rabbrividii per il freddo gelido che stava aumentando sempre di più e mi decisi una volta per tutte a dirigermi verso il locale, se fosse stato chiuso sarei ritornata in fretta al Castello.

    [Testa di Porco]




    La Testa di Porco era un piccolo e vecchio pub di Hogmeade. Se non ci fosse stata tutta quella nebbia avrei potuto vedere la solita insegna di legno che pendeva da una staffa arrugginita raffigurante una testa di cinghiale mozza da cui gocciolava del sangue su un panno bianco. Dovevo però ammettere che non era un luogo molto invitante, neppure dall'esterno, era infatti noto per delle frequentazioni poco raccomandabili, motivo in più perchè gli studenti non si recavano lì spesso. Prima di entrarci decisi di sbirciare, notando con stupore una presenza sospetta all'interno, poco lontano sentivo dei rumoro strani, diversi da quelli che ero abituata a sentire quando mi trovavo lì. Avrei voluto voltarmi dall'altra parte e mettermi a correre, come mi diceva la ragione, ma l'istinto di scoprire cosa succedeva prevalse su di essa. Feci un sospiro per prendere coraggio e aprii la porta che, tanto per cambiare, cigolò. Come al solito era un luogo angusto e sporco, appena sentii il forte odore acre di capra mi tappai il velocemente il naso. Il pavimento di pietra era come sempre sudicio, anche se durante il mio lavoro avevo tentato più volte di renderlo pulito. Le finestre erano così tanto incrostate che filtrava pochissima luce nella stanza, quest'ultima era leggermente illuminata con l'aiuto di mozziconi sui tavoli. Per questo motivo non riuscivo a vedere la persona che mi aveva attirata lì. Presi in fretta la bacchetta, avvicinandomi con lentezza per non essere sentita. Iniziai a riflettere su quale incantesimo avrei potuto scagliare contro il mio futuro avversario. Volevo scagliare un incantesimo non-verbale, ovvero un incantesimo che avrei dovuto pensare e non dire ad alta voce, ma questo comportava più attenzione per la buona riuscita, così avrei potuto cogliere di sorpresa il mio avversario. Fu così che puntai bene la bacchetta dove vedevo la sagoma misteriosa per poi concentrarmi il più possibile.

    *Alarte Ascendare!*

    Citazione:
    ALARTE ASCENDARE (n-vbl) Descrizione: lancia la vittima in alto, per poi farla ricadere violentemente a terra Tipo: incantesimo offensivo Durata: istantanea Consigliato: per disorientare il nemico e renderlo inoffensivo per qualche minuto Avvertenze: // Livello Minimo Consigliato: 2




    Era un incantesimo facile, dato che l'avevo imparato due anni prima, al secondo anno, ma io temevo comunque che non l'avessi scagliato correttamente. Attesi così di scoprire se il mio incantesimo avesse fatto o meno effetto e la reazione del mio avversario. Tenevo stretta la bacchetta, avendo paura di perderla e rimanere disarmata perchè, dovevo ammetterlo, in quel momento ero molto spaventata.

    @Esperanza_Fuentes, @Jane_Casterwill


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 863
       
       

    III POST - INCANTESIMO DI ESPERANZA - EVERTE STATIM


    *Avevo lavorato spessissimo alla Testa di porco specialmente a tarda ora e apparentemente non era mai accaduto nulla ne fuori dal locale e neanche con la clientela che come risaputo poco raccomandabile.
    Mia madre mi diceva sempre che quello era un bar di malfattori e poco di buono e che se mai un giorno fossi andata ad Hogsmeade dovevo stare alla larga da quel posto, nulla sapendo che sarei diventata la sua barista. Parlavo molto poco con mia mamma, Eléna Fuentes è una donna in carriera con pochissimo tempo da dedicare ai figli, da quando frequentavo la scuola avevo ricevuto soltando poche lettere da lei e soltanto per Natale, non si può dire lo stesso di mio padre, lui non ha lasciato traccia quando si è trasferito in Olanda con la sua nuova compagna. La cosa non mi disturbava più di tanto, ormai lui era una persona totalmente estranea per me e mia sorella Ailea. Siamo cresciute completamente sole e senza l'amore di due genitori apparte l'amore reciproco che provavamo l'una per l'altra, forse è per questo che sono cresciuta con un carattere rigido e che lascia molto a desiderare. Non fraindendiamoci con le persone ero gentile e amorevole ma se mi arrabbiavo perdevo subito le staffe, cosa che per una ragazza a modo non andava affatto bene. Ad ogni modo mi trovavo fuori e immersa nei miei pensieri, ero uscita perché intravidi dei bagliori di luce ma quando arrivai davanti la porta del pub cessò tutto. Chissà forse me lo ero soltanto immaginato, mi allontanai un po' dal locale per prendere una boccata d'aria ne avevo proprio bisogno, la serata di lavoro era stata estenuante. Ero lontana solo pochi metri dalla Testa di Porco quando cominciai a sentire dei rumori, pensai che fosse qualche gatto o qualsiasi altro animale e mi rilassai subito, stavo per tornare dentro quando sentii una voce urlare.. *

    Alarte Ascendare!

    *Non feci in tempo a vedere chi fosse, so solo che dopo un enorme balzo mi ritrovai scaraventata a terra. Persi i sensi per qualche istante, avevo sbattuto la testa ad uno dei marciapiedi li vicino. Riuscì ad alzarmi appoggiandomi al muro, estrassi la mia bacchetta dallo stivale destro e la impugnai saldamente. Ero confusa e la mia vista offuscata grazie alla botta che avevo preso. Mi toccai la nuca e intravidi un po di sangue, non capivo chi mi avesse giocato quel tiro, chi poteva avercela così tanto con me da colpirmi addirittura alle spalle. Ero spaventata, tremavo e non sapevo cosa fare.*



    *Mi facevo prendere facilmente dal panico, specialmente quando non vedevo i miei nemici. Cercai di camminare per avvicinarmi al locale, ma nessuno sembrava sentire cosa stesse capitando fuori dalle sue mura. Non riuscivo più a sentire lo sconosciuto che mi aveva attaccato pensavo se ne fosse andato, ma mi sbagliavo. Non ero mai stata una persona violenta, preferivo chiarire i miei attriti con il dialogo e non con la magia. Stavo per raggiungere il pub, e già mi immaginavo seduta a bere una buona tisana calda per calmare i nervi e lo spavento quando sentii un'altro rumore. Diventai ormai rossa di rabbia, non potevo stare li senza far nulla, mi avrebbe attaccata nuovamente. Alzai la bacchetta che impugnavo con la mano destra la puntai verso la fonte del rumore e urlai..*

    EVERTE STATIM!

    Citazione:
    Citazione:
    EVERTE STATIM
    Descrizione: come effetto ha quello di scaraventar via l'avversario in modo fulmineo
    Tipo: incantesimo offensivo
    Durata: istantanea
    Consigliato: per mettere al tappeto un nemico e stordirlo
    Avvertenze: //
    Livello Minimo Consigliato: 1




    *Una forte energia percorse il mio corpo indolenzito, non sapevo se il mio incantesimo aveva colpito il mio avversario, ma io non restai certo li a scoprirlo. Zoppicando mi allontanai e mi nascosi dietro il muro del pub sperando che non vedendomi se ne andasse e mi lasciasse in pace. Dai sudici vetri dei Tre manici di scopa riuscivo a vedere i clienti che ridevano e consumavano le loro ordinazioni, nessuno sembrò notare la mia assenza. Cercai di chiedere aiuto ma nessuno sembrava sentirmi.
    Ero distrutta cominciai a pensare che fosse un incubo e nel dubbio iniziai a darmi pizzicotti nelle braccia talmente forti da lasciarmi dei lividi.. Evidentemente non era un incubo. Tornai in me, e mi guardai attorno, non c'era rumore non si sentiva nulla. Forse il mio incantesimo l'aveva steso. Tornai vicino il pub dove avevo lanciato il mio incantesimo ma con mia grande sorpresa non vidi nessuno e così mi lasciai sfuggire un sospiro di sollievo. *

    @Sarah_Jonson, @Jane_Casterwill


  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 287
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    Citazione:
    [IV POST - II Incantesimo di Sarah: COMBO: Protego + Petrificius totalus]


    Numerose persone mi avevano riferito, quando avevo raccontato loro di essere stata assunta alla Testa di Porco, che si recavano lì persone poco raccomandabili dicendomi di essere sempre attenta e diligente, ma fino a quel giorno credevo che fossero soltanto voci false. Avevo lavorato lì anche fino a tarda sera ma non avevo servito nè visto qualcuno di sospetto che attirasse particolarmente la mia attenzione, sarebbe stato piuttosto facile notarlo dato che non vi erano molti clienti, i pochi che si recavano erano adulti e capitava di rado di incontrare studenti del Castello di Hogwarts. I pensieri di quelle sere tranquille passate lì a pulire il bancone e passare fra i tavoli furono interrotti quando, poco lontano, vidi e sentii qualcosa alzarsi e cadere violentemente a terra. Il mio primo incantesimo di quel duello aveva fatto effetto! Non riuscivo a crederci... Ero spaventata per quello che sarebbe accaduto in seguito ma felice contemporaneamente per la buona riuscita di ciò che avevo lanciato dalla mia preziosissima bacchetta. Non avevo idea di chi avevo colpito ed ero sicura che si era fatto male, avrei voluto avvicinarmi per assicurarmene ma sarebbe stato troppo pericoloso, se fosse stato un mago esperto? Io ero ancora una giovane strega quattordicenne e avrei dovuto essere tanto ma tanto fortunata per sconfiggerlo se così fosse stato. Fra la nebbia che mi impediva di vedere notai dopo qualche minuto la sagoma alzarsi e avvicinarsi verso la mia direzione. In quel momento le mie gambe tremavano e con esse anche il resto del corpo, mentre mi mordevo le labbra rosa capii che non dovevo mollare proprio in quel momento, no, proprio non potevo. Continuavo a non vedere e sfortunatamente mi inciampai facendo cadere rumorosamente a terra lo zaino in cui avevo messo le cose che avevo acquistato quel pomeriggio. Ci mancava pure quella! Mi alzai all'istante mettendo lo zaino sulle spalle, non dovevo perdere tempo perchè l'avversario mi avrebbe potuta colpire di spalle. Appena fui in piedi tolsi con le mani la poca sporcizia sui miei vestiti e guardai da lontano colui che puntò bene nella mia direzione la sua bacchetta e disse a voce alta.

    ”EVERTE STATIM!”


    ”Protego!”



    Citazione:
    PROTEGO
    Descrizione: crea uno scudo in grado di contrastare gli incantesimi più semplici
    Tipo: incantesimo difensivo
    Durata: istantanea
    Consigliato: per proteggersi da tutti gli incantesimi di livello medio-basso
    Avvertenze: è inefficace sia contro gli Incantesimi Oscuri sia contro le Maledizioni Senza Perdono
    Livello Minimo Consigliato: 1


    Urlai in risposta. Era un incantesimo che pure gli studenti del primo anno erano in grado di fare, ma era il primo incantesimo che mi veniva in mente quando dovevo difendermi. Speravo che l’incantesimo da me scagliato mi avesse protetta ed intanto iniziai a sentirmi perplessa e confusa perché la voce che aveva lanciato l’incantesimo mi sembrava molto familiare, ma probabilmente mi sbagliavo, la nebbia combinata alla stanchezza dopo una lunga giornata mi stessero facendo un brutto scherzo. La ragione non capiva come mi fosse venuto in mente di attaccare qualcuno che non conoscevo ma per l’istinto era sembrata la cosa giusta da fare. Vidi il mio avversario zoppicare e muoversi ancora, temevo che mi avrebbe lanciato un altro incantesimo, di certo non sarei stata li ad aspettare di essere nuovamente colpita per reagire così tentai di bloccare lo sconosciuto che veniva nella mia direzione.

    ”Petrificus totalus!”

    Citazione:
    PETRIFICUS TOTALUS
    Descrizione: irrigidisce il corpo della persona o dell’animale su cui è lanciato facendolo diventare duro come una pietra
    Tipo: incantesimo offensivo
    Durata: 1 turno ogni 3 livelli
    Consigliato: per immobilizzare un avversario oppure per difendersi da bestie feroci e Creature Magiche
    Avvertenze: per avere un effetto soddisfacente l'incantesimo deve colpire in pieno petto il bersaglio
    Livello Minimo Consigliato: 3





    Dissi con voce decisa, puntando bene la bacchetta sulla sagoma misteriosa, sperando ancora una volta di aver lanciato l’incantesimo nel modo più corretto possibile. Non duellavo spesso, perché preferivo risolvere i problemi a voce, sicuramente non avrei lanciato un incantesimo ad una mia amica durante un litigio. Ero una persona calma e dolce fino a quando non mi facevano perdere per bene la pazienza, magari insultando qualche amico parente, oppure direttamente me, se così accadeva esplodevo di rabbia e non risparmiavo nessuno, rischiando di diventare violenta.



    @Esperanza_Fuentes, @Jane_Casterwill


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 863
       
       

    V POST-II INCANTESIMO DI ESPERANZA-
    EXPULSO


    *Il freddo cominciava a farsi sentire nonostante il clima fosse mite, forse era la stanchezza o la paura a farmi gelare, i miei vestiti erano ormai laceri e la bellissima giacca che indossavo, inutilizzabile.
    Dentro il pub continuavano le risate dei clienti, totalmente ignari da quello che stava succedendo a pochi metri dalla Testa di porco, evidentemente erano già tutti ubriachi per poter sentire le mie urla di aiuto. Dopo un po' smisi di gridare, capi che non sarebbe servito a niente, solo ad umiliarmi. Avevo lanciato il mio incantesimo, ma la mia rivale lo aveva schivato abilmente con un protego. Stavo cercando di avvicinarmi il più possibile alla porta d'ingresso del bar quando mi venne lanciato nuovamente un'altro incantesimo.*

    Pietrificus totalus!

    *Al suono di quelle parole non ebbi il tempo di pensare, saltai dall'altra parte della strada rotolando a terra e rimettendomi in piedi quasi subito, con mia grande sorpresa riuscì a schivare l'attacco della mia sfidante, mi nascosi dietro un muretto per riprendere fiato.
    Era strano che ancora non avessi visto il viso del mio avversario, ma non ci tenevo poi così tanto, desidaravo solo che quell'incubo finisse subito.
    Prima di attaccare decisi di fare un ultimo tentativo per farlo ragionare, ero in preda al panico, stanca e amareggiata, non capivo chi mai potesse farmi del male, ero una ragazza gentile con tutti, altruista e disponibile non avevo nemici e questo rendeva tutto ancora più strano.*

    Ti prego basta.. Falla finita! Non riesco a capire cosa ti ho fatto per meritarmi questo!



    *Non ricevetti risposta alle mie implorazioni, le lascrime scorrevano sul mio viso lasciando una scia nera si sporcizia sulla mie guance. Non avevo scelta dovevo lanciare un'altro incantesimo e forse mi sarei liberata di quel tormento. Avevo la bacchetta salda sulla mano destra e quando cominciai a sentire dei passi avvicinarsi verso di me alzai il catalizzatore e urlai.. *

    EXPULSO!

    Citazione:
    EXPULSO
    Descrizione: incantesimo simile a Stupeficium tranne che se usato su oggetti li può fare esplodere come Confringo
    Tipo: incantesimo offensivo
    Durata: istantanea
    Consigliato: per far perdere conoscenza all’avversario o ostacolarlo con esplosioni
    Avvertenze: //
    Livello Minimo Consigliato: 4


    *Un bagliore accecante uscì dalla mia bacchetta illuminando tutto attorno a me e prima che l'incantesimo lo colpisse riuscì a intravedere il profilo del mio avversario. Era una ragazza dai capelli rossi, strofinai gli occhi per riuscire a vedere meglio forse la stanchezza mi stava facendo un brutto scherzo ma quando riaprii gli occhi l'immagine che avevo davanti non cambiò. Non riuscivo a crederci il mio nemico era la mia migliore amica. Il bagliore del suo catalizzatore si avvicinava sempre più alla figura di fronte a lei, io ero in preda alla disperazione e l'unica cosa che uscì dalla mia bocca fu solo un grido disperato.*

    Sarah.. Spostatiiiiii!!



    *Proprio così, la mia avversaria era Sarah Jonson, una ragazza che conoscevo fin dal mio primo anno ad Hogwarts, non sapevo la ragione o il perché di quel duello ma adesso non aveva importanza, non più. Volevo solo che la mia amica riuscisse ad evitare il mio incantesimo. Mi lasciai cadere a terra in un mare di lacrime lasciando scivolare il catalizzatore dalla mano.*

    Mamma mia! Che ho fatto!

    *Mi coprii il viso con le mani ormai sudicie, non avevo il coraggio di guardare, speravo solo che quell'incubo finisse, non desideravo altro.*

    @Sarah_Jonson, @Jane_Casterwill


  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 287
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    Citazione:
    [VI POST - CONCLUSIONE]


    Stavo letteralmente tremando, sia per il freddo che per la paura. Dopo la mia caduta i miei vestiti era sporchi di terra, per questo ogni tanto controllavo di aver rimosso tutta la sporcizia e che i miei abiti non si fossero strappati. Il mio avversario continuava ad urlare aiuto, cosa piuttosto inutile dato che c'eravamo solo io e lui, senza contare i clienti che probabilmente erano in "un altro mondo". Quella voce continuava ad incuriosirmi, mi sembrava di averla già sentita da qualche parte ma continuavo a credere che fosse solo la mia immaginazione che faceva brutti scherzi. Il protego che avevo scagliato aveva avuto effetto, altrimenti mi sarei ritrovata a terra senza sensi. Il mio nemico si stava avvicinando troppo alla porta del locale e, di conseguenza a me, ma il mio petrificus totalus non aveva avuto effetto su di lui. L'aveva schivato con agilità, nascondendosi. Rimasi zitta continuando a tremare, pensando a cosa sarebbe accaduto se un Prefetto o un Insegnante mi avesse vista lì a duellare. In fin dei conti la colpa era maggiormente mia, avevo attaccato io per prima, quindi le conseguenze sarebbero state peggiori. Se mi avessero espulsa da Hogwarts? Tornai alla realtà quando il mio avversario mi parlò, facendomi capire il grave errore che avevo commesso incoscientemente.

    "Ti prego basta.. Falla finita! Non riesco a capire cosa ti ho fatto per meritarmi questo!"

    *Es....Esperanza...! No non è possibile....*



    Nel sentire la persona a cui avevo fatto del male mi cadde la bacchetta a terra.

    [Inizio flashback]


    In una sera di Luglio dell'anno primo mi trovavo nella famosa Gelateria Fortebraccio e, dopo aver ordinato un gelato alla pesca, uno dei miei gusti preferiti, mi ero accomodata su uno dei tavolini. Mentre gustavo quella delizia cercavo con lo sguardo qualcuno di familiare, fino a che una ragazza dai capelli color carota si avvicinò a me con un sorriso stampato sul volto dolce.

    "Ciao piacere di conoscerti mi chiamo Esperanza, posso sedermi qui con te?"

    "Ciao, certo siediti pure! Mi serve proprio un po' di compagnia. Comunque io sono Sarah Jonson, anche per me è un piacere conoscerti!"

    Adoravo fare nuove amicizie e per quello ascoltai con piacere le parole di quella Tassorosso. Stavamo parlando ognuna della propria storia fino a quando ella mi disse.

    "Spero diventeremo grandi amiche."

    "Lo spero anche io!"



    Dissimo entrambe sorridendo, probabilmente senza sapere che il nostro desiderio si sarebbe realizzato piuttosto velocemente.

    [Fine flashback]


    Colei che avevo attaccato era la mia migliore amica no, non ci potevo credere, le lacrime iniziarono a scendere sempre più velocemente dal mio volto. Rimasi quasi paralizzata nel sentire la giovane, che non si era accorta che il suo nemico ero proprio io, lanciarmi un altro incantesimo.

    "Expulso!"

    Erano questioni di secondi che avrei perso coscenza, se non mi fossi difesa. La bacchetta era ancora lì, sulla strada. Non avevo tempo di cercarla, soprattutto per la nebbia che non mi lasciava mai in pace. Fu un urlo che mi fece capire che dovevo assolutamente evitare di essere colpita.

    "Sarah... Spostati!"

    Riuscii solo ad emettere un lieve sospiro prima di buttarmi con determinazione alla mia sinistra per evitare l'incantesimo. Potei notare la mia amica abbassarsi a terra, ma non capii cosa stesse dicendo fra sè. In quel momento avevo il volto tutto bagnato dalle lacrime di colpa e la testa mi girava, avevo paura di crollare in strada. Volevo avvicinarmi alla Tassorosso e consolandola mentre la stringevo in un abbraccio, ma no, nessun abbraccio e nessuna parola sarebbero state di conforto e per farmi perdonare quell'orribile errore. Con la voce rotta dal pianto urlai più che potevo.

    "Esperanza... Spero saprai perdonarmi!"



    Erano parole dette con dolore, mi sentivo malissimo e odiavo me stessa. Recuperai la bacchetta mettendomi a correre più che potevo verso la Torre Ovest con il cuore distrutto e la coscienza macchiata da una grande colpa.

    @Esperanza_Fuentes, @Jane_Casterwill


  • Jane_Casterwill

    Grifondoro Insegnante Responsabile di Casa Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 3115
       
       

    DUELLO CHIUSO


    @Esperanza_Fuentes, @Sarah_Jonson, il prima possibile vi pubblicherò la valutazione.

  • Jane_Casterwill

    Grifondoro Insegnante Responsabile di Casa Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 3115
       
       

    Innanzitutto mi scuso per il ritardo ma gli impegni personali mi hanno tenuta lontana dal sito. Ora passiamo alla correzione del vostro duello.
    Purtroppo da parte di entrambe ci sono stati molti errori, tra cui anche alcuni che coinvolgono le regole del Club dei Duellanti. Cercherò di spiegarvi al meglio tutto quanto per evitare che in futuro si ripetano.

    Per prima cosa a inizio duello io vi avevo sottolineato il fatto che i post devono essere ben dettagliati perché non ci troviamo davanti a una normale role, ma quello che ho trovato sono post corti, arricchiti dal sostanzioso utilizzo di gif e immagini, e molto frettolosi. Non c’è stato un approfondimento dal punto di vista emotivo o delle motivazioni da parte di nessuna delle due e questo mi dispiace molto. Come detto sempre all'inizio l’utilizzo di gif e immagini è consentito e anche utile, tuttavia non bisogna abusarne.

    Ci sono anche molti problemi di coerenza, partiamo da quelli di ambientazione. Qui di seguito vi riporto la descrizione della Testa di Porco così come è scritta sulla Potterpedia:

    Citazione:
    E' un luogo angusto e sporco, con un persistente odore acre di capra. Le finestre sono talmente incrostate che filtra pochissima luce nella stanza, che è illuminata con l'aiuto di mozziconi di candele su ogni tavolo. Il pavimento è in pietra vista ma sudicio.


    @Esperanza_Fuentes, tu hai scritto che nel locale aleggia calore e un buon profumino di cibo, capisci che questo non è coerente con l’ambientazione del duello e credo che tu te ne sia accorta visto che nei post seguenti hai cambiato descrizione. @Sarah_Jonson, al contrario, hai descritto correttamente l’ambiente, ma per favore la prossima volta non copiare la descrizione della Potterpedia, cerca piuttosto di cambiare vocaboli.
    Questo mi porta a un altro punto importante: l’incoerenza tra i vostri post, che non si presenta solo dal punto di vista della descrizione del luogo. Esperanza nel primo post ha scritto di essere uscita per controllare cosa succede, avendo sentito dei rumori, mentre Sarah dice che entra vedendo una figura sospettosa all'interno del locale e attacca lo sconosciuto. Capirete anche voi che questo crea molta confusione, non si capisce come possiate attaccarvi se vi trovate in due posti diversi. Un ultimo problema di coerenza: Esperanza hai scritto di sentir urlare il primo incantesimo usato da Sarah, ma lei ha specificato di averlo solo pensato, quindi è impossibile che tu possa averlo sentito. In più in un punto hai scritto “Tre Manici di Scopa”, ma il tutto era ambientato alla Testa di Porco. Fate molta attenzione a queste cose!

    Da entrambe le parti ci sono stati dei problemi dal punto di vista linguistico, di grammatica, punteggiatura e qualcuno di battitura. Per esempio prendo te Sarah: “mi inciampai” non è grammaticalmente corretto in italiano. Come specificato nel regolamento grammatica e punteggiatura influenzano molto il risultato del duello, quindi controllate prima di inviare.

    Infine, ma sicuramente non meno importanti, gli errori dal punto di vista del regolamento. Mi è dispiaciuto veramente molto vedere che alcune regole non sono state rispettate. Esperanza hai utilizzato la persona sbagliata, passando dalla prima alla terza anche nella stessa frase. Preso da un tuo post, per farti capire: “Tornai al bancone in attesa che il suo cibo fosse pronto e nel frattempo lavò i bicchieri e i boccali sporchi.” Sempre tu hai modificato il tuo primo post e questo nel Club dei Duellanti non è permesso. Per ultimo in tutti i post, tranne il primo, hai utilizzato gli asterischi per la narrazione.

    Per concludere entrambe non vi siete sforzate nel dare un senso a questo duello, riducendolo a un errore di valutazione da parte di chi ha attaccato per prima. Speravo sinceramente di vedere un po’ di fantasia nel motivare il duello, un po’ di pathos e, come detto prima, molti più dettagli.

    Mi dispiace molto ragazze ma con tutti questi errori, nonostante i miei avvertimenti iniziali, per me questo duello non è valutabile. Di conseguenza non c’è una vincitrice e il duello è considerato nullo. Se vorrete potrete riprovare.

    Per qualsiasi chiarimento resto a vostra disposizione via messaggi privati.
    Grazie per aver partecipato e mi scuso ancora per l’attesa!

    Jane Casterwill

  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 863
       
       

    Sicuramente il tutto e derivato dalla fretta e dalla distrazione. Cercherò di fare di meglio la prossima volta. Avrei sicuramente il piacere di riprovare, magari con Sarah di nuovo se le fa piacere!
    @Sarah_Jonson, @Jane_Casterwill

  • Jane_Casterwill

    Grifondoro Insegnante Responsabile di Casa Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 3115
       
       

    @Esperanza_Fuentes, capisco gli impegni al di fuori del sito, io stessa ci ho messo molto con le correzioni a causa degli studi, ma ti ricordo che da regolamento avete comunque una settimana intera (7 giorni) per rispondere tra un post e l'altro. La prossima volta prenditi un po' di tempo in più e fai attenzione a quello che ti ho segnalato Smile

    @Sarah_Jonson,